L’amore nei posti strani: il frigo!

Ok lo ammetto, il titolo suona buffo a dir poco, ma non voglio scrivere un elogio dell’erotismo gastronomico o una retrospettiva su 9 settimane e ½, piuttosto testimoniare che la nostra quotidianità può essere piena di piccoli gesti d’amore e che questi di solito, chissà perché, avvengono in posti particolari. Posti diversi, come diversi sono i tipi di amore: amicizia, filiale, genitoriale, fraterno, sponsale e se ci sono posti in cui si può trovare un solo tipo di amore, come può essere un banco di scuola o il talamo nuziale, ce ne sono altri meno “specializzati”, nei quali l’amore trova più di un’espressione. Che ci si creda o no il frigorifero è un posto in cui si trovano tantissimi tipi d’amore.

L’amore genitoriale e filiale

Nella mia esperienza gli esempi di amore attorno al frigo vengono da lontano: mi tornano a mente i miei genitori negli anni in cui io e i miei fratelli eravamo adolescenti e con un appetito da lupi, loro erano orgogliosi nel vederci mangiare e insieme preoccupati di sfamarci. Già allora vedevo in questa premura un chiarissimo esempio di amore da parte dei miei ed il frigorifero era il luogo in cui passava sia il loro amore di genitori che la nostra gratitudine filiale; questo scambio avveniva con un ritmo scandito dall’arrivo della spesa: il frigo si riempiva e ben presto si svuotava, con una specie di alternanza tra abbondanza e carestia che somigliava alle stagioni. Poco a poco diventò una specie di punto nevralgico della casa: non si passava lì davanti senza una “consultazione”: si apriva, si contemplava il contenuto e si calcolava cosa era più opportuno mangiare a quell’ora (naturalmente non c’erano ore in cui non fosse opportuno mangiare qualcosa). Era anche una specie di cartina tornasole di come andavano le cose in casa, si poteva infatti capire dal contenuto se qualcuno non stava bene, se avevamo bisogno di metterci un po’ a dieta, o se le cose andavano a meraviglia. Era diventato un luogo di scambio amorevole tra genitori e figli, quindi un luogo importante e degno di rispetto (forse non ce ne siamo mai accorti ma quando si diceva “Frigo” si sentiva quasi la lettera maiuscola!).

L’amore tra fidanzati

Questo processo di elezione del frigo a luogo importante avvenne da sé, senza che ne avessi una chiara coscienza, me ne accorsi solo più tardi, quando vidi per la prima volta in TV una serie americana in cui un ospite viene invitato in casa, entra in cucina e senza neanche chiedere il permesso apre il frigo e si prende da bere! Rimasi a bocca aperta, per me era la violazione di uno spazio riservato, quasi intimo, l’accesso al frigo era una concessione riservata a pochi! Concessione che ho ottenuto in un altro importante episodio: il fidanzamento con Valeria, provvidenza e grazia che ha permesso alla mia vita di realizzarsi appieno. Tutto avvenne il 12 aprile del 2001, Giovedì Santo e fu un giorno speciale sotto tanti punti di vista, per me fu anche l’inizio di un riavvicinamento alla fede vissuta e oltre ai dettagli di cronaca più importanti, avvenne un fatto secondario che riguarda un frigo, il suo frigo: dopo il primo bacio l’accompagnai a casa sua, dove lei viveva da sola, comprammo qualcosa per la cena e mi fece accomodare in cucina. Si doveva cucinare per il nostro primo tête-à-tête e chiesi il permesso di aprire il frigo per prendere il necessario, al che mi rispose: <Fai pure ma non c’è niente>, ed io, felicissimo del grande privilegio accordato, aprii il frigo e con enorme stupore vidi che lì non c’era niente davvero! In quel momento le farfalle che avevo nello stomaco si fermarono un attimo… e poi ripresero a volare e a ridere tutte assieme! Ero troppo felice e innamorato, neanche un frigo vuoto poteva farmi scendere dal paradiso, anzi, avevo trovato anche un modo in cui potevo esprimere il mio amore, un vuoto da riempire!

L’amicizia

Nove anni fa una signora della parrocchia, di nome Maria, affrontò una terribile malattia che la portò presto tra le braccia del Padre. Non ho avuto modo di conoscerla bene ma ha lasciato a tutti una testimonianza travolgente: un libretto in cui ha messo citazioni della Scrittura, fotografie candide e intense, il tutto arricchito con parole di una profondità e serenità meravigliose, insomma una piccola opera d’arte dalla quale è emersa una fede incrollabile, una ricchezza di spirito da regina e una leggerezza soave come la coscienza pulita. In questo libretto lei stessa ripercorreva la storia della sua malattia, dando valore ad ogni piccolo gesto concreto d’amore che vedeva intorno a sé. Tra le tante frasi del libretto eccone una che mi rimase impressa: “cortei di amici si presentano con pasti pronti con cui riempono il frigo per alleggerire la logistica familiare: mai frigorifero emanò più calore!”

L’amore sponsale

Sono passati anni di matrimonio e in casa adesso c’è una nuova cucciolata di lupetti affamati e il frigo ne sa qualcosa, anzi, il frigo ne sa abbastanza di tutta la famiglia: all’esterno è pieno di calamite sulle quali si può leggere tanto di noi: viaggi, bollette, preghiere, disegni, un grafico con l’indicazione di quanto è stato “buono” ogni membro della famiglia e altri magneti di cui non ricordo niente. Anche all’interno continua a passare tanto amore, tra genitori e figli in primo luogo ma anche tra moglie e marito. Un piccolo aneddoto di pochi giorni fa all’ora di cena: Valeria doveva accompagnare la primogenita al saggio di ginnastica ritmica, era già un po’ tardi perciò apparecchia a corsa e va al frigo per prendere qualcosa da consumare in poco tempo. Nella fretta le si rovescia il contenitore in cui produce lo yogurt e il latte si sparge per tutto il “f.r.i.g.o.r.i.f.e.r.o.” (in certi