Il matrimonio è luce non tenebra.

In quel tempo, Gesù disse a Nicodemo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. 
Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. 
Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è gia stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio». 
E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. 
Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. 
Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio». 

Due considerazioni veloci. Logiche non teologiche. Qualcosa che possa giustificare la presenza dell’inferno e non, per questo, mettere in dubbio la misericordia di Dio. Diceva padre Raimondo che Dio non perdona mai. Lo faceva apposta, per vedere le nostre espressioni di stupore e sconcerto. Come non perdona mai? Ci hanno sempre insegnato che perdona tutto, che dobbiamo perdonare 70 volte 7. Che in lui possiamo sempre trovare misericordia. Come è possibile che non perdoni mai? Poi, una volta che si era divertito a guardare la nostra facce sgomente,  padre Raimondo spiegava e tutto aveva un senso, anzi ne aveva più di prima. Non perdona mai perchè non ha nulla da perdonarci. Per lui non c’è mai stata distanza con noi e non c’è stata nessuna rottura. Ha continuato ad amarci, anche più di prima, per poterci riattirare a sè. Non vi dice nulla la parabola della pecorella smarrita? La condanna non viene da lui. La condanna viene da noi. Noi che scegliamo di tagliare quella relazione con lui e di scegliere altro per la nostra vita. Quando non è lui il centro lo diventa per forza qualcos’altro. Lo diventiamo noi, il nostro egoismo, la nostra incapacità di farci dono, lo diventa il desiderio di prendere e usare l’altro. Il peccato è essenzialmente questo. Peccato nella Bibbia ha un significato molto interessante. Peccato è sbagliare bersaglio. Avere nel mirino l’attenzione verso il punto sbagliato. Nel peccato il centro del mirino, delle nostre attenzioni e desideri siamo solo noi. Nel peccato diventiamo egocentrici ed egoisti. Tutto deve ruotare attorno a noi, ai nostri desideri, alle nostre pulsioni. Non è questa la verità della nostra vita. Ciò che può rendere felici. Il centro, il mirino, deve essere invece puntato verso l’altro, Verso le sue necessità, i suoi desideri, le sue aspirazioni, le sue emozioni. La nostra vita deve diventare dono e cura. Solo così sarà una vita davvero felice e piena. Nel matrimonio questa verità è più evidente che in altre situazioni. Il matrimonio è la cartina tornasole di quello che è la nostra vita. Ci indica se abbiamo puntato il mirino verso il bersaglio giusto. Il matrimonio può essere il luogo della luce, dove i due sposi si fanno dono l’uno per l’altro e dove non c’è condanna, ma la presenza viva di Cristo. Sposi che diventano profezia dell’amore di Cristo. Se non è così il matrimonio diventa luogo delle tenebre, dove regna l’egoismo. Quante violenze, soprusi, egoismi si vivono nell’intimità di tante famiglie, di troppe famiglie. Quanti atteggiamenti, parole, gesti brutti ci si permette di rivolgere all’altro nel nascondimento della casa. I panni sporchi si lavano in famiglia. Si dice così, non è vero? La verità è che sono gesti delle tenebre perchè ci si vergogna di mostrarli agli altri. Gesti vergognosi. Nella nostra coscienza lo sappiamo bene.  Padre Raimondo ci rimproverava in questo. Noi sposi, siamo troppo poco consapevoli di essere sacramento perenne. Nel matrimonio, nella nostra relazione c’è Gesù vivo e presente. In modo misterioso , ma c’è, come c’è nell’Eucarestia. Quando siamo nell’intimità della nostra casa, non dovremmo comportarci diversamente da quello che faremmo e diremmo davanti a Gesù Eucarestia. La nostra relazione è sacra e, purtroppo, la sporchiamo troppo spesso.

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...