Io sono il mare, lei il cielo!

In camera nostra c’è una foto, una dell’album delle nozze, che fu scelta tra tante per fare l’ingrandimento (era compreso nel prezzo), quindi la selezionammo tra le migliori e alla fine fu eletta “miss album”. Sebbene non sia una di quelle immagini super glamour alle quali ci abituano facebook instagram e via dicendo, si è sempre meritata tutta la mia ammirazione.

Naturalmente ci siamo io e Valeria “sposini” e ci sono anche aspetti buffi, tipo la mia chioma lunga che allora mi sembrava fighissima (ora sembrerei un rocchettaro in pensione) o il fatto che per superare i 35 centimetri di statura che ci separano io sto seduto alla staccionata e lei e quasi in punta di piedi e anche altri dettagli privati che per averli vissuti mi fanno ancora sorridere.

Però mettendo da parte l’umorismo si vedono due sposi innamorati, che si baciano di un bacio vero (fu un vero bacio, io c’ero e posso testimoniare), un promontorio, cespugli selvatici, steccati e sentieri che diradano, insomma non è che tieni una foto in camera per anni se non ti piace, anzi la guardi spesso. Ecco, io l’ho osservata tante volte, tantissime, al punto che alla fine mi sono chiesto: “Perché torno sempre a guardarla? E’ sempre la stessa foto, ci sono sempre le stesse cose e io le ricordo tutte, eppure…”

Eppure nella foto c’era anche qualcosa di importante che non riuscivo da afferrare, qualcosa di significativo che era in perfetta armonia con i due sposi e che contribuiva alla celebrazione delle nozze. Stendo un velo pietoso su quanto tempo che mi ci è voluto, ma non era facile: quello che non riuscivo a vedere era proprio in bella mostra, anzi erano due elementi dominanti nell’inquadratura: il mare e il cielo. Ok, li avevo visti subito s’intende ma questi due elementi, ora che capivo, erano talmente essenziali e rappresentativi per me e Valeria che quell’immagine da allora in poi mi è sembrata quasi un’icona, comunque il mare e il cielo dovevano proprio esser lì e in quel modo.

In che modo? È soprattutto quello che mi ha fatto capire, è talmente sorprendente che ancora torno a guardare la foto meravigliato: quel giorno la linea dell’orizzonte non c’era! Mare e cielo si fondevano in una sfumatura l’uno nell’altro come a volersi abbracciare, baciare. È allora che mi sono detto: «Siamo noi! Si! Io sono il mare e lei è il cielo!».

Assicurando che in quel momento ero sobrio e che ho solitamente un’indole modesta, quindi evito di andare in giro a paragonarmi alle grandi potenze della natura, vorrei chiarire: io sono tra quei romanticoni che starebbe ore a fissare il cielo, mi affascina e meraviglia sempre in ogni stagione; Valeria invece non può vivere senza il mare, credo abbia una specie di necessità biologica di respirarne il profumo. Mi sono quindi immaginato io e lei in questo quadro allegorico in cui interpretiamo mare e cielo, guardandoci innamorati, desiderosi di toccarci e baciarci e ho scoperto tante somiglianze: come il mare e il cielo sono l’uno solido e l’altro etereo io tendo maggiormente alla fisicità, lei più all’emotività. Come il cielo è imprevedibile nonostante tutte le previsioni del tempo più evolute, anche con lei non ho mai e poi mai la certezza di come mi si mette la giornata (e la cosa mi è sempre piaciuta). Come il mare sia solitamente rilassante con tutte le sue tonalità di blu ma può far paura quando è in tempesta, così è per me che sono sempre pacioso e indulgente, ma che divento “indesiderabile” quando raramente mi arrabbio. Una cosa però è la più azzeccata di tutte: il mare e il cielo non li puoi separare, sono sempre insieme, sia alle Hawaii che ai poli e sebbene siano distinti si toccano sempre all’orizzonte.

Quindi ero lì, contentissimo, che riguardavo la foto con una nuova consapevolezza quando una nuova domanda, senza darmi neanche il tempo di mettermi in posa di autocompiacimento, mi gela: “e LUI dove sta?” Già! Io e Valeria se siamo sposi lo dobbiamo a Dio, che oltre a crearci, a creare lei in modo così meraviglioso, ci ha fatti incontrare e innamorare, ci ha dato come a pochi la grazia di conoscere la grandiosa bellezza alla quale saremmo stati destinati con il sacramento del matrimonio, che attraverso gli insegnamenti amorevoli di Padre Raimondo Bardelli ci si è rivelato in modo cristallino, Lui non poteva mancare nella nostra foto preferita, doveva esserci.

C’era. Era un elemento fondamentale per la foto, anzi, nessuna foto sarebbe possibile se non ci fosse: era la luce! La luce del sole, che illuminava il mare e il cielo donandogli tutti i loro colori, illuminava il promontorio con gli steccati, i sentieri e i cespugli selvatici ma più di tutto illuminava i due sposini che si stavano baciando di un bacio vero. Tutto era al suo posto l’icona era completa.

Cosa potrei dire che non sia già stato detto nelle innumerevoli metafore che identificano la luce con la presenza di Dio? Solamente che quella luce non è mai mancata tra me e Valeria, che ci ha sempre seguito con amore fedele nel nostro cammino, sia nei momenti peggiori, quando noi eravamo cielo grigio e mare gelido e illuminando i nostri difetti ci invitava a correggerli, sia nei momenti gioiosi, quando ci sentivamo belli, splendidi e vertice del creato, arricchiti dei doni dei figli, dei fratelli, della bellezza della natura che ci circondava e della quale facevamo parte.

Adesso, ricordando tutte le volte che ho sentito Dio presente nella nostra vita matrimoniale, mi vengono a mente solo cieli luminosi e se penso a quanto amo e desidero la mia sposa torno a guardare quella foto in cui il mare e il cielo si fondono insieme come se volessero abbracciarsi e baciarsi.

Ranieri e Valeria

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...