La menzogna dell’alternativa

Oggi tanti quotidiani ricordano l’approvazione quarant’anni fa della legge 194. Una delle poche leggi che tutti conoscono. Quel 194 è divenuto simbolo di una vittoria di civiltà. Attraverso quella legge, finalmente, le donne sono state libere di uccidere il proprio bambino in tutta sicurezza. Non voglio entrare in polemiche sterili. Se avete letto i miei articoli passati saprete già che io credo nella vita e nella vita fin dal concepimento. Voglio soltanto aiutarvi a riflettere proponendo due diverse testimonianze. Una che ho raccolto direttamente e una che prendo dal bellissimo libro che racconta la vicenda di Chiara Corbella Siamo nati e non moriremo mai più.

Ce l’ho ancora impresso nella memoria. Quel viso mi è rimasto dentro. Era l’autunno di circa due anni fa. Suor Lella ci telefona. Suor Lella è una sorella della fraternità Tenda di Dio della diocesi di Brescia. Suor Lella si occupa di farsi prossima alle fragilità e alle periferie esistenziale come le ha ben definite Papa Francesco.  Quindi frequenta tossicodipendenti, carcerati e altre situazioni estreme. Ci telefona perchè una giovane donna albanese, che seguiva da alcuni anni, si era trasferita in un paese vicino casa nostra. Questa giovane donna aveva già due bimbe ed era in attesa della terza. Aveva un marito che entrava ed usciva dal carcere. Voleva abortire perchè credeva di non farcela. Aveva l’aborto già fissato per il giorno dopo. Naturalmente la legge 194 è applicata in modo molto incompleto e parziale. Lo stato e le sue agenzie locali non fanno mancare assistenza quando si decide di uccidere il bambino, ma lasciano le donne praticamente sole quando decidono di tenere quella piccola vita in grembo. Sono i cristiani che si fanno carico di questi problemi. Andiamo a parlare con lei e dopo poco prende fiducia e si apre. Ci racconta di aver già abortito in passato. Ci racconta che ha due bimbe bellissime, ma non riesce a non pensare a quel bambino che non ha voluto. Si chiede come sarebbe ora, se lo immagina a scuola e piange, piange amaramente. Per questo non vuole ripetere l’errore. Cerchiamo di consolarla e di farle capire che ci sono strutture che la potrebbero aiutare e seguire. La mettiamo in contatto con delle suore che possono accoglierla e con il CAV più vicino per poter avere un aiuto concreto. E’ sollevata, felice. Andiamo a casa. Rimaniamo d’accordo che ci sentiremo l’indomani per accompagnarla al CAV. L’indomani la chiamo, non risponde. Solo verso sera vengo a sapere che il marito è venuto a prenderla, l’ha caricata in macchina e l’ha condotta ad abortire. Quando ho parlato con lei ho avvertito completa apatia, era assente, distrutta. Una vita distrutta che non so come e quando si riprenderà.

Arriviamo ora alla seconda storia. Chiara Corbella è una giovane sposa. Ha poco più di 20 anni e resta incinta. Durante l’ecografia di routine scopre che la figlia, che sta crescendo in lei, non è compatibile con la vita. Ha una malformazione molto grave. E’ destinata a morire. Non potrà vivere che pochi minuti. Chiara decide di tenerla. Non ha dubbi. Non pensa ci sia un’alternativa. Padre Vito, padre spirituale di Chiara ed Enrico, dà un nome a questa presunta alternativa: la menzogna dell’alternativa. La nostra società ci ha educato a credere che una donna possa liberamente scegliere se tenere un bimbo o abortire. La legge 194 ha ridotto tutto a un problema di sicurezza medica. Non è così. Quel bambino c’è . Statisticamente non sono le ragazze giovani ad abortire, come siamo portati a credere. La donna che abortisce maggiormente è la donna matura, in una relazione stabile che uccide il terzo figlio. Quel bambino c’è, dicevo. Credere di poter cancellare questa realtà con l’aborto è una menzogna che distrugge tante donne. Padre Vito scrive:

Questa menzogna ti fa credere che uccidendo tuo figlio sarai felice. Ma non è vero, quel figlio esiste, esisterà sempre e se ti comprerai la casa con i soldi che hai risparmiato del fatto che hai ammazzato tuo figlio, quella casa puzzerà di sangue, non esiste quella casa, è maledetta quella casa.

Non esiste una scelta possibile. Non esiste nessun diritto alla scelta. C’è la cosa giusta da fare. Non si dovrebbe caricare sulle spalle della donna questo peso insostenibile. Non è un diritto poter scegliere di uccidire il proprio bambino, ma può essere solo l’inizio della fine. In quel momento non muore solo il bambino, ma si rompe anche qualcosa nel cuore della mamma. La madre si condanna a un dolore che si porterà dentro tutta la vita.

Chiara Corbella smaschera questa menzogna dicendo una frase semplice, ma lapidaria. La dice dopo la nascita della figlia Maria. Maria vissuta solo mezz’ora. Chiara dice:

Se avessi abortito, non penso che avrei ricordato quel giorno come giorno di festa. Invece ricordo la gioia di quel giorno quando è nata

Chiara ha detto tutto. La legge 194 ci consente di scegliere. Sia chiaro, però, che esiste una scelta giusta e una sbagliata.

Antonio e Luisa

 

Annunci

Sposi sacerdoti. L’amato mio è per me un sacchetto di mirra. (27 articolo)

Abbiamo terminato il precedente articolo con il parallelismo tra l’amore degli sposi del Cantico e il gesto di Maria, sorella di Marta. Gesto con il quale Maria ha cosparso Gesù con il nardo. Parallelismo che ci ricorda che l’amore matrimoniale ci prepara alle nozze eterne con Cristo. Il modo in cui Maria ama Cristo deve essere bussola per noi sposi. Amando il nostro sposo (sposa) ci prepariamo ed impariamo ad amare Cristo nell’eternità. Ci stupiamo della bellezza di Gesù quando ci stupiamo  della bellezza l’uno dell’altra. Contempliamo la meraviglia di Gesù quando contempliamo la meraviglia l’uno dell’altra. Incontriamo Gesù quando lo intravediamo nell’altro/a. Capite ora perchè i gesti d’amore tra gli sposi sono veri gesti sacerdotali?  Torniamo ora al Cantico.

L’amato mio è per me un sacchetto di mirra,
passa la notte tra i miei seni.
14L’amato mio è per me un grappolo di cipro
nelle vigne di Engàddi.
15Quanto sei bella, amata mia, quanto sei bella!
Gli occhi tuoi sono colombe.

L’amato mio è per me un sacchetto di mirra, passa la notte tra i miei seni.

Questo passaggio è da spiegare. All’epoca le donne erano solite portare al collo un sacchettino con della mirra. Un sacchettino che quindi scendeva fino al seno. Questa immagine è molto eloquente. Un’altra essenza. Un altro profumo. Un amore che richiama la passione. Richiama il seno e quindi una parte del corpo femminile che accende l’eros dell’uomo. Profumo che inebria e incendia di passione l’uomo. Amore sensibile e carnale. Il desiderio è in crescendo. Un desiderio casto, un desiderio non generato dalla concupiscenza e dalla spinta a possedere, ma dalla profonda scoperta della meraviglia dell’altro. Desiderio che nasce nel cuore e si svela nella geografia del corpo. Un’immagine che richiama la fecondità dell’amore. I seni nutrono la vita generata da quel noi. E’ un richiamo forte a nutrire l’amore. Ogni volta che ci si dona l’uno all’altra c’è fecondità. Non solo quando si genera nuova vita biologica, ma anche quando si genere nuova vita amore. Quando si cresce nella capacità di amarsi e di amare.

Un’ultima annotazione su questa parte del testo. Don Carlo Rocchetta traduce quel Quanto sei bella, amata mia, quanto sei bella! in quanto sei incantevole.

Questa traduzione esprime molto meglio la percezione dello sposo. Tutti noi uomini, credo, possiamo identificarci in questa traduzione.

Quanto sei incantevole è un aggettivo molto più soggettivo. Non importa se non sei poi oggettivamente così bella. Se hai difetti, se hai inestetismi. Se hai qualche chilo di troppo, magari. Sei incantevole per me. Mi fermo ad ammirarti. Mi fermo e resto rapito dalla tua persona. Sei piena di grazia e di fascino per me. Questa è la traduzione che meglio può esprimere quanto sta accadendo tra i due sposi del Cantico e nella quale tutti noi possiamo riconoscerci. Guardiamo la nostra sposa con questo sguardo. Facciamola sentire la più bella di tutte per noi.

Antonio e Luisa

Articoli precedenti

Introduzione Popolo sacerdotale Gesù ci sposa sulla croceUn’offerta d’amore Nasce una piccola chiesa Una meraviglia da ritrovare Amplesso gesto sacerdotale Sacrificio o sacrilegioL’eucarestia nutre il matrimonio Dio è nella coppiaMaterialismo o spiritualismo Amplesso fonte e culmineArmonia tra anima e corpo L’amore sponsale segno di quello divino L’unione intima degli sposi cantata nella Bibbia Un libro da comprendere in profondità I protagonisti del Cantico siamo noi Cantico dei Cantici che è di Salomone Sposi sacerdoti un profumo che ti entra dentro. Ricorderemo le tue tenerezze più del vino. Bruna sono ma bella Perchè io non sia come una vagabonda Bellissima tra le donne Belle sono le tue guance tra i pendenti Il mio nardo spande il suo profumo

Salvini sei come gli altri.

Il governo si farà. Salvini ha trovato l’accordo con Di Maio. Ho letto il suo post su facebook: entusiasta afferma che il 90% delle sue proposte è presente nel contratto di governo con i cinque stelle. La Lega ha trionfato. Salvini è tanto sicuro di sè che sottoporrà questo accordo al suo popolo che dovrà approvarlo tramite un referendum. Sarà un plebiscito. Salvini è all’apice della popolarità. C’è un punto che, però, mi tocca particolarmente. Si tratta della cosiddetta flat tax. Detto semplicemente è la rideterminazione delle aliquote fiscali per l’imposta sui redditi delle persone fisiche. Questa nuova modalità prevede due sole aliquote da applicare al reddito familiare. Fino a 80000 euro è prevista un’aliquota del 15%. Per il reddito eccedente questo limite è prevista un’aliquota del 20%. Costo totale dell’operazione, secondo Repubblica, 50 miliardi di euro. Sono arrabbiato. Sapete perchè? Salvini era quello che in piazza Duomo agitava un rosario come il più devoto dei fedeli. Salvini, solo qualche giorno fa, in un post su facebook, rilevava come il problema dell’Italia fosse la denatalità. Prometteva di riempire le culle. E invece? Se ne esce con questa soluzione. Soluzione peraltro non inattesa. Era prevista nel suo programma di governo con cui si è presentato alle elezioni di marzo. Sono arrabbiato perchè il Forum delle Famiglie nel 2012 presentò in Senato una proposta di adozione del fattore famiglia. Una modalità di tassazione che davvero veniva incontro alle famiglie e in particolare a quelle numerose. Costo previsto 16 miliardi. Oggi Salvini se ne esce con questa proposta. Proposta che ripeto costa 50 miliardi. Per ottenere cosa? Che io, padre di famiglia, di una famiglia normale, con un reddito medio e con quatto figli, pagherò circa 1000 euro in più di tasse.

Già, non volevo crederci. Settimana scorsa sono stato al CAF del mio sindacato. Ho compilato il modello 730. Con un reddito di 43000 euro familiare, tolte tutte le deduzioni e detrazioni, è risultata un’imposta netta dovuta, tra me e mia moglie, di 2700 euro. Con la nuova tassazione tutte le vecchie detrazioni e deduzioni familiari verranno cancellate. Avrò diritto ad una deduzione di 3000 euro per ogni familiare. Quindi 18000 euro di deduzione. Tolto questo importo resta un’imponibile di 25000 per un’imposta netta e dovuta di 3750. Sarei quindi penalizzato. Non sono un economista, ma i conti della serva per necessità ho imparato a farli. Chi riderebbe è invece un mio ipotetico amico single con un reddito di 100000. Uno che non si è mai sposato, che non ha fatto figli. Che non ha contribuito a svecchiare questa nostra decrepita Italia. Lui si che si troverebbe in tasca un bel gruzzoletto in più. Lui si si troverebbe in tasca alcune migliaia di euro in più tra cui le mille che ho dovuto sborsare io. Che belle vacanze di lusso si potrà permettere con quei soldi. A me servivano solo per mandare i figli a nuoto o per comprare un pc per farli studiare. Questa è l’equità di Salvini e della Lega. Sempre più convinto che l’unica forza politica che veramente ha a cuore la famiglia sia il PDF. Non importa se Salvini , resosi conto di quanto questa legge rubava ai poveri per dare ai ricchi, si sia precipitato ad assicurare che sarà prevista una clausula di salvaguardia per non far pagare di più i poveretti come me che hanno deciso di mettere al mondo figli. Sono comunque arrabbiatissimo. Matteo avevi l’occasione di introdurre il quoziente familiare spendendo molto meno. Hai gettato la maschera. Della famiglia non te ne frega nulla.

La nostra torre di Babele

Tutta la terra aveva una sola lingua e le stesse parole. 2 Emigrando dall’oriente gli uomini capitarono in una pianura nel paese di Sennaar e vi si stabilirono. 3 Si dissero l’un l’altro: «Venite, facciamoci mattoni e cuociamoli al fuoco». Il mattone servì loro da pietra e il bitume da cemento. 4 Poi dissero: «Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra». 5 Ma il Signore scese a vedere la città e la torre che gli uomini stavano costruendo. 6 Il Signore disse: «Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti una lingua sola; questo è l’inizio della loro opera e ora quanto avranno in progetto di fare non sarà loro impossibile. 7 Scendiamo dunque e confondiamo la loro lingua, perché non comprendano più l’uno la lingua dell’altro». 8 Il Signore li disperse di là su tutta la terra ed essi cessarono di costruire la città. 9 Per questo la si chiamò Babele, perché là il Signore confuse la lingua di tutta la terra e di là il Signore li disperse su tutta la terra.

Alla Santa Messa di sabato sera c’era questa lettura. Chi non la conosce? La Torre di Babele è stata una delle prime storie della Bibbia che ho imparato. Ero ancora un bambino di pochi anni. Eppure, quella che sembra una storiella per bambini, racchiude un significato così profondo e nascosto, che solo ora inizio a capire qualcosa. Dice molto anche al mio matrimonio e alla mia relazione. Attraverso questo racconto Dio ci vuole insegnare che non possiamo conquistarci il cielo. Non possiamo raggiungere Dio con le nostre forze. L’amore non è qualcosa che possiamo costruire con i mattoni che ci facciamo da soli. L’amore è un dono che viene da Dio e che noi possiamo solo accogliere. Perchè dico questo? Perchè spesso nel nostro matrimonio ci costruiamo la nostra torre di Babele. Ciò che ci spinge verso l’alto è l’amore più umano, l’amore erotico. Dove per amore erotico intendo tutte le manifestazioni sensibili dell’amore. Sensazioni, emozioni, passione e innamoramento. Spesso siamo convinti che basti questo amore per raggiungere il cielo e sperimentare la pienezza. Non basta! Arrivano momenti difficili, o anche semplicemente periodi di aridità dove i mattoni della passione e del desiderio si dissolvono come sabbia al vento. L’amore ascendente, l’eros, non basta. L’amore dell’uomo che cerca di arrivare a Dio non basta. Serve l’amore discendente. Serve l’agape. Non è l’uomo che è salito al cielo, ma è Dio che è sceso sulla terra, nell’incarnazione di Cristo. Ed è così che quella croce di Cristo diventa forza ed esempio di ogni amore. Ed è così che l’uomo per incontrare e sperimentare davvero l’amore non deve elevarsi, ma al contrario inginocchiarsi e in quell’abbandono tenace e fiducioso trovare la forza per non disperdere la relazione, per non uccidere il matrimonio. L’eros senza agape è solo un fuoco di paglia. Chi basa tutto sull’eros, sulle sensazioni e le emozioni è destinato a finire come i costruttori della torre, è destinato al fallimento. E’ destinato alla divisione e all’incomprensione.

Antonio e Luisa

La pentecoste coniugale.

Oggi parteciperemo alla veglia di Pentecoste. Domani la Chiesa festeggia questo grandissimo dono di Dio.  Lo Spirito Santo che potentemente scende sugli apostoli e sulla Madonna riuniti nel cenacolo cinquanta giorni dopo la resurrezione di Gesù. Sono uniti, come a ricordarci che lo Spirito scende su tutta la Chiesa, allora come oggi. Scende sulla Chiesa, sposa di Cristo, su ognuno di noi, sulle nostre famiglie piccole chiese e sulle nostre comunità. Lo Spirito Santo scende e ci trova rinchiusi, impauriti, pieni di domande, nella tenebra. Abbiamo paura, aprire le finestre significa mostrarci e non lo vogliamo. Lo Spirito Santo ci trova inermi e incapaci di sostenere il peso della vita e della famiglia. Quante volte ci capita di sentirci incapaci di rispondere alla chiamata di Dio nella nostra vita e nel nostro matrimonio? A me sinceramente capita spesso. Mi capita spesso di sentirmi incapace di amare la mia sposa e di educare i miei figli. Mi capita spesso di sentirmi troppo poco, troppo imperfetto e in difetto, e tutto questo rischia di travolgermi e di farmi mollare. Anche quest’anno la Pentecoste arriva  al momento giusto. Sono in un periodo di grande stress e fatica. Troppe cose. Ogni imprevisto rischia di scompaginare tutto. Per questo la Pentecoste è una festa liturgica importantissima. Ci ricorda che non siamo soli. Ci ricorda che il nostro matrimonio è abitato da Gesù e che lo Spirito Santo è stato effuso in noi con il sacramento del matrimonio ed è continuamente effuso in noi in ogni gesto d’amore che ci regaliamo vicendevolmente. La Pentecoste ci ricorda che non siamo soli, che siamo una famiglia abitata da Dio piccola chiesa ma che trae la sua forza dalla grande Chiesa. Solo nella Chiesa di Gesù, con i sacramenti, la Parola, la verità del magistero  e tutti i fratelli in cammino con noi, possiamo accogliere lo Spirito Santo nei nostri cuori e farci incendiare da esso. Nel cenacolo erano tutti presenti come a ricordare che lo Spirito trova spazio quando c’è unità. Ed è così che lo Spirito di Dio scende nelle nostre famiglie come vento di perdono, e come fuoco che salda e trasforma il nostro buio in luce, la nostra debolezza in capacità di accogliere, i nostri dubbi in abbandono fiducioso, e ci da la forza di aprire le finestre e affrontare il mondo con la consapevolezza di essere ben poca cosa, ma di aver un compagno invincibile che non ci abbandona e che non tradisce mai. Con Lui, con il suo sostegno potremo arrivare alla salvezza. Lo Spirito Santo è dono che ci permette di farci a nostra volta dono. Lo Spirito Santo prende le nostre lingue, la mia e quella della mia sposa. Due lingue diverse incomprensibili per l’uno e per l’altra.  Non ci si capisce e si resta chiusi ognuno con il desiderio di essere compreso, ma non quello di capire l’altro.  Lo Spirito Santo prende queste nostre lingue e le trasforma nell’unica lingua universale, la lingua dell’amore che è dono di sè e accoglienza dell’altro/a. Termino con una strofa di un canto del rinnovamento che secondo me esprime benissimo la Pentecoste:

Spirito di Dio scendi su di noi.
Spirito di Dio scendi su di noi.
Fondici, plasmaci, riempici, usaci.
Spirito di Dio scendi su di noi.

Antonio e Luisa

 

La Gospa ci ha fatto incontrare.

Oggi una testimonianza di due cari amici di Roma: Sergio e Lisa. Ho avuto poche occasioni di incontrarli. Sempre, però, occasioni molto belle e significative. Gli ho incontrati al family day di Roma nel 2016, al santuario di Ghiaie di Bonate e, in un’altra occasione, quando Sergio ci ha fatto un grande dono: ci ha portato a pregare sulla tomba di Chiara Corbella. Sergio, amico di tutti, accogliente, gentile e che si fa in quattro. Lisa, più introversa, ma forte e tenace. Una bellissima coppia. Ecco, di seguito, la loro testimonianza.
Ciao! Da dove iniziare? Era il lontano 2004, stavo preparandomi con un mio amico a partire per la GMG in Germania, non sapevo una parola di inglese figurarsi il tedesco. Il mio amico Massimo mi disse di non preoccuparmi, mi avrebbe aiutato lui a colloquiare. Un mese prima della partenza, che era programmata per il 15 agosto, una mia amica mi volle portare in un Santuario. Precisamente il Santuario delle Tre Fontane a Roma. Ricordo come fosse ieri quel posto che mi ha cambiato la vita, avevo fatto con Don Fabio Rosini i 10 Comandamenti, poi ero passato al Palatino nel gruppo dei Francescani dell’ OFS. Appena arrivato un pianto a dirotto mi fece capire che avevo avuto una chiamata. Anche la mia amica Enza aveva avuto lo stesso pensiero: mi disse che la Madre Celeste mi stava chiamando a lei. Ci volle un attimo, cambiai idea e chiamai il mio amico Massimo; gli dissi che mi dispiaceva, ma che non sarei più partito per la GMC in Germania e che, invece, sarei andato a Medjugorje. Nei giorni seguenti ricordo che non avevo il coraggio di partire da solo e chiesi a più amici, dei vari gruppi di preghiera che conoscevo, se c’era qualcuno disposto a venire con me. Ebbene, ad un certo punto, una mia amica mi rispose di si. Era Simona. Controllammo tramite il gruppo del Centro Maria, che organizza periodicamente i viaggi a Medjugorje, se c’era posto. Niente da fare,  ci eravamo mossi troppo tardi! Un bel giorno mi chiamarono dal Centro Maria e mi dissero che si, provvidenzialmente si erano liberati, all’ultimo momento, due posti per Medjugorje. Iniziò l’avventura; partimmo per la settimana della Gioventù Siamo venuti per adorarlo dal 1 al 6 Agosto 2005. I pullman, partiti da Santa Croce in Gerusalemme a Roma del Centro Maria, erano cinque. Un buon 85% dei pellegrini erano donne, noi uomini pochissimi. Viaggio bellissimo. Franco, l’organizzatore del pellegrinaggio, ci seguiva con le preghiere bellissime della Gospa, e con continui Rosari di avvicinamento a Medjugorje. Appena arrivati, prima tappa nella Chiesa di San Giacomo. Cosa mi accade? Pianto a dirotto, come era successo al Santuario delle Tre Fontane. Una cosa pazzesca, non riuscivo a fermare quel pianto, che ho sempre pensato fosse di liberazione. Maria mi stava preparando. Io ero andato lì, pur avendo 41 anni, non per cercare moglie, ma per chiedere che Maria mi desse la costanza nella preghiera, cosa che mi mancava e mi manca un po’ ancora oggi. Maria che ha fatto? Siccome conosce tutti noi, non ha fatto altro che donarmi una persona che prega molto, e l’ha fatta mia sposa.
Ho ancora le lacrime mentre scrivo. Ricordo che ero attorniato da donne in quel pellegrinaggio. Il mio problema era sempre lo stesso, era come vedere tante finestre che si aprivano e dietro ogni finestra c’era una ragazza, ero indeciso, mi piacevano tutte, in pratica non riuscivo a concentrarmi su una donna sola, anche perchè ero stato lasciato (anche e sopratutto per colpa mia) dopo quasi dieci anni di convivenza, ad un mese e mezzo dal matrimonio. Un giorno tra le tante ragazze che frequentavo in quel Paradiso terrestre noto una ragazza napoletana di nome Lisa. Allora lei aveva 30 anni ed io 41, era carina nei modi ed era molto bella (lo è ancora). Ci mettiamo a parlare per strada mentre ci avvicinavamo alla tomba di Padre Slavko, le chiedo: dove vai in vacanza quest’anno?  E lei: in Puglia. Io continuo: ahh! Pensa, anche io sono pugliese, i miei vivono ancora ad Ostuni, ma sono originario di Francavilla Fontana. Lei mi guarda, e mi dice: i miei hanno casa ad Ostuni da 15 anni! Allora io, marpione, le faccio: senti vuoi andare con me ad Ostuni quando torniamo a Roma? Lei accetta, ma poi, per vari motivi, non partiamo più insieme.
Torniamo a Roma e ci incontriamo prima in una pizzeria con amici. Io mi porto sette mie amiche e un amico. Lei arriva con la sua amica del cuore Daniela, che diventerà anche la nostra testimone di nozze. Non ti dico la faccia di Lisa quando ha visto il pavone Sergio con tutte quelle sue amiche. La serata finisce lì. Il giorno dopo, per un puro caso, lei non parte per Napoli, cosi ne approfitto e la invito a casa mia, nella tana del lupo. Lei accetta. La sua amica le dice che, secondo lei, si può fidare di me. Le preparo una bella cenetta con una mia specialità: gli schiaffoni al pomodoro con mozzarella filante. Un successone!
Mentre brindiamo accade la prima cosa strana: scoppia un porta candela di vetro per via del calore, lei si spaventa e mi abbraccia ed io faccio lo stesso. Lei mi dice: questo non è un abbraccio normale! Ed io: non so, volevo proteggerti.
Partiamo per le vacanze, entrambi con destinazione Ostuni. Ognuno per fatti propri. Una sera ci incontriamo lì, ad Ostuni. Facciamo una passeggiata lunghissima e, ad un certo punto, che faccio? Le chiedo se volesse venire a casa mia per presentarle mia mamma e lei accetta. Appena conosciute, praticamente mi mettono da parte, e cominciano a scambiarsi i Santini che avevano entrambe. Non vi dico la mia faccia!
Poi, dopo quelle vacanze, siamo tornati a Roma e ci siamo fidanzati. All’inizio avevamo pensato di trovare, per Lisa, una casa vicino alla mia, ma non si riusciva a trovare nulla. Cosi abbiamo deciso di vivere insieme e di sposarci al più presto.
Con la grazia di Dio e con la nostra grande forza d’animo, in quei sei mesi prima del matrimonio, siamo riusciti, sempre grazie a Dio, a rispettarci. Se me lo avessero detto 10 anni prima mi sarei messo a ridere. Non pensavo di farcela.
Un giorno vado a confessarmi e il prete non mi dà l’assoluzione perchè vivevamo insieme. Anche se ci rispettavamo. E’ stata la molla che ha smosso tutto. Quella sera stessa abbiamo deciso la data del nostro matrimonio. Io le dico primo settembre e lei, invece, il 25 Giugno 2006! Le dico: Emmhhh! Lisa quella era la data con cui dovevo sposarmi con l’altra ma se per te non ci sono problemi per me va benissimo.
Lei acconsente tranquillamente. Oggi facciamo parte della Comunità Maria di Roma e ricordo come fosse ieri il giorno in cui feci la testimonianza davanti a tutta la Comunità. Io per 5 anni dal 2000 al 2005 ogni volta il 25 Giugno piangevo pensando a quel matrimonio non andato a buon fine. Ebbene in quel momento mi resi conto come Dio aveva cambiato quel giorno dal più triste della mia vita al più bello della mia vita!
Abbiamo chiesto dei bambini a Maria e c’è li ha concessi: Gaia Maria 9 anni e Francesco 4 anni. Avevamo chiesto Francesco, essendo stato io francescano, e Gaia Maria, essendo Lisa da sempre facente parte della Comunità Maria.
Ci sono tante altre cose da dire ma non finirei più. L’ultima cosa: quando andammo a scegliere il ristorante ai Castelli al Domus Caesari il proprietario ci disse: troppo tardi, siamo già ad Aprile. Abbiamo tutto pieno fino a Settembre! Ho solo una data, se vi può interessare. Sapete qual’era la data? Il 25 Giugno!!!
Ricordo che gli dissi ”a malincuore”: va bene lo stesso l’importante e che ci fate un buono sconto tanto se non lo prendiamo noi ormai a due mesi da quella data chi si presenta per fermare il 25 Giugno.
E’ cosi fu un matrimonio bellissimo.
Grazie! Shalom
Sergio e Lisa

Il matrimonio nasce dal battesimo

Ieri, il Papa ha terminato il suo ciclo di catechesi sul battesimo. Cercherò di soffermarmi su alcuni punti della sua bellissima riflessione.

Che cosa significhi rivestirsi di Cristo, lo ricorda san Paolo spiegando quali sono le virtù che i battezzati debbono coltivare: «Scelti da Dio, santi e amati, rivestitevi di sentimenti di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di magnanimità, sopportandovi a vicenda e perdonandovi gli uni gli altri. Ma sopra tutte queste cose rivestitevi della carità, che le unisce in modo perfetto» (Col 3,12-14).

Nel battesimo ci viene donata, come segno concreto, una veste bianca per simboleggiare che siamo rivestiti di Cristo. Il Papa continua è afferma che essere rivestiti di Cristo, essere rinati nella vita dello Spirito Santo, si deve concretizzare e manifestare. Come? Perfezionando alcune virtù. Virtù quali la tenerezza, la bontà, l’umiltà, la mansuetudine, la magnanimità. Imparando a sopportarsi e perdonarsi a vicenda. Non è bellissimo? Ci abbiamo mai pensato al battesimo in questa prospettiva?

Ed arriviamo a noi. Il matrimonio riprende questa realtà battesimale. Questa bellissima veste di Cristo. Bianca immacolata. La sposa si veste di bianco. Tra i tanti significati che si possono dare a questa consuetudine c’è anche il richiamo alla veste battesimale. Forse il significato più importante, ma meno conosciuto. Il matrimonio riprende quella realtà battesimale che ci ha così ben spiegato il Santo Padre e la perfeziona. Meglio le dà un nuovo fine e un nuovo significato. Nella consacrazione matrimoniale lo Spirito Santo ci aiuterà a perfezionare quegli stessi doni di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine e di magnanimità verso la persona che ci è stata donata. La consacrazione matrimoniale lo Spirito Santo ci aiuterà a sopportarci e perdonarci.

Apriamo il cuore allo Spirito Santo. Lasciamoci plasmare e cambiare. Lasciamo che la Grazia trasformi la nostra vita e la nostra relazione. Attingendo al nostro battesimo possiamo davvero essere una piccola luce per il mondo, essere speranza per le persone che ci stanno vicine. Mi sovviene una bellissima esortazione di San Giovanni Paolo II che alle famiglie neocatecumenali in partenza per la missione disse:

Sappiamo bene che il sacramento del Matrimonio, la famiglia, tutto questo cresce nel sacramento del Battesimo, dalla sua ricchezza. Crescere dal Battesimo vuol dire crescere dal mistero pasquale di Cristo. Attraverso il sacramento dell’acqua e dello Spirito Santo, siamo immersi in questo mistero pasquale di Cristo che è la sua morte e la sua risurrezione. Siamo immersi per ritrovare la pienezza della vita, e questa pienezza dobbiamo ritrovarla nella pienezza della persona, ma, nello stesso tempo, nella dimensione della famiglia – comunione di persone – per portare, per ispirare con questa novità di vita gli ambienti diversi, le società, i popoli, le culture, la vita sociale, la vita economica

Attingiamo al battesimo e rivestiamoci di Cristo. Per la nostra felicità e per quella del mondo intero.

Antonio e Luisa

 

Il nardo segno del nostro matrimonio.

C’è un dono che ci è stato fatto alcuni anni fa da Andrea e Lorena, due persone a cui vogliamo bene e che condividono con noi il cammino dell’Intercomunione. Un dono che conserviamo come tra i più preziosi ricevuti. Stavamo partecipando ad una settimana di spiritualità. Il tema era il Cantico dei Cantici. Ad un certo punto hanno proposto un gesto. Hanno chiamato padre Francesco, il sacerdote che ci accompagnava spiritualmente durante il corso, e gli hanno dato una boccetta di olio di nardo proveniente da Gerusalemme. Padre Francesco ci ha chiesto di metterci in fila, per coppie, due a due. Quando è toccato a noi ci siamo avvicinati a padre Francesco che ci ha unto i polsi con quel profumo. Ci ha congedato con una frase che mi è rimasta dentro: Questo profumo vi ricordi come vi dovete amare. Sia segno del vostro amore senza risparmio dell’uno verso l’altra.

E’ un dono che ci ha fatto comprendere ancora di più a cosa siamo chiamati. All’impegno che ci siamo presi di vivere questo tipo di amore. Costa impegno, non è sempre spontaneo. Ma quale ricchezza ci dona in cambio! Sentirmi amato in questo modo dalla mia sposa mi riempie di gratitudine e di gioia.

Da quel giorno abbiamo sempre in casa una boccetta di olio di nardo. La vendono in tutti i negozi di articoli religiosi. Costa molto poco. Non è nardo puro, ma una piccola percentuale di nardo diluito in olio d’oliva. L’abbiamo sempre con noi. Ogni tanto la prendiamo e lo usiamo per ungerci a vicenda. Ungendo la sua fronte la benedico disegnando una croce. Lei lo fa su di me. Attraverso quel gesto stiamo rinnovando la nostra volontà di amarci sempre, senza riserve. Con il segno della croce affidiamo la nostra povertà a Cristo affinchè ci renda capaci di quella promessa. E’ un gesto che ci unisce tantissimo. Un gesto che ci fa percepire la ricchezza della nostra unione, che è molto più grande della somma delle nostre miserie. Un gesto che ci accompagna sempre. Ogni momento è un momento in cui si può amare il nostro sposo (la nostra sposa). Nella vita ordinaria di tutti i giorni, in una telefonata, sparecchiando la tavola, alzandosi a prendere l’acqua, ascoltando i suoi problemi, non lamentandosi per quello che non ha saputo fare, in un abbraccio, in una carezza, in un bacio, in uno sguardo. Tutta la nostra giornata deve profumare di nardo. Poi è bellissimo ungersi la fronte con il nardo anche prima dell’unione intima tra di noi. Segno del desiderio di donarsi totalmente all’altro/a e non di ricercare il piacere fine a se stesso. Credetemi! Sperimentare questo modo di amarsi rende tutto più bello e, soprattutto, tutto più vero ed autentico.

Antonio e Luisa

 

Il bacio di Giuda non è casto.

Nei miei articoli ho spesso affrontato il tema dell’ecologia umana. E’ ecologico un gesto che ci rende pienamente umani. C’è ecologia quando il corpo esprime la verità che abbiamo nel cuore. Quando c’è armonia tra ciò che esprime il corpo e quello che sorge e alberga nel nostro cuore. Esprimere con il corpo ciò che non crediamo e che non è autenticamente presente nel nostro cuore,  è uno degli atteggiamenti più odiosi che possiamo avere nei confronti delle persone che ci stanno vicino. Quante volte ci sentiamo feriti da persone che dicono di volerci bene, o anche solo di apprezzarci, e poi parlano male di noi dietro le spalle. Più sono persone vicine e più ci fanno del male. Ci sentiamo offesi, più che dalle parole che possono aver detto quelle persone, proprio dal loro atteggiamento falso. Il loro corpo, la loro voce, la loro espressione non sono coerenti con quanto hanno nel cuore. Ogni gesto, che sappiamo essere falso, ci disgusta e ci provoca sdegno. Come non pensare a Giuda. Gesù ha sempre amato Giuda. Era un prescelto. Era uno degli apostoli. Era una delle persone più vicine a Lui. Eppure Giuda  lo tradisce e lo tradisce con un bacio. Si avvicina e lo bacia come si fa con gli amici, quelli veri.

Giuda, con un bacio tradisci il Figlio dell’uomo?

Gesù non lo dice con rabbia. Lo dice con tristezza. Con il cuore spezzato dal tradimento subito. Lui, uomo vero, non sopporta quel gesto così falso. Non riesce a non chiedere a Giuda il motivo di tanta falsità.

Perchè vi porto questo esempio? Perchè il bacio di Giuda è una degli atteggiamenti più lontani dal concetto di castità che ci possa essere. Questa parolina tanto incompresa, derisa e rifiutata forse è un po’ più comprensibile attraverso proprio il bacio di Giuda. La Chiesa ci insegna che solo nel matrimonio c’è una autentica e indissolubile unione dei cuori. La Chiesa non inventa nulla, ci aiuta solo a comprendere chi siamo. Dal momento in cui un uomo e una donna si dicono si, i loro cuori si appartengono, sono uno nell’altro, nell’uno c’è l’immagine dell’altro. Nei cuori degli sposi si è generato un noi. Un noi che ha bisogno di divenire concreto, di divenire carne. Ha bisogno di manifestarsi.  Ed ecco il meraviglioso dono del creatore: l’unione dei corpi. L’amplesso fisico permette agli sposi, sessuati maschio e femmina, di concretizzare nella carne ciò che è l’esperienza intima dei loro cuori. Nell’intima unione dei corpi, che si compenetrano, c’è l’immagine più vera ed autentica di ciò che i due sposi vivono nella loro relazione sponsale. Tanto è vero quello che dico, che non basta la promessa che i due sposi si scambiano in chiesa per fare un matrimonio valido. Serve il primo amplesso fisico. Solo dopo i due saranno sposi. Questo gesto non ha nulla di vergognoso. E’ un gesto bellissimo e altissimo d’amore. Come lo è un bacio. Torniamo all’inizio, al bacio. Un bacio non è sempre però un gesto d’amore. Abbiamo visto Giuda. Un bacio, può nascondere, tradimento, falsità, egoismo, invidia. Così lo è anche  l’intimità fisica. Quando non è vissuta nella verità di ciò che è e significa,  diventa come il bacio di Giuda. Un gesto che dovrebbe esprimere unione, nasconde, invece, l’egoismo e l’egocentrismo. Un gesto che non racchiude amore, ma al contrario, la volontà di usare l’altro/a per il piacere personale. Col corpo si comunica l’opposto di ciò che c’è nel cuore. Non importa se due persone credono davvero di amarsi e credono sinceramente di amarsi attraverso quel gesto. Non sono nella verità.  Stanno dicendo con il corpo di essere uno quando oggettivamente non lo sono. Un rapporto intimo fuori dal matrimonio non potrà mai essere casto ed esprimere verità ed autenticità. Diventa un gesto che non fa bene. Un gesto che dovrebbe essere vita diventa un gesto di menzogna. Un gesto che chiude il cuore e non permette una relazione vissuta in pienezza. Un gesto falso che induce a fondare la relazione solo sui sentimenti, sulle passioni e su quanto l’altro/a mi da. Una relazione, quindi, molto fragile e che quindi può crollare al primo soffio di vento. Purtroppo la maggior parte dei giovani vivono un fidanzamento non casto e gli effetti sono sotto gli occhi di tutti.

Papa Francesco lo ha urlato ai giovani nel 2015 a Torino

Ma l’amore è molto rispettoso delle persone, non usa le persone e cioè l’amore è casto. E a voi giovani in questo mondo, in questo mondo edonista, in questo mondo dove soltanto ha pubblicità il piacere, passarla bene, fare bene la vita, io vi dico: siate casti, siate casti

Papa Francesco non vuole ragazzi tristi, frustrati e repressi. Per questo raccomanda la castità. Solo nella verità del gesto si può trovare gioia, senso, luce e amore autentico.

Antonio e Luisa

 

Sposi sacerdoti. Il mio nardo spande il suo profumo. (26 articolo)

Duetto

[12]Mentre il re è nel suo recinto,
il mio nardo spande il suo profumo.

Lei lo ha cercato, lui l’ha contemplata. Ora i due sposi sono insieme. Inizia un duetto. Un dialogo intimo da cui si spande come un profumo tutto l’amore, il desiderio e la meraviglia che si stanno generando nel cuore dei due protagonisti. Lasciatevi avvolgere. Immedesimatevi. Tu, donna, sei la sulamita che arde d’amore per il suo re. Tu, uomo, sei Salomone che non desidera che stringere in un abbraccio la sua regina.

Mentre il re è nel suo recinto,
il mio nardo spande il suo profumo.

Recinto non è forse la traduzione più corretta. In altre edizioni è scritto giardino. Quella più corretta dovrebbe essere divano o triclinio. Si intende in ogni caso luogo dove dimora il re. Lei è andata da lui. Lo ha cercato. Anche questo è un gesto quasi di ribellione ai costumi del tempo. Ha preso lei l’iniziativa. Entra nella stanza del re e la stanza è pervasa dal profumo. Torna il profumo. In questo caso di nardo. Come a dire che la vita del re assume una ricchezza nuova grazie a quella presenza. Il luogo è lo stesso, ma nello stesso tempo tutto è nuovo. Profumo che simboleggia l’amore stesso. Realtà invisibile ma concreta. Il profumo è Nardo essenza molto preziosa.Un amore prezioso e inebriante. Il profumo avvolge la persona del re. Il re è avvolto dall’amore e dal desiderio della sua regina. Lo percepisce chiaramente. Un dialogo senza parole, ma che arriva dritto all’altro. Tutto il mio amore lo effondo per te. Mi rendo bella per te. Dirò di più. A cosa rimanda il nardo? Chi si comporta allo stesso modo? Il mio nardo effonde il mio profumo mentre io sono ai piedi del mio re. 

Gesù era a Betania, in casa di Simone il lebbroso; mentre egli era a tavola entrò una donna che aveva un vaso di alabastro pieno d’olio profumato, di nardo puro, di gran valore; rotto l’alabastro, gli versò l’olio sul capo.

Il significato è lo stesso. La sulamita attraverso il nardo vuole esprimere tutto il suo amore per il suo sposo, per il suo re. Così Maria. Attraverso quel gesto vuole esprimere tutto il suo amore e il suo abbandono per Gesù, l’unico e autentico Re. La sposa (o lo sposo, vale per entrambi) per amare Cristo deve amare il suo sposo. Deve farlo come la sulamita, come Maria.

Maria, infatti, ama senza riserve, senza limite, oltre il necessario, tanto che il suo amore appare quasi uno spreco. Non è necessario darsi così tanto.

Invece Gesù la esalta proprio per questo. Perché l’amore deve essere così.

Nel nostro matrimonio abbiamo rotto il vaso di nardo? Oppure siamo avari e diamo qualche goccia ogni tanto per non sprecarne? Ci sprechiamo in gesti di tenerezza, di servizio, di cura, di attenzione oppure limitiamo tutto al minimo indispensabile, dando per scontato l’amore che ci unisce?

Spesso mostriamo solo una piccola parte del nostro amore. Questo è il vero spreco.

Siete riusciti ad identificarvi nella sulamita o in Salomone? Avete assaporato la bellezza di quanto scritto in questi versi ripensando alla vostra vita di coppia? Se è così. avete un matrimonio vivo e meraviglioso. In caso contrario impegnatevi e affidatevi a Cristo perchè vi dia la capacità di recuperare questa bellezza a cui tutti siamo chiamati.

Antonio e Luisa.

Articoli precedenti

Introduzione Popolo sacerdotale Gesù ci sposa sulla croceUn’offerta d’amore Nasce una piccola chiesa Una meraviglia da ritrovare Amplesso gesto sacerdotale Sacrificio o sacrilegioL’eucarestia nutre il matrimonio Dio è nella coppiaMaterialismo o spiritualismo Amplesso fonte e culmineArmonia tra anima e corpo L’amore sponsale segno di quello divino L’unione intima degli sposi cantata nella Bibbia Un libro da comprendere in profondità I protagonisti del Cantico siamo noi Cantico dei Cantici che è di Salomone Sposi sacerdoti un profumo che ti entra dentro. Ricorderemo le tue tenerezze più del vino. Bruna sono ma bella Perchè io non sia come una vagabonda Bellissima tra le donne Belle sono le tue guance tra i pendenti

Si può essere felici?

Si può essere felici? Sì, se veramente lo vogliamo. Se ci lasciamo dietro: odio, rancori, paure. A volte è più facile rimanere nell’odio, nel rancore e nella paura che decidersi per la felicità. Ma Gesù è venuto a dirci:

«Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena»

Quali sono le prerogative per la felicità?

“Rimanete nel mio amore”

L’Amore di Gesù per noi, sentirsi amati da Gesù. Gesù non avrebbe potuto mai sopportare la Croce, la sofferenza, la persecuzione e l’odio ingiusto dei suo nemici, i tradimenti e i rinnegamenti degli amici, se non avesse sentito questo Amore grande del Padre nei suoi confronti. Ecco perché l’Amore di Gesù non è il terzo incomodo della nostra vita, ma è l’essenziale, senza questo Amore nel nostro cuore, potremmo fare tutte le pratiche ascetiche, tutti le meditazioni trascendentali, ma rimarremmo con il nostro Io, e il nostro io ha un amore così piccolo piccolo che non ci basterebbe per sopportare tutto il resto.

“Osservate i miei comandamenti”

Anche Gesù ha osservato tutti i comandamenti del Padre, se non l’avesse fatto non avrebbe potuto amare in modo perfetto tutti gli amici e i nemici. Quali sono i comandamenti? Gesù ne ha dati due: “Ama Dio con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze e amerai il prossimo tuo come te stesso”. Nel secondo sono compresi tutti gli altri comandamenti, se amo il prossimo ovviamente non lo posso uccidere, non lo invidio, non gli rubo nulla, non commetto atti impuri sfruttando la sua immagine o il suo corpo, ecc. Nel prossimo sta chiunque, sta tutta l’umanità dalla A alla Z, a volte ci prende di dire: “Amo quello, ma quell’altro proprio no, non ce la faccio proprio”, ma il prossimo mio è proprio quell’altro che non riesco a sopportare ed amare. E’ quello che Gesù mi dice di “amare come ami te stesso”.

A volte però e proprio difficile amare il nostro prossimo, ed è da li che nasce la nostra più grande infelicità. Amiamo il nostro prossimo, se il nostro prossimo ci approva in qualche cosa che facciamo/pensiamo, se ci capisce, se ci restituisce un favore; amiamo il nostro prossimo se il nostro prossimo non ci tradisce, se non ci insulta, se non ci perseguita, se non ci fa nessun tipo di male.

Davanti “ad ama il tuo prossimo come te stesso” noi mettiamo TANTI SE, ma così facendo alimentiamo il cuore di tanti piccoli o grandi rancori/odi, chiudendolo pian piano alla Gioia. Chiudendo il cuore al perdono, non sbattiamo solamente la porta in faccia a chi non ci ama, ma soprattutto sbattiamo la porta in faccia alla nostra felicità. Un cuore inquieto, pieno di rancore e odi non riesce ad accogliere la Gioia. A volte pensiamo al perdono solamente quando accadono grandi cose (terrorismo, omicidi, tradimenti…), ma il perdono è cosa di tutti i giorni, nelle piccole dinamiche quotidiane: la mia fidanzata si è arrabbiata con me e mi ha detto parole “non belle”; il mio collega a lavoro non ha fatto quello che doveva, facendomi fare il doppio del lavoro; in famiglia a volte sono proprio tutti insopportabili e nessuno mi capisce; gli amici si dimenticano di me, ecc. Tante piccole dinamiche, che se non le risolviamo alla fine della giornata, si accumulano nel nostro cuore, e ce ne accorgiamo solamente quando iniziano a “puzzare”.

La preghiera

Ma anche se capiamo questa dinamica del “più rancore, meno gioia”, ancora facciamo fatica a togliere quel SE davanti ad “ama il tuo prossimo come te stesso”. Perché? Perché da soli è tutto così difficile. Il nostro amore è troppo piccolo per far il passo del “perdono”, del “dimentica i torti subiti”, e allora la “paura” ci blocca e la mente si affolla di domande: “E’ umiliante per me scusarmi con la mia fidanzata? Penseranno che sono un debole se lascio andare quel torto subito? Le cose ormai vanno avanti da troppo tempo così, rideranno di me?

E allora per riuscirci dobbiamo ritornare al primo punto “Rimanete nel mio amore”. E come si fa rimanere nell’Amore di Gesù? Solamente pregando. Dobbiamo pregare tutte le volte che lo spiffero del rancore, dell’inimicizia, della fatica, entra dalla finestra socchiusa del cuore. Ancora di più, dobbiamo anticipare gli spifferi e pregare soprattutto quando fuori c’è calma di vento, perché la preghiera è il silicone che va a riempire ogni fessura della finestra del cuore, e così fronteggeremo la bufera nel modo giusto.

Ma cos’è la preghiera?

La preghiera è il rapporto personale che abbiamo con Gesù, se capiamo che da Gesù dipende tutta la nostra vita, allora la preghiera diventa la cena, il pranzo, la chiacchierata, la passeggiata che noi abbiamo con Gesù. Vi potrà aiutare a pregare se immaginate il rapporto con Gesù, lo stesso che avete con il vostro migliore amico, con la vostra fidanzata/moglie o con un familiare stretto. E’ un rapporto di amore che va alimentato continuamente e concretamente. Rosario, messa, adorazione, preghiere spontanee sono VERE solo e solamente SE abbiamo la percezione che Lui è li affianco in quel momento con noi. Scherzate con Gesù, ridete con Gesù, piangete con Gesù, arrabbiatevi con Gesù, abbiate un RAPPORTO VERO, non stereotipato, non finto, non freddo.

Se pian piano entreremo in quest’ottica, il nostro cuore sarà così pieno di Lui, che non avremo più bisogno di approvazioni, di doni, di considerazioni, pensieri e qualsiasi altra cosa che gli altri o il mondo intero ci potranno offrire, per essere felici. Sarà Lui a bastarci, sarà Lui il nostro tutto. Solo così: LA NOSTRA GIOIA SARA PIENA. Solo così saremo luce, grazia e balsamo per gli altri. Questa è la “perfetta letizia” di cui ci scrive San Francesco.

Conviene ancora sposarsi?

Alcuni giorni fa, ho buttato l’occhio alla tv e una di quelle trasmissioni pomeridiane ha catturato la mia attenzione con un titolo: “Conviene ancora sposarsi?”, poi non ho potuto seguire il dibattito, ma la domanda mi ha suscitato delle riflessioni che vorrei condividere con voi.

Partiamo dal presupposto che ogni persona che si sposa, ha nel cuore un desiderio di felicità e ha tutta la speranza di realizzarlo con il matrimonio. Questo desiderio è giustissimo, ma il problema si presenta quando pensiamo e pretendiamo che debba essere l’altro a rispondere a questo desiderio. Chi ci sta a fianco e ha scelto insieme a noi di fare questo cammino, non è in grado di rispondere a questo desiderio, come non lo siamo noi, in quanto creature limitate e ferite. La forza di entrambi sta nel sacramento del matrimonio, perché in quel benedetto giorno abbiamo promesso “con la Grazia di Cristo…”, ma questa Grazia la chiediamo tutti i giorni? È la Grazia sulla quale abbiamo giocato la nostra vita che ci riveste degli stessi sentimenti di Cristo, è quella Grazia che ci insegna a morire a noi stessi, a mettere da parte il nostro egoismo. Ed è facendo felice l’altro che ci si riempie il cuore, quando queste attenzioni reciproche ci sostengono, allora quella felicità che tanto desideriamo, possiamo viverla veramente.

Non è facile, lo so, io per primo lo dico! Ma proviamo a pensare a questa grazia, come ad un immenso dono da scartare tutte le mattine! Allora se facciamo questo piccolo sforzo, si, conviene ancora sposarsi!

Una sposa diversa dalle altre.

Una giovane donna, accompagnata dal padre, che si reca all’altare vestita con un abito nuziale bianco. Quante volte abbiamo assistito a questa scena. Questa volta finisce, però, in modo diverso. Giunta all’altare non c’è lo sposo. Tranquilli non è scappato. Lo sposo c’è. Lo sposo è Cristo. Quella ragazza sta per prendere i voti. Sta per diventare una novizia clarissa. Una monaca di clausura. Sta per dire a Dio sono tua, solo tua, per sempre tua. Lo sono con tutto me stessa, con la mia anima, il mio corpo, la mia volontà. il mio tempo, la mia preghiera, il mio fare. Eppure c’è qualcosa di profondamente autentico in questa immagine che può risultare strana. C’è una bellezza che rapisce gli occhi e attraverso questi colpisce dritto al cuore. C’è la scelta definitiva di una ragazza. Una scelta nata dalla volontà di rispondere a quel desiderio profondo del cuore umano di donarsi totalmente ed in modo esclusivo. La risposta alla sua sessualità. Come? Cosa c’entra la sessualità con la consacrazione a Dio. C’entra tantissimo. Siamo abituati a confondere la sessualità con il sesso. Non è così. La sessualità è qualcosa di molto più vasto e profondo. Il sesso ne può essere una piccola parte. La sessualità è un’esigenza costitutiva della persona umana. La sessualità insieme alla socialità esprime il nostro bisogno di amare e di relazione. La sessualità esprime il bisogno della persona umana di trovare un’altra persona con cui vivere una comunione profonda e piena che investe la totalità del suo essere. Richiede il dono totale in anima e corpo.  E’ la spinta a realizzare la nostra vocazione, la nostra chiamata all’amore. Anche una suora ha una sua sessualità da vivere e realizzare. La realizza nella sua intima, profonda e totale unione con Cristo stesso. Anticipa su questa terra quello a cui tutti siamo chiamati: le nozze eterne con Cristo. Anche io Antonio, nella mia relazione sponsale con Luisa, mi sto preparando a quello che ci mostra questa ventisettenne pugliese. Questa immagine è di una bellezza non di questo mondo. Si può scorgere nel suo sorriso un anticipo di cielo. Questa sorella ci sta interpellando in modo potente. Ci sta mostrando il fine di tutti i matrimoni. Non solo del suo. Il fine del matrimonio è fare spazio. Il matrimonio serve ad aprirci, liberare il cuore da tutti quei pesi e quei macigni di cui è pieno. Il matrimonio serve a sconfiggere l’egoismo che, più o meno, tutti abbiamo. Il matrimonio serve a farci servi l’uno dell’altra. Il matrimonio serve a farci perdono l’uno per l’altra. Il matrimonio serve a distruggere l’orgoglio che ci impedisce di essere capaci di accoglierci. Questa suora ci ricorda tutto questo. Alla fine della nostra vita l’unica cosa che conta sarà solo questa. Quanto saremo pronti ad accogliere l’abbraccio di quel Gesù che non aspetta altro che trovare un cuore aperto. Contemplando  questa sorella che si dona sponsalmente a Cristo posso comprendere molto del mio matrimonio. Posso vederne la grandezza. Allora fermiamoci e guardiamo con meraviglia il sorriso di questa sposa. Due vocazioni diverse ma complementari. Con lo stesso fine. Giungere al matrimonio eterno con Gesù.

Antonio e Luisa

Tutto può l’Amore?

Siamo convinti veramente che l’Amore può tutto? Pongo questa domanda perché probabilmente non siamo veramente convinti di questo. O meglio potremmo esserlo a parole, ma nei fatti? Nei fatti no, no proprio… Sì, in effetti la vita è un’altra cosa…

Quando ci troviamo nei problemi di tutti i giorni, nelle difficoltà, nelle sofferenze, ci dimentichiamo delle nostre “certezze verbali”, vengono a cadere tutti i nostri costrutti logici. Eppure la frase “l’Amore tutto può” è estremamente vera. Se dovessimo abbassare il concetto di Amore all’amore umano, allora avremmo ragione a dubitare. Ma se l’Amore è quello di Dio, come possiamo dubitare? Come possiamo credere che Dio, infinito e onnipotente, più grande dell’Universo e delle leggi che lo regolano, Lui stesso Amore, non possa fare tutto, anche quello che noi neanche immaginiamo con la nostra infima mente?

Dubitiamo, il cristiano dubita. Ma neanche il dubbio per Dio è una barriera al suo Amore, lui può andare oltre le nostre barriere logiche. Ma come? L’unico vero nostro compito è lasciarci Amare. Amici Gesù ci è venuto a dare il comandamento più grande, il comandamento dell’Amore: “Amatevi gli uni gli altri, come io ho Amato voi”. PUNTO.

Non uccidere, non rubare, non commettere atti impuri, ecc. sono compresi in questo comandamento. Come posso rubare, uccidere, commettere atti impuri, ecc. se Amo come Dio ha Amato, me stesso e gli altri fratelli? Fino “a dare la vita per i propri amici”?

“Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio Amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo Amore” e ancora “Voi siete miei amici, se farete quello che io vi comando”.

Gesù non è venuto ad abolire i comandamenti, ma a darci un comandamento più grande che li racchiude tutti. E il suo comandamento è: “Amatevi gli uni gli altri, come io ho Amato voi”. Capite? Se noi amiamo noi stessi e gli altri, come Lui ci Ama, rimarremo nel suo Amore. E’ un cerchio che si apre con il comandamento dell’Amore e si chiude nuovamente nel Suo Amore. Il primo comandamento stesso è racchiuso in questo, perché come posso Amare, come Gesù Ama, se non Amo Dio, fonte stessa dell’Amore?

Posso anche rispettare tutti i comandamenti e tutte le prescrizioni della Chiesa, ma se le rispetto senza ricevere Amore da Dio e dare Amore agli altri, ho perso tutto, ho fatto un esercizio faticosissimo senza aver ricavato nulla. E’ come andare in palestra fare mille esercizi e farli in modo disordinato, senza l’ordine che ci ha dato l’istruttore: ci ho provato (perché sapete sono una persona molto testarda), mi sono ammazzato di fatica e l’istruttore mi ha detto: “Bravo Daniele, non ti è servito a niente”, immaginate la mia faccia.

Ma probabilmente potrebbe essere anche la nostra faccia davanti a Dio, quando diremo: “Dio ho rispettato tutte le leggi e le prescrizioni, dov’è il mio posto in Paradiso?” E Lui che ci dirà: “Bravissimo, non ti è servito a niente, se tutto questo non l’hai fatto osservando quello che Gesù ti ha comandato”.

Il Paradiso non ce lo guadagniamo a suon di punti fedeltà, non lo guadagniamo se siamo i più ligi rispettanti della legge (e nonostante tutto, la scrittura dice che il “giusto, pecca 7 volte al giorno”). Gesù ci dice: “Vado a prepararvi un posto”. Lui il posto c’è l’ha già preparato, è lì, dobbiamo solamente seguirlo, anche con tutta la sequela dei nostri peccati, fragilità, dubbi, ma se siamo convinti che lui è “la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo” allora, anche se la porta del Paradiso è stretta, quanto la cruna di un ago, Lui ci farà passare il cammello e tutta la carovana.

Amici non lasciamoci abbattere dalla nostra piccolezza, non ascoltate coloro che dicono che la Santità e il Paradiso è per pochi coraggiosi, per i migliori, quelli che ce la fanno di più… No! La Santità, il Paradiso è per tutti, soprattutto per i più miseri, per quelli che si sentono più lontani. Il buon ladrone, che di buono non aveva nulla, sapete qual è l’unica cosa che ha fatto? Si è lasciato Amare!

«Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male». E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno»

Quale dichiarazione di Amore più bella e sincera? Nessuno, neanche gli Apostoli, nel periodo passato insieme a Gesù, avevano fatto una dichiarazione di Amore così profonda. Un uomo che riconosce tutta la sua debolezza, ma riconosce che la grandezza di Dio, del Suo Amore è più grande di tutto quello che noi pensiamo di aver fatto. Quanto orgoglio c’è in noi, se poniamo il nostro peccato come ostacolo all’Amore di Gesù? Quanta poca fiducia nel Suo Amore, se pensiamo che il nostro peccato possa essere d’ostacolo a quel posto che lui ci ha riservato. Se avesse avuto la possibilità terrena, quel buon ladrone, son sicuro che avrebbe seguito Gesù e gli altri Apostoli e sarebbe diventato uno dei più grandi evangelizzatori. Eppure se ci pensiamo lo è stato, perché tutt’oggi, attraverso i Vangeli, continua a insegnarci quanto l’Amore di Dio è grande.

Lasciamoci Amare da Gesù, lasciamoci Abbracciare dal suo Amore misericordioso, non rinchiudiamolo in schemi, in preconcetti umani. Lui vuole solo Amarci, e attraverso questo Amore trasformare la nostra miseria, il nostro peccato, le nostre tenebre più buie, e fare di esse il più fulgido esempio della sua bontà di Padre. E così potremo cantare il Magnificat, e sentire le parole di Maria, vibrare nel nostro cuore. Perché Dio ha riconosciuto la “nullità” (dal greco “tapeínosis” ) della sua serva , e in quel tempio vuoto ha edificato la Sua casa, facendo “grandi cose”.

Coppie, amiamo Dio! E attraverso Dio amiamoci, come Lui ci ha amato. E come una sola carne, amiamo gli altri fratelli. Questa è la nostra missione. Questa è la nostra verità di Fede. Questa è la buona battaglia che Gesù ci dice di combattere. E allora arriveremo a dire come l’Apostolo Paolo: l’unico mio vanto è il Signore. Questo il nostro biglietto di sola andata per il Paradiso. Buon cammino!

Molte cose ho ancora da dirvi

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l’annunzierà.
Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà del mio e ve l’annunzierà».

Quello che Gesù dice ai discepoli in questo passo del Vangelo, che ci viene offerto dalla liturgia odierna, ci riguarda tantissimo. Noi sposi siamo così. Ogni tanto ci penso. Quanta consapevolezza avevo il giorno delle mie nozze? Molto poca. Il matrimonio non può lasciarti uguale. Quando sento frasi del tipo Ti amo come il giorno in cui ti ho sposato/a, non posso che pensare che non sia possibile. Nel matrimonio sacramento non c’è lo stallo. Si sale o si scende. Si cresce o ci si indebolisce. Si perfeziona o si distrugge. Non si può restare gli stessi. Io, e lo dico con convinzione e certezza, amo molto di più la mia sposa oggi, dopo quasi 16 anni di vita insieme. Capitemi bene! Non è un crescere costante. Non è una retta che non ha mai cambi di direzione. Nel matrimonio si cade, si litiga, ci si allontana. Ci sono momenti difficili e di crisi. Guai a negarlo e a pensare che la famiglia perfetta va sempre d’accordo. La famiglia così è solo negli spot in tv, non nella vita reale. C’è qualcosa, però, che accade. Quando si cade e si riesce a vivere l’amore misericordioso anche in quei momenti di flessione, la caduta diventa una spinta. Una spinta per risalire più in alto di prima. Vivere il perdono, l’amore gratuito e incondizionato nei momenti difficili accresce l’amore e non lo distrugge. Questa è la differenza tra una coppia che regge e una che crolla. Nella prima si va oltre le miserie dell’altro e si ama sempre e comunque. Nell’altra, invece, la famiglia diventa luogo delle rivendicazioni, dei rancori che crescono, del rinfacciare e del non sapersi perdonare. Non servono grandi fratture per scoppiare. Bastano tante piccole scosse non affrontate nel modo giusto. Ed è così che lo Spirito Santo si manifesta e ci mostra la grandezza della nostra unione e relazione. In questi anni, in diversi corsi e ritiri, ci è capitato diverse volte di rinnovare le nostre promesse davanti al sacerdote. Ogni volta è più bella di quella precedente. Perchè c’è più amore e più consapevolezza. C’è una storia di esperienze di perdono e di accoglienza reciproca. Ci sono gesti che ci siamo donati impressi a fuoco nel cuore. Tutto questo mi permette oggi di comprendere l’importanza del mio si. Mentre il giorno delle nozze ero spaventato dalla promessa del per sempre oggi ne sono affascinato perchè ho visto pian piano svelarsi il disegno di Dio e la presenza dello Spirito Santo nel nostro amore sponsale. Ogni mattina ringrazio Dio per ciò che ha fatto nella nostra vita. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quante cose ci hai detto in questi anni di matrimonio insieme.

Antonio e Luisa

Sposi sacerdoti. Belle sono le tue guance fra i pendenti. (25 articolo)

Alla puledra del cocchio del faraone
io ti assomiglio, amica mia.
Belle sono le tue guance fra i pendenti,
il tuo collo fra i vezzi di perle.
Faremo per te pendenti d’oro,
con grani d’argento.

Compare l’amato. Ora la parola passa allo sposo. Passa a Salomone. Alla puledra del cocchio del faraone io ti assomiglio, amica mia. Una donna del nostro tempo, con la nostra mentalità si potrebbe offendere. Come? Mi paragoni ad un cavallo? Come ti permetti! In realtà questa esclamazione racconta la meraviglia che sta provando lo sposo. Non è una cavalla qualsiasi. E’ la puledra del cocchio del faraone. Una puledra di razza, la più bella. Tanto bella da essere scelta dal faraone stesso. Degna di tanto onore. E’ un’immagine piena di dignità, di eleganza e di bellezza. Può farci sorridere questo paragone, ma ricordo che si tratta di un’opera scritta in un contesto semplice. Scritta in una comunità di pastori seminomadi e la natura è ciò che hanno come pietra di paragone per ciò che esiste di più bello. Non hanno un altro modo per esprimere la bellezza di Dio e dell’uomo. Il risultato, se ci liberiamo dei nostri schemi mentali, è una poesia che riempie il cuore di chi la ascolta o la legge.

Belle sono le tue guance fra i pendenti, il tuo collo fra i vezzi di perle. Faremo per te pendenti d’oro, con grani d’argento.

Lo sguardo dello sposo cambia. Passa dal generale al particolare. Si posa sul viso e sul collo dell’amata. Lo sposo si sofferma sulla bellezza della sposa. Tanto bella che merita gioielli ed ornamenti per far risaltare ancor maggiormente questa meraviglia. Faremo per te pendenti d’oro. Li faremo per te, solo per te. Tu sola sei degna di tutto questo. In te ho scoperto questa regalità che mi ha colpito. Mi ha colpito così tanto che voglio farti dono di oro e di argento. Quanto è vera questa cosa anche oggi? Non so voi, ma la mia sposa è felicissima quando le regalo un anello, un paio di orecchini o un ciondolo. Non credo che a colpirla sia la preziosità del regalo in sè. Non è quello. Non è una reazione da persona venale e superficiale. Tutt’altro. Spesso, magari inconsciamente, ha colto il significato profondo di quel dono. Ciò che la rende felice e la fa sentire amata non è il valore materiale, ma il messaggio intimo che c’è dietro. Le sto dicendo tu sei bella, sei preziosa. Anzi di più. Le sto dicendo tu sei la più bella e la più preziosa. Te lo voglio dire attraverso questo dono. Credo che uno dei gesti che più può ferire una donna, oltre al tradimento fisico, sia proprio questo. Scoprire che il suo sposo ha regalato un gioiello ad un’altra donna. Non è così? Pensateci. Al prossimo articolo.

Antonio e Luisa

Articoli precedenti

Introduzione Popolo sacerdotale Gesù ci sposa sulla croce Un’offerta d’amore Nasce una piccola chiesa Una meraviglia da ritrovare Amplesso gesto sacerdotale Sacrificio o sacrilegio L’eucarestia nutre il matrimonio Dio è nella coppia Materialismo o spiritualismo Amplesso fonte e culmine Armonia tra anima e corpo L’amore sponsale segno di quello divino L’unione intima degli sposi cantata nella Bibbia Un libro da comprendere in profondità I protagonisti del Cantico siamo noi Cantico dei Cantici che è di Salomone Sposi sacerdoti un profumo che ti entra dentro. Ricorderemo le tue tenerezze più del vino. Bruna sono ma bella Perchè io non sia come una vagabonda Bellissima tra le donne

La fede si trasmette per contagio

Trasmettere la fede non vuol dire “dare informazioni”, ma “fondare un cuore”, “nella fede in Gesù Cristo”. Ben lontano da apprendere meccanicamente un libretto o alcune nozioni, essere un cristiano vuol dire essere “fecondo nella trasmissione della fede”, così come la Chiesa, che “è madre” e partorisce “figli nella fede”.

Questa breve riflessione, tratta da Avvenire, riprende l’omelia di alcuni giorni fa di Papa Francesco a Santa Marta.

Quanto c’è da imparare! Papa Francesco in poche righe ci dona un grande insegnamento. Gesù non si trasmette con i libri di catechismo. Non si trasmette con le belle parole di sacerdoti e operatori pastorali. Non si trasmette in chiesa o all’oratorio. Si! Momenti belli e importanti. Però non bastano. La fede si può trasmettere solo per contagio ai nostri figli, non per indottrinamento. Parlare di Gesù non serve a niente se quel parlare non è accompagnato da uno stile di vita, da un atteggiamento vissuto alla luce della sua presenza. I nostri figli hanno un cuore aperto all’incontro con Gesù. Un cuore, non la testa. Ci arrivano con il desiderio non con una teoria astratta. Dio è padre e madre. L’ha detto Giovanni Paolo I. Mostriamo questo volto di Dio ai nostri figli. Questo non significa non sbagliare mai con loro. Significa accoglierli e accompagnarli. Significa accoglierli sempre. Amarli sempre e comunque. Anche quando sbagliano. Soprattutto quando sbagliano. Solo sentendosi amati così, per quello che sono e non per quello che fanno di buono si sentiranno veramente amati. Facendogli comprendere l’errore, ma senza mai identificarli con l’errore. Loro sono e valgono molto di più di come si comportano e di ciò che fanno, sempre. Poi, hanno bisogno di respirare l’amore vicendevole dei genitori. Hanno bisogno di vedere papà e mamma che si abbracciano e che si scambiano tenerezze. Hanno bisogno di vedere papà e mamma che si prendono cura l’uno dell’altra e che si perdonano sempre. Hanno bisogno di vedere papà e mamma che si inginocchiano davanti a Gesù. Papà e mamma che sanno di non potere nulla senza la forza che viene dallo Spirito Santo. Lo sanno e la chiedono. Papà e mamma che sanno chiedersi scusa e sanno perdonarsi perchè si sono sentiti accolti e perdonati da Dio. Papà che quando sbaglia con loro è capace umilmente di riconoscersi imperfetto. Capace anche di insegnare che c’è un Padre che invece non sbaglia mai e che è capace, a differenza sua, di amarli in modo perfetto e infinito. Solo così le parole di un libro di catechismo non saranno nozioni vuote, ma saranno la spiegazione di ciò che si vive e si respira in famiglia. Coppie: non nascondete mai le vostre coccole ai figli. Baciatevi, abbracciatevi davanti a loro. Papà dite quanto la mamma è bella e importante per voi. Mamme fate altrettanto. Anche questo è trasmettere la fede. Dio è amore. Solo mostrando la bellezza di amarsi in modo gratuito e autentico potremo avvicinare i nostri figli a Gesù. Guardando noi avranno desiderio di conoscere la sorgente del nostro amore e della nostra gioia.

Antonio e Luisa

Rimanete nel mio amore

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi. Rimanete nel mio amore.
Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore.
Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena».
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati.
Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici.
Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando.
Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda.
Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri».

Sul Vangelo di questa domenica si potrebbe scrivere un libro. E’ un sunto del messaggio evangelico. E’ la buona novella.

Vediamo punto per punto.

Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. 

Per amare bisogna aver sperimentato l’amore. Gesù stesso non fa lo spaccone. Non si mette sul trono e non dice amatevi come io vi amo. Dice altro. Io vi amo in questo modo perchè io stesso sono stato amato dal Padre. L’amore non è qualcosa che ci diamo da soli. Saremo capaci di amare in profondità la nostra sposa o il nostro sposo solo quando  per primi avremo sperimentato un amore gratuito, incondizionato e senza fine. Quante persone dicono di amarsi e in realtà si stanno solo usando? Si stanno usando per colmare quel bisogno che hanno nel cuore? Per tante persone l’amore è prendere. Ti amo perchè mi fai stare bene. Non è questo il primo pensiero di tanti sposi? Poi facilmente tutto crolla, perchè l’altra persona non potrà mai soddisfare i nostri bisogni fino in fondo. Chi ha sperimentato l’amore gratuito di Dio sa abbeverarsi alla sorgente. E allora tutto cambia. La nostra attenzione non sarà più centrata su quanto l’altro ci fa stare bene, ma su quanto noi possiamo fare per far star bene l’altro. Vi rendete conto che tutto cambia? La prospettiva cambia. L’atteggiamento cambia. Vi assicuro che avviene un miracolo. Più io mi impegno a rendermi bello e accogliente per la mia sposa e più sarò gratificato dalla sua gioia. Questo amore che nasce nella relazione con Gesù, che esonda nella relazione con il tuo sposo o la tua sposa e che ritorna nell’argine del tuo cuore arricchito e perfezionato dal dono gratuito che sei stato capace di fare. Questo è l’amore che Gesù ci insegna. Questo è l’amore che Gesù ha portato nel mondo e nella storia con la sua vita. Un amore che più dai e quasi prechi per l’altro e più ti riempie. Un amore che più vuoi trattenere gelosamente e più perdi come se fosse in un secchio bucato.

Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. 
Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena». 

Gesù è molto più esigente di quanto può sembrare. Ha perfezionato il decalogo consegnato a Mosè rendendolo ancora più difficile. Gesù, infatti, ha detto anche: “Non pensate che io sia venuto per abolire la legge o i profeti; io sono venuto non per abolire ma per portare a compimento.”  Il comandamento nuovo di Gesù è molto più esigente di tutta la Legge conosciuta fino a quel momento. Gesù ha incarnato l’amore pieno e autentico nella sua vita. Le altre religioni si basano su una serie di precetti e regole da rispettare formalmente. La nostra no, la nostra è prima di tutto l’incontro con il Cristo, e da lì tutto cambia, perché quando ti senti perdonato, amato, desiderato, cercato, voluto e servito in quel modo dal tuo Dio, non sei più lo stesso, e rispondere a quell’amore diventa un’esigenza del cuore e l’unica via per vivere in pienezza. Ed è così che i comandamenti acquistano un valore positivo, diventano una bussola e un libretto delle istruzioni per non sprecare la vita e comprendere come rispondere a quell’Amore. E’ più facile dire non uccidere o amerai il prossimo tuo come te stesso? Sinceramente il primo mi è molto facile, non ho mai ucciso nessuno. Quante volte invece ho infranto il secondo uccidendo i fratelli con le mie parole, con un giudizio affrettato, con una condanna, con il mio disprezzo. Quante volte ho ucciso la mia sposa con una parola di troppo? Lo stesso gioco si può provare a pensare per tutti i comandamenti. Le richieste di Gesù sono molto più alte della Legge di Mosè,  ma riempiono la vita e il cuore. I farisei, spesso criticati da Gesù, non sbagliavano ad applicare le leggi, ma si fermavano all’applicazione senza capirne la finalità. Rispettare una legge, pur giusta, senza che questo porti ad una conversione all’amore autentico non serve a nulla, se non a sentirsi migliore di altri e giustificato e quindi superbo e sprezzante verso gli altri. Sepolcri imbiancati ed ipocriti. Vorrei fermarmi ora sul sesto comandamento. Cosa cambia, come si perfeziona il non commettere atti impuri con Amerai il prossimo tuo come te stesso? Cambia tutto. Si passa dalla forma al contenuto. Nel matrimonio l’amplesso fisico è un atto lecito anzi voluto e reso sacro da Dio. La forma quindi è salva ma lo è anche il contenuto, la sostanza, il cuore? Quel gesto è sempre frutto dell’amore? La legge dell’amore di Gesù non si accontenta, vuole di più. Vuole che in quel gesto ci sia tutto il nostro amore. Esige una purificazione del cuore e della mente, esige una lotta continua con l’egoismo e la lussuria. Esige che quel gesto non sia l’appagamento di due egoismi, ma l’incontro di due persone che nell’amore desiderano donarsi ed accogliersi reciprocamente. Capite la differenza? Quante volte nell’amplesso gli sposi hanno fantasie da realizzare usando l’altro/a e non desiderio di essere uno con l’altro. Questi sono tutti adulteri del cuore.

Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati.
Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici.
Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. 

Mettendo insieme i primi due punti che abbiamo affrontato possiamo comprendere questo passaggio.

Amare come Cristo significa dare tutto di noi. Dare tutta la nostra vita. Il matrimonio è questo. Solo il matrimonio esprime in pienezza questo. Io ho dato tutto alla mia sposa. La mia vita è sua e la sua è mia. Non come qualcosa da possedere, ma come un dono gratuito da accogliere con gratitudine e meraviglia ogni giorno della nostra vita insieme.

Qui mi fermo perchè ci sarebbe tanto da dire anche sul proseguo del Vangelo, ma non voglio dilungarmi

Antonio e Luisa

 

 

Nel mondo ma non del mondo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me.
Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia.
Ricordatevi della parola che vi ho detto: Un servo non è più grande del suo padrone. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
Ma tutto questo vi faranno a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato».

Per tanti cristiani è così. Sono odiati, perseguitati e uccisi in nome di quel Gesù che è Signore della loro e della nostra vita. Anche noi, qui in Italia, siamo odiati. Anche in famiglia! Anche con gli amici! Il significato di quell’odiare può prendere mille sfaccettature. A seconda del contesto e delle traduzioni. In questo caso odiare sta per amare meno. Cosa voglio dire? Io, l’incomprensione, la commiserazione, a volte la rabbia di parenti e amici l’ho sperimentata sulla mia pelle. Essere cristiani e cercare di vivere in modo radicale l’abbandono a Gesù nella totalità del suo messaggio significa diventare dei marziani. In famiglia non capiscono le tue scelte e il tuo stile di vita. Ricordo benissimo quando abbiamo comunicato il concepimento dei nostri figli. Pietro, il primo, è stato accolto con gioia e festa da tutti. Tutti si sono complimentati con noi. Sposi novelli e in un anno già genitori. Il secondo, Tommaso, è stato concepito pochi mesi dopo la nascita di Pietro. In famiglia l’hanno presa, tutto sommato, bene. Due figli è ancora nella norma. Qualcuno ci ha tenuto a rilevare come questo secondo bimbo poteva aspettare un po’ di più ad arrivare. E via con i consigli. Quali metodi usate? Fai prendere la pillola a Luisa. Metti comunque il preservativo! Come? Usate i metodi naturali? Siete pazzi! Non funzionano. Vi dovremo regalare un pulmino. Poi, esattamente 15 mesi dopo Tommaso, concepiamo Maria. Apriti cielo! Siete pazzi! Come farete ora? Dovrete cambiare casa e auto! Ci avete pensato? Siete senza cervello. Non avete pensato alle conseguenze! Prendetevi un cane piuttosto!

Ne abbiamo sentite di ogni. Abbiamo incassato e portato a casa. Sicuri che la nostra scelta di vita fosse incomprensibile a tanti, ma fosse ciò che Dio voleva da noi. Tutti erano sinceramente preoccupati per noi. Poi arriva Francesco. Una tragedia, Un lutto. Musi lunghi tra tanti parenti. Ci guardavano come quelli che si erano scavati la fossa.

Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia.

Chi sceglie Gesù non è più del mondo. Fa scelte diverse. Scelte spesso incomprensibili e sbagliate anche per chi ci sta più vicino.

In un altro passo del Vangelo è scritto:

Non pensate che io sia venuto a mettere pace sulla terra; non sono venuto a metter pace, ma spada. 35 Perché sono venuto a dividere il figlio da suo padre, la figlia da sua madre, la nuora dalla suocera;

Quanto è vero! Non a caso abbiamo avuto bisogno di unirci ad altre famiglie che potessero capire le nostre scelte e la nostra vita. L’intercomunione delle famiglie nasce per questo. Cristo divide. Almeno all’inizio. Dare testimonianza è questo. Dire, attraverso la vita, qualcosa che il mondo non dice. Significa essere incompresi e biasimati. Significa però mostrare al mondo qualcosa di bello. Ora nessuno critica più la nostra scelta. Hanno visto la gioia di una famiglia aperta alla vita e siamo spesso ammirati. Non siamo meglio degli altri. Semplicemente abbiamo scelto il meglio. Non abbiamo scelto il mondo con le sue scelte povere e ipocrite, ma abbiamo scelto Cristo.

Antonio e Luisa

 

Chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi.

In quel tempo, Gesù disse a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
Se conoscete me, conoscerete anche il Padre: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre?
Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me; ma il Padre che è con me compie le sue opere.
Credetemi: io sono nel Padre e il Padre è in me; se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre».
Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio.
Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.»

Il Vangelo di ieri ci riporta al nocciolo del matrimonio sacramento. Gesù ci dice, tra le altre, due verità:

  • Chi ha visto me ha visto il Padre.
  • anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre.

Noi sposi siamo interpellati in modo particolare. Uno dei doni del matrimonio è l’azione consacratoria della Spirito Santo. Attraverso questo dono noi siamo abilitati ad amarci come Dio. Diventiamo profeti dell’amore di Dio. Siamo abilitati ad essere presenza e immagine dell’amore di Dio nel mondo. Guardando noi si dovrebbe comprendere qualcosa di Dio. Con tutti i nostri limiti creaturali. Voi ci credete? Credete in questa verità che ci insegna la nostra Chiesa? Oppure pensate che sia una bella favola?

Certo vi guardate e cosa vedete? Due persone piene di difetti, di fragilità, e anche di peccati. Le nostre case non sono sempre un paradiso. Eppure abbiamo questo in germe, in potenza. Dio ci ha dato tutto per essere profeti del suo amore, nonostante tutti i nostri limiti. San Giovanni Paolo II, consapevole della grandezza che si nasconde in noi sposi, scriveva, anzi urlava in Familiaris Consortio: Famiglia, diventa ciò che sei!

Papa Francesco, in Amoris Laetitia, integra questa affermazione. Non toglie nulla, ma aggiunge un passaggio fondamentale:

Tuttavia, non è bene confondere piani differenti: non si deve gettare sopra due persone limitate il tremendo peso di dover riprodurre in maniera perfetta l’unione che esiste tra Cristo e la sua Chiesa, perché il matrimonio come segno implica «un processo dinamico, che avanza gradualmente con la progressiva integrazione dei doni di Dio

Qui, il Papa attuale fa una puntualizzazione importantissima: nonostante la Grazia, non si può gettare sopra i due sposi, che sono  fragili e limitati,  questo grandissimo e difficilissimo compito. Il Papa afferma che gli sposi iniziano, con la celebrazione del matrimonio, un cammino che li porterà sempre a una maggiore integrazione e apertura ai doni di Dio, alla Grazia. Ciò significa che la Grazia di Dio è in grado di riempire interamente  il nostro cuore, ma tutto dipende da quanto esso  è aperto all’azione divina e quanto è grande. Più si cresce nella capacità di amare e più la Grazia sarà abbondante e visibile in noi. Per rendere chiaro questo concetto Padre Raimondo Bardelli faceva un esempio. Ricordate le pellicole fotografiche di qualche anno fa? Credo di si. La fotografia non si imprimeva sulla pellicola con le immagini nitide e colorate, ma in negativo. Il chiaro appariva scuro e viceversa, tanto da rendere poco comprensibile il tutto. Ecco gli sposi il giorno delle nozze sono esattamente questo. Un negativo da sviluppare. Nella vita di ogni giorno, nel servizio, nel dono, nell’apertura all’altro/a, alla vita e al mistero di Dio, nell’intimità, nella fatica e nella gioia, il negativo si sviluppa e il nostro amore, la nostra unione, diviene sempre più chiaramente immagine di Dio. In noi e nella nostra vita si potrà scorgere qualcosa di meraviglioso. Pensiamo  ai tanti sposi santi che la Chiesa ci ha donato e sarà evidente la trasformazione da negativo a immagine verace di Dio. Pensiamo a Santa Gianna, i coniugi Quattrocchi o a Chiara ed Enrico Petrillo e tutto sarà evidente. Guardiamo il nostro sposo e la nostra sposa con questo sguardo, e cerchiamo di sviluppare sempre più il nostro matrimonio e la nostra vita insieme alla luce di tutto questo.

Antonio e Luisa

Mi sono sposata un’altra volta!

Mi sono sposata un’altra volta! Siamo sposati da 25 anni. Ora però, inizia una nuova fase del nostro matrimonio, una nuova vita. Guardando le famiglie presenti sento nascere la speranza nel cuore. Un amore pieno è possibile.

Queste sono solo alcune delle testimonianze condivise  alla fine del corso “Come sigillo sul cuore”. Corso organizzato dall’associazione Intercomunione delle famiglie (www.intercomunione.it). Quelle che mi hanno colpito di più. C’è qualcosa che mi ha colpito, però, ancora maggiormente. Lo sguardo. Abbiamo accolto domenica mattina 23 coppie. Coppie di fidanzati, di sposi sacramentali e di sposi civili. Gente dal Piemonte, dalla Lombardia e dal Veneto. Persone con meno di trent’anni e altre con trent’anni di matrimonio sulle spalle. Leggevo in loro tanta fatica. In alcuni ferite e sofferenze da curare. Quello che mi ha colpito è lo sguardo. Lo sguardo in tre giorni di corso si è trasfigurato. In tutti. Certo, in alcuni in modo più evidente. Me l’aspettavo. Ne ero certo. Non perchè noi dell’equipe siamo dei maghi. Tutt’altro! Abbiamo le nostre miserie e magagne come tutti. Lo sapevo perchè il messaggio di cui ci siamo fatti portatori è una bomba. Abbiamo, pian piano, svelato la bellezza dell’amore umano. Abbiamo descritto, e mi auguro anche un po’ testimoniato, la grandezza del matrimonio. Abbiamo parlato dell’amore. Non quello dei sentimenti e dei film, ma quello che desideriamo tutti nel nostro cuore. Tutti desideriamo essere amati in modo totale e gratuito. Senza condizioni. Abbiamo mostrato un ideale difficile, ma possibile e soprattutto grande. Non abbiamo solo insegnato, ma abbiamo passato la parola anche al solo e unico maestro. Grazie a don Giuseppe, che ci ha seguito per tutto il corso, abbiamo pregato e adorato. Adorato in coppia. Affinchè potessimo comprendere come quel Gesù, che era lì dinnanzi a noi, non desiderasse altro che amarci ed essere amato da noi. Si, ma attraverso il nostro sposo o la nostra sposa. Così che quell’abbraccio, quella carezza, quello sguardo, che ci siamo scambiati davanti al Santissimo, era l’abbraccio, la carezza e lo sguardo di Gesù per noi.

Il terzo giorno è risorto. Per tanti è stato così davvero. E’ risorto il matrimonio. Non che fosse morto. Aveva però bisogno di nuova vita, di nuova consapevolezza, di attingere alla sorgente stessa dell’amore.

Alla fine, durante i saluti e le testimonianze finali, tanti sguardi pieni di luce. Tanti occhi lucidi per le lacrime di gioia e di gratitudine.

Preparare questi corsi è faticoso. Ci sono tante cose da fare. Questo si aggiunge a giornate già belle piene. Quando poi ascolto e ammiro queste coppie che hanno saputo mettersi in gioco e vedo il miracolo che Gesù ha compiuto in loro, attraverso un servo inutile e indegno come me e come tutti i miei compagni di equipe, tutto passa. C’è una gioia immensa che mi pervade il cuore e chi se ne frega della fatica. Ne è valsa la pena.

Poi arriva Terry e con le lacrime agli occhi, guardando un po’ noi e un po’ il suo Luca, ci dice che attraverso il corso ha riscoperto l’importanza di prendersi cura l’uno dell’altra, ha riscoperto la bellezza del sacramento che ha scelto e la bellezza del suo sposo. Ci dice che sente di essersi sposata nuovamente durante il corso. Beh così è troppo anche per me. Non riesco a trattenere le lacrime e nel cuore ringrazio Dio per i miracoli che opera in noi.

Vi aspettiamo ai prossimi corsi.

Antonio e Luisa

Il tralcio ha bisogno della vite.

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo.
Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto.
Voi siete gia mondi, per la parola che vi ho annunziato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me.
Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla.
Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato.
In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

Il Vangelo di oggi ci tocca particolarmente. Si, lo so. Lo dico sempre di tutti i Vangeli che commento. Il Vangelo è così. Non ti può lasciare indifferente. Se lo fa, significa che lo avete letto solo con gli occhi e non con il cuore.

Non abbiamo scampo! Cosa ci dice? Che se non portiamo frutto saremo tagliati. Che anche se portiamo frutto saremo comunque potati, per portarne di più. Ci dice che siamo puri per la Parola che Gesù ci ha donato. La Parola è lui stesso. Per finire, giusto per rafforzare il concetto, Gesù afferma: Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla.

Quanto è vero!! Cerchiamo di capirci, però. Quando una famiglia, una coppia, si accorge se il tralcio a cui è legato il proprio matrimonio è vivo o è, invece, seccato?

Quando le cose vanno bene? No! Quando tutto fila liscio non ci rendiamo conto di nulla. Basta la nostra miseria, la nostra umanità fragile e ferita. Ci bastiamo, si sosteniamo spinti dalla forza dei sentimenti, delle sensazioni, delle emozioni. Ci sentiamo, per certi versi, onnipotenti. Siamo padroni della nostra vita, del nostro matrimonio. Abbiamo tutto sotto controllo. In questi momenti, in cui l’amore prende la forma di un cuore pulsante, tutto sembra facile. Non ci serve la vite. Il tralcio si basta. Crede di poter vivere staccato dalla sorgente della sua vita.

Poi, presto o tardi, arrivano le carestie, i temporali, le gelate. Quel tralcio, che pensava di bastarsi, non riesce più a nutrirsi e a proteggersi da solo. Le tempeste della vita ci toccano tutti. Sofferenze, crisi, lutti, divisioni e abbandoni, possono minare il nostro matrimonio. Ogni coppia di sposi ha le sue cadute, ha colpi della vita che appesantiscono la relazione e la rendono difficile da condurre in salvo. L’amore smette di essere un cuore pulsante e prende la forma di una croce. La coppia non si basta più. I pesi sono troppo gravosi per sostenerli. Serve la forza, il sostegno della vite. Bisogna tornare alla sorgente, alle radici della nostra unione e attingere lì. Bisogna tornare a Gesù Cristo che è salvezza e vita.

Non tutti sono capaci di tornare alla sorgente purtroppo. Chi ha vissuto un matrimonio lontano da Cristo e dalla Sua Legge, donataci dalla sua Chiesa, inevitabilmente seccherà. Non perchè un Dio cattivo lo punisce, ma perchè non si è educato a vivere alla presenza di Cristo e a chiedere il suo aiuto.

Chi, invece, ha aperto sempre più il cuore a Gesù, allo Spirito Santo, cercando di vivere un matrimonio nella verità degli insegnamenti della Chiesa e nutrendo la sua relazione dell’amicizia con Gesù nella preghiera e nei sacramenti, in quei momenti di forte difficoltà non perirà. Al contrario, porterà più frutto. Penso ai tanti sposi lasciati e comunque fedeli alla promessa. Che esempio e testimonianza grande! Penso agli sposi che accudiscono e accompagnano il coniuge all’incontro con Cristo nella malattia. Quanta tenerezza e cura! Penso agli sposi che accolgono un figlio diverso, malato o disabile. Quanta fecondità nella loro vita. Ci sono tanti esempi che potrei fare. Gesù non trasforma tutto in un cuore, in qualcosa di bello e desiderabile. La malattia, la sofferenza e i colpi della vita, nessuno li vuole. Gesù la croce non la toglie. Ti dà, però, la forza di portarla e di testimoniare, così, un amore che salva e che attira. Quante persone sono state affascinate e avvicinate a Gesù dalla storia di Chiara ed Enrico. Chiara Corbella non desiderava soffrire e morire. Desiderava una vita normale con suo marito. Chiara ha però accolto la croce e l’ha vissuta sostenuta da una pace e una forza non umane. Chiara ed Enrico avrebbero dovuto seccare per il colpo ricevuto. Invece stanno portando tantissimo frutto perchè erano una cosa sola con la vite. Gesù era in loro e con loro.

Pensiamoci e contempliamo la meraviglia della forza delle famiglie che sanno abbandonarsi a Gesù!!

Antonio e Luisa

Luogo santo.

Dio disse: «Non ti avvicinare qua; togliti i calzari dai piedi, perché il luogo sul quale stai è suolo sacro».

Questa frase dell’esodo mi ha sempre impressionato. Non ho mai capito bene il perchè. Sentivo pur senza comprendere che insegnava qualcosa di grande. Poi mi sono sposato è ho capito. Nella relazione con la mia sposa mi devo togliere i calzari. Lei è un’alterità diversa da me.  In lei c’è un mistero, in lei c’è la presenza di Dio, il suo corpo è tempio dello Spirito Santo. E’ una figlia prediletta di Dio e sposa di Cristo in virtù del Battesimo.  Merita rispetto. Non so tutto di lei, non capirò mai tutto di lei. Merita che io mi accosti a lei con delicatezza. Quante volte ho cercato di imporre la mia idea. Pensare che lei debba essere come io voglio, o comportarsi come io credo, è una delle tentazioni più pericolose, almeno all’inizio del matrimonio. Quante volte non mi sono tolto i calzari, ma al contrario sono entrato come padrone nella vita della mia sposa. Quante pressioni, quante prepotenze e quanti ricatti. Musi lunghi e assenza di dialogo. Ma l’amore non è questo, non è prendere possesso dell’altro per farne cosa nostra. Questo è l’egoismo che distrugge l’amore. Questo è l’amore malato che nei casi più gravi porta alla violenza.  L’amore è un incontro, l’amore è un accogliere una persona e darsi a quella persona.

Questo si capisce col tempo, con l’esperienza di vita insieme, con i successi e i fallimenti. Si capisce soprattutto restando uniti a Gesù. Gesù che su quella croce ha rivelato la vera essenza dell’amore. L’amore iniziale, almeno il mio, nascondeva tanto egoismo. Come dice Fabrice Hadjadj per amare davvero dobbiamo prima morire, poi immergerci nel sepolcro e infine risorgere. Posso testimoniare che è proprio così. Ho dovuto morire a me stesso, al mio egoismo, al mio infantilismo e al mio egocentrismo. Ho dovuto capire che lei mi apparteneva non per farne ciò che volevo, ma per camminare verso Cristo, per imparare a servire, e per spostare il centro delle mie attenzioni verso il prossimo. Lei era un’opportunità che Dio mi donava. Sono dovuto scendere nel sepolcro. Ho dovuto capire, mettere in discussione, faticare e infine guarire. Solo dopo aver vissuto la morte e il buio della crisi, solo allora ho potuto risorgere ed amare veramente. Certo con tanti limiti e ricadute. Ora però conosco la strada. Ora riesco ad entrare in punta di piedi nella vita della mia sposa e meravigliarmi del mistero che c’è in lei. Mistero che è sempre una nuova opportunità di crescere ed amare. Un mistero che apre all’eterno e all’infinito di Dio.

Antonio e Luisa

Sposi sacerdoti. Bellissima tra le donne. (24 puntata)

Se non lo sai tu, bellissima tra le donne,
segui le orme del gregge
e pascola le tue caprette
presso gli accampamenti dei pastori.

Se non lo sai tu, bellissima tra le donne

Risponde il coro. Mi soffermo subito su quel bellissima. Si può tradurre anche con incantevole. Un superlativo che vuole evidenziare come la Sulamita sia bella in tutta l’interezza della sua persona. Perchè chi ama in modo autentico è una persona bella. E’ bella perchè esprime in pienezza l’umanità che la costituisce. Esprime tutte le potenzialità del suo essere donna o del suo essere uomo, della sua femminilità o della sua virilità. Il coro, proprio per questo, vede la Sulamita bellissima, incantevole. E’ l’amore che dal suo profondo si irradia sul suo corpo.

segui le orme del gregge
e pascola le tue caprette
presso gli accampamenti dei pastori.

Questo intervento del coro non è posto a caso. Come vedremo anche in altre parti del Cantico ha un suo significato importante. Rappresenta la società. Rappresenta tutto l’insieme delle persone che sono e vivono vicino alla coppia del Cantico. Non sono soli. Sono oggetto di ammirazione per chi li vede. Sono contemplati e ammirati. Tutti esprimono il desiderio che questa storia d’amore vada a buon fine. Tutto il contesto sociale aiuta gli amanti a prendere sempre più coscienza e consapevolezza di ciò che sono e che sono chiamati ad essere. Anche noi siamo così. Quando notiamo due persone care che si cercano e si mostrano interesse siamo come tentati di favorire quell’incontro e quel germe di relazione. Quante storie sono nate grazie all’intervento e all’aiuto di amici. Quando non c’è malizia e i rapporti si basano su relazioni vere e autentiche la società non è nemica della coppia, ma al contrario desidera che quelle persone possano esprimere tutta la bellezza e l’amore che fanno intuire di poter generare. Pensiamo invece quanto male possono farci amici e parenti che non vivono un rapporto libero e autentico con noi . Quanti genitori si intromettono nelle relazioni dei figli perchè gelosi dell’amore che sta nascendo con un’altra persona. Quanti amici invidiosi rovinano fidanzamenti e famiglie. Attenzione a chi ci sta attorno. Ricordiamo che una volta sposati nostro marito e nostra moglie vengono prima di tutti gli altri. Prima anche di certe mamme che faticano a mollare la presa.

Antonio e Luisa

Articoli precedenti

Introduzione Popolo sacerdotale Gesù ci sposa sulla croce Un’offerta d’amore Nasce una piccola chiesa Una meraviglia da ritrovare Amplesso gesto sacerdotale Sacrificio o sacrilegio L’eucarestia nutre il matrimonio Dio è nella coppia Materialismo o spiritualismo Amplesso fonte e culmine Armonia tra anima e corpo L’amore sponsale segno di quello divino L’unione intima degli sposi cantata nella Bibbia Un libro da comprendere in profondità I protagonisti del Cantico siamo noi  Cantico dei Cantici che è di Salomone Sposi sacerdoti un profumo che ti entra dentro. Ricorderemo le tue tenerezze più del vino.  Bruna sono ma bella  Perchè io non sia come una vagabonda

Eravamo dei tralci secchi

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo.
Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto.
Voi siete gia mondi, per la parola che vi ho annunziato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me.
Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla.
Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato.
In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

In tutto il Vangelo, ogni versetto è da vivere, da sperimentare  nella nostra vita e nella nostra storia. Il Vangelo di questa domenica lo è in modo particolare, è più diretto ed evidente di altri passaggi.  Ci spiega come non ci sia nulla di più importante per noi sposi, tralci intrecciati che si nutrono dalla stessa sorgente, di restare aggrappati alla vite, Gesù.

Finchè abbiamo voluto fare di testa nostra, abbiamo sbagliato tutto,  ognuno di noi portava la propria esperienza, la propria personalità, la propria fragilità e inadeguatezza.  Avevamo un’idea di amore molto diversa, i nostri pensieri non coincidevano, anzi erano all’opposto.

La mia sposa era tutta Agape, amore spirituale e di sacrificio, io ero tutto Eros, amore passionale e carnale. Ognuno di noi si è scontrato con l’idea dell’altro e il nostro rapporto è stato spesso messo in discussione e in crisi.

Abbiamo capito, non so come, penso per Grazia, che entrambi stavamo sbagliando, e che senza un cambiamento presto ci saremmo separati. Abbiamo quindi deciso di affidarci a Gesù.

Non abbiamo fatto chissà quale esperienza mistica, nulla di tutto questo. Non abbiamo consultato veggenti, non abbiamo avuto apparizioni o chissà quale manifestazione sconvolgente. Ci siamo fidati e abbiamo capito che Gesù l’avremmo trovato nella sua Chiesa.

Scoprire la verità della Chiesa sull’amore umano, ci ha confermato che entrambi eravamo in torto, ci ha dato la forza di cominciare un cammino di vera conversione, personale e di coppia e da allora, da quando abbiamo deciso di rimanere incollati alla nostra vite, tutto è cambiato, noi tralci, prima secchi, abbiamo cominciato a dare frutto.

Da quel momento il nostro matrimonio si è trasformato in una storia stupenda,  perchè Gesù fa tutto nuovo e meraviglioso.

Antonio e Luisa.

Sposi sacerdoti. Perchè io non sia come una vagabonda (23 articolo)

Dimmi, o amore dell’anima mia,
dove vai a pascolare il gregge,
dove lo fai riposare al meriggio,
perché io non sia come vagabonda
dietro i greggi dei tuoi compagni.

Amore dell’anima mia.

Amore erotico, ma non solo. Qualcosa di molto più profondo. Un amore che nasce nella profondità della persona e che si manifesta attraverso il corpo. Il desiderio del corpo diviene modalità di esprimere l’amore più profondo. Quanto spesso questa armonia dell’amore viene disattesa. Quante volte il corpo viene usato per cercare piacere e per soddisfare pulsioni che nulla hanno a che fare con l’amore autentico descritto qui nel Cantico. Quanta povertà. Quanta mancanza di consapevolezza. Quanta incapacità di comprendere il senso e il valore del corpo e di quello che si può esprimere attraverso il corpo.

dove lo fai riposare al meriggio,
perché io non sia come vagabonda
dietro i greggi dei tuoi compagni.

Lui non è presente nel momento in cui lei pone questa domanda. Infatti alla domanda non risponderà l’amato, ma il coro. Lei è sola. Sta vivendo un dramma d’amore. Sa che non è perfetta. Sa che ha commesso errori. Come abbiamo visto nei versetti precedenti. Sa anche che l’amato è l’unico che desidera. Sente dentro di sè la certezza che lui è l’uomo della sua vita. Solo lui. Nessun altro. Dimmi dove sei. Dove pascolano le tue greggi affinchè io non debba trovarne un altro. Se cercasi l’amore in altri uomini non lo troverei mai. Sarei come una vagabonda alla continua ricerca di qualcosa che posso trovare solo in te.  La mia anima anela solo a te.  Naturalmente qui c’è forte il richiamo simbolico a Dio per gli ebrei e a Gesù per noi. Solo Gesù può riempire quel vuoto d’amore a cui anela la nostra anima. C’è però, forte, una dinamica dell’innamoramento e dell’amore. Quando ci si innamora. Quando questa forza misteriosa ti rapisce il cuore, nessun altra cosa ti può distogliere e può essere altrettanto forte. Tutto il nostro pensiero e il nostro interesse è verso quella persona che ci ha conquistato. Per noi cristiani c’è qualcosa in più. Soltanto con Luisa ho avvertito forte dentro di me che quella donna era colei che Dio aveva preparato fin dalle origini per me. Se ho iniziato un cambiamento radicale della mia vita è perchè ho avvertito forte la certezza che attraverso di lei avrei dato compimento alla mia vita e avrei incontrato Cristo. Per questo sono stato tenace. Non ho mollato. Non è stato un fidanzamento facile. Ora, dopo 16 anni di matrimonio, ne ho la certezza. Se avessi lasciato perdere con Luisa avrei perso il dono più grande che Dio aveva pensato per me.

Antonio e Luisa

Amare come Dio e al modo di Dio.

Oggi volevo proseguire con il Cantico. Poi, però, ho letto le parole della meditazione che il Papa ci ha donato ieri a Santa Marta. Sono rimasto folgorato. Parole semplici, ma di una sostanza e di una verità deflagranti. Una bomba. Bellissime. Condivido un passaggio del resoconto particolarmente decisivo.

«In questo congedo», ha sottolineato il Pontefice, il Signore compie «due gesti, che sono istituzioni: due gesti per i discepoli e per tutta la Chiesa che verrà. Due gesti che sono il fondamento, per così dire, della sua dottrina»: l’istituzione dell’Eucaristia e la lavanda dei piedi. Da questi gesti «nascono i due comandamenti: i due comandamenti che faranno crescere la Chiesa se noi siamo fedeli».

Innanzitutto, ha detto Francesco, c’è il «primo comandamento» che è quello «dell’amore». Ed è «nuovo» perché, ha spiegato, «c’era il comandamento dell’amore — amare il prossimo come me stesso — ma questo dà un passo in più: amare il prossimo come io vi ho amato». Quindi: «l’amore senza limiti», senza il quale «la Chiesa non va avanti, la Chiesa non respira. Senza l’amore, non cresce, si trasforma in una istituzione vuota, di apparenze, di gesti senza fecondità». Con l’Eucaristia, in cui Gesù «dà da mangiare il suo corpo e da bere il suo sangue», egli «dice come noi dobbiamo amare, fino alla fine».

Vi è poi l’altro gesto, quello della lavanda dei piedi, in cui «Gesù ci insegna il servizio, come strada del cristiano». Infatti, «il cristiano esiste per servire, non per essere servito». Ed è una regola che vale «tutta la vita». Tutto è racchiuso lì: infatti «tanti uomini e donne nella storia», che l’hanno «presa sul serio», hanno lasciato «tracce di veri cristiani: di amore e di servizio».

Ha sintetizzato il Papa: «L’eredità di Gesù è questa: “Amatevi come io ho amato” e “servite gli uni gli altri”. Lavate i piedi gli uni agli altri, come io ho lavato a voi i piedi».

Premessa: quando scrivo lui vale per lei, e viceversa.

Parole indirizzate a tutta la Chiesa. Noi sposi siamo, però, interpellati in modo particolare. Noi siamo piccola chiesa e noi siamo epifania di quell’amore portato da Cristo con la sua vita e con la sua persona. Le parole di Cristo non ci lasciano scampo. Il Papa lo ribadisce. Mi capita spesso di discutere di questo sui social, di persona, o anche attraverso questo blog. Le domande sono sempre le stesse. Non posso amare chi non mi contraccambia. Non è giusto che faccia tutto io. Lui non capisce e si comporta da egoista. Dio non vuole che io sia infelice in questa relazione. Io ce la metto tutta nell’accoglierlo, ma lui non fa nulla. Non c’è reciprocità. Così non si può andare avanti. Così via.

Abbiamo perso il vero senso del matrimonio. Crediamo che, attraverso quell’unione, risolviamo tutti i nostri vuoti e la nostra ricerca della felicità. Ovvio, un matrimonio felice è il desiderio di tutti e guai a non fare di tutto per averlo. Lo scopo del matrimonio è un altro. Lo scopo del matrimonio è prepararsi all’incontro e all’abbraccio eterno con Cristo. Imparando ad amare e a mettere l’altro davanti a noi. Gesù non ci dà, quindi,  ragione. Non ci segue in questi ragionamenti e in queste comuni lamentele. Gesù ama da Dio. Gesù ci mostra il suo amore in tutta la sua vita. Il culmine lo raggiunge, però,  nell’Eucarestia, nella lavanda dei piedi, nella sua passione e morte. Dà tutto. Tutto se stesso. E serve. E’ un re che serve i suoi discepoli. E’ un re che ama e che serve. Questo siamo chiamati ad essere. Per questo per il matrimonio non basta una semplice relazione naturale e umana, ma serve un sacramento. Noi siamo chiamati ad amare come Dio (senza misura e senza condizione) e al modo di Dio (nel servizio). Tuo marito si comporta male: amalo di più. Tuo marito si arrabbia e tiene il muso: sii dolce e accogliente. Tua moglie si lamenta: accogli le sue critiche e non smettere di servirla. Ognuno ha in mente i propri punti critici sui quali lavorare.

Se mettiamo condizioni al nostro amore sponsale, non stiamo amando da Dio, stiamo mettendo noi stessi davanti, il nostro egoismo. Stiamo dicendo a Dio: non voglio amare come te. Voglio amare come ama il mondo. Senza fatica e senza sacrificio. Così, però, perdiamo tutta la bellezza e la grandezza di un’unione vissuta nell’abbandono a Dio e vivacchiamo, come fanno tanti.

Potete essere d’accordo o meno con quanto ho scritto. Non cambia la sostanza. Dio ci chiede di amare come lui e nel modo in cui ama lui. Senza condizione, senza limite, e ponendosi al servizio dell’altro.

Amando così potrete fare miracoli. Cambiare voi stessi e, chissà, anche l’altro. Non c’è scelta. La strada è stretta, a volte difficile, forse impossibile,  ma fuori da questa strada non possiamo che perderci.

Antonio e Luisa

 

Il buon pastore

Ascolteranno la mia voce…

La figura del buon pastore mi è sempre piaciuta moltissimo, perché è colui che non fa mancare nulla, è colui che protegge, ma soprattutto il nostro buon Pastore non usa il bastone, ma gli basta il solo suono della voce per farsi seguire dalle pecore.

Già…proprio questo, in quanto padre, mi colpisce nel profondo, quante volte ho usato il bastone, in senso figurato ovviamente, quante volte sono stato fin troppo autoritario, anziché avere cura dei miei figli…credo che ci sia una differenza sostanziale tra disporre e avere cura, molto spesso dai semplicemente dei comandi, anche bruscamente, senza avere la cura di spiegare il motivo di certe richieste o divieti.

Mi sono accorto, col tempo, che i bambini recepiscono meglio il messaggio quando riescono a vedere la cura, l’amore che c’è dietro. Quante volte per stanchezza, per egoismo si fa prima ad alzare la voce e concludere con: “perché è così e basta!”… quanta fatica nell’essere amorevole, docile, spiegare con serenità.

Un sacerdote mi ha fatto riflettere sul punto di vista dei bambini, dicendo: “magari i bambini si chiedono, come tornerà a casa papà oggi? Sarà arrabbiato? Sarà stanco? Sarà sereno?” Tutti interrogativi che purtroppo non li lasciano tranquilli di relazionarsi con noi. Questo fa molto male, fa male perché tocca una ferita viva, questo modo sbagliato di relazionarsi con i figli…ma c’è la certezza di avere IL medico, colui che sana le ferite e poi possiamo sempre ricordarci della sua infinita misericordia nei nostri confronti, allora ci verrà più facile, per gratitudine, avere in noi gli stessi sentimenti di Cristo, come ci dice San Paolo nella lettera ai Filippetti, capitolo 2, versetto 5.

Accoglierla è anche incassare.

Oggi ho messo in pratica quello di cui tanto parlo in questo blog. Luisa si è alzata di pessimo umore. Sono giorni che, poveretta, è costretta a svegliarsi prestissimo per correggere i compiti e preparare le lezioni. Durante il giorno ha quattro figli da seguire e non riesce. Stamattina probabilmente si è svegliata con tutto il peso di queste giornate addosso. Una casa poco curata e tante attività da approntare. Io collaboro, ma anche in due si fa fatica. Fatto sta che non le andava bene niente. Era nervosa. Non potevo mettere un po’ di musica che veniva ad abbassarla a livelli minimi e impercettibili. Perchè? Perchè la musica che mettevo faceva schifo. Poi questo non andava bene, quello andava fatto meglio. Insomma per lei era tutto un disastro. Anni fa avrei dato fuori. L’avrei mandata a quel paese. Oggi, grazie proprio al nostro matrimonio, non ho avuto questo impulso. Il matrimonio ti cambia e ti educa. L’ho detto tante volte. Ma perchè, proprio come oggi, l’ho sperimentato in tante occasioni. Ho, invece, visto tutta la sua fragilità. Ho avvertito il suo momento di scoraggiamento. Momento in cui si sentiva inadeguata e impreparata a svolgere tutto nel modo migliore, o almeno accettabile. Si sentiva schiacciata sotto il peso del dover fare tante, troppe cose. Non mi sono arrabbiato. Ho compreso che in quel momento non serviva nessun discorso. Silenziosamente ho incassato tutte le critiche e ho cercato di fare quanto più potevo per sollevarla da qualche peso. Senza dire nulla. Nulla se non qualche battuta, giusto per alleggerire l’atmosfera. A mezzogiorno il miracolo. E’ tornata quella di sempre. Ci siamo abbracciati. Un abbraccio che è valso più di tante parole. Basta davvero poco per far sentire amata la propria sposa. Accoglierla sempre, anche quando non è amabile, anche quando è nervosa e all’apparenza chiusa. E’ proprio in quei momenti, quando non ti sta dando nulla, che desidera essere amata e accolta. Così si sentirà desiderata e voluta non per quello che dà o che fa, ma per la persona che è, con tutte le sue fragilità, debolezze, spigoli e anche difetti e atteggiamenti non sempre belli e buoni.

Antonio e Luisa

Alfie. Come combatte una famiglia cristiana.

Oggi non riesco a scrivere un articolo sulla bellezza del matrimonio. Anzi si. Ma in modo diverso. Oggi ho il cuore e la testa per Alfie. Come si può? Sembra un brutto incubo. Purtroppo sono sveglio, è tutto vero. Alfie un bimbo di circa due anni. Un bimbo malato. Il papà Thomas stesso, in una recentissima intervista a famiglia cristiana, racconta in breve la storia di questo piccolo sofferente:

Quando è stato ricoverato, il 14 dicembre 2016, Alfie aveva sette mesi ed era un bambino sanissimo», spiega. «Aveva soltanto un’infezione e soffriva di crisi epilettiche, ma i medici non l’hanno curato. Il giorno successivo il nostro arrivo i medici l’hanno sedato in modo troppo pesante e Alfie non si è più ripreso. I suoi polmoni sono crollati ed è entrato in coma. Il 31 dicembre, due settimane dopo il primo ricovero, i medici ci chiedevano già il permesso di staccare la spina del respiratore e di non rianimarlo più, ma io e sua mamma ci siamo opposti. Questo non è un modo giusto o dignitoso di trattare un bambino. Alfie è stato ignorato e non si sa ancora di che malattia soffra

Alfie non è terminale. E’ attaccato ad un respiratore e monitorato. Ha danni cerebrali Certo è malato. Non si sa di cosa. Non è un vegetale. Papà Thomas dice al riguardo:

Credo in Alfie. Sente il solletico, i pizzicotti, il freddo e il caldo. Ascolta le nostre parole. Apre gli occhi. Sbadiglia. Tossisce. Inghiotte. Succhia il pollice e si stira. Sputa. E’ consapevole.

Allora perchè ucciderlo? Perchè costa dei soldi mantenerlo. Tanti soldi. L’ospedale non vuole spenderli e ha chiesto di staccare tutto e quindi, di conseguenza, di ucciderlo. Tanto è una persona inutile, come ha esplicitamente scritto e detto il giudice britannico che si occupa del suo caso.  L’aberrante società dello scarto. Tanto condannata da Papa Francesco.

La situazione sarebbe passata sotto silenzio se i genitori avessero acconsentito a questa barbarie. Non l’hanno fatto. Si sono opposti con tutte le forze. Questo ha mandato in tilt il sistema. Creando questo scandalo che è sotto gli occhi di tutti. Comunque andrà a  finire l’Inghilterra e la cultura della morte che rappresenta ne usciranno con le ossa rotte.

Non dico altro sul caso, visto che ci sono tante persone più preparate ed esperte di me. Voglio scrivere un’altra riflessione. Prettamente cristiana. I genitori di Alfie stanno mantenendo fede al loro ministero. Loro, attraverso il battesimo e il matrimonio, sono dei chiamati e dei mandati. Gesù li rende co-creatori. Attraverso di loro, Dio ha creato una nuova persona, una nuova vita. Non solo. Ha affidato  loro Alfie, affinché lo proteggessero, lo educassero, lo preparassero, lo sostenessero durante la sua vita. Per poi riconsegnarlo a Lui. Questo è il nostro compito di genitori e sposi cristiani. Non possiamo lasciarcelo scippare da uno stato che malsopporta la famiglia, questa istituzione sociale e naturale che si frappone tra lui e gli individui. Uno stato buono dovrebbe difendere la famiglia, e invece, sempre più spesso nel nostro occidente, cerca di smantellarla.

Alcuni mesi fa un giornalista del corriere, riflettendo sulla questione vaccini,  scriveva in sostanza che i bambini devono capire che la volontà dello stato viene prima di quella dei genitori. Mi spaventa questa cosa. Mi spaventa e mi ricorda i miei studi, mi ricorda la Hitlerjugend, mi ricorda i balilla. La famiglia dà fastidio a chi governa. L’ha sempre dato. Mi ricordo Sparta, nel momento di massima forza,  che prendeva i bambini alla famiglia e li portava in caserma fin dalla tenera età. Fino ad arrivare alla Hitlerjugend nazista, ai balilla fascisti o ai pionieri comunisti. Ci hanno sempre provato. Chi si è opposto sono stati sempre i cristiani. E allora fermiamoci a guardare ed ammirare questo papà e questa mamma che stanno lottando come leoni. Sanno di non avere la forza di uno stato. Sanno anche, però, che stanno esercitando una missione, missione che è stata loro affidata da Dio stesso attraverso il sacramento del matrimonio. Sanno che Dio è con loro. Finisco con le bellissime parole che Papa Francesco ha lasciato a Thomas durante la sua visita in Vaticano:

Papa Francesco mi ha detto che ho il coraggio e la forza di Dio e faccio bene a condurre la mia battaglia, perché soltanto Dio decide della vita e della morte. Ha anche detto che avrebbe fatto qualunque cosa gli fosse possibile per far arrivare Alfie in Italia e ha chiesto all’ospedale “Bambino Gesù” di far arrivare mio figlio in Italia. Per questo motivo la direttrice dell’ospedale Mariella Enoc vuole venire all’”Alder Hey

Preghiamo per questa famiglia perchè ci rappresenta tutti. Sta lottando per tutti noi. Sta mostrando al mondo la grandezza di una famiglia che si affida al Dio della vita. Nessuna sofferenza o ingiustizia di questo mondo potrà mai distruggerla, ma al contrario, la renderà più grande e bella che mai.

Antonio e Luisa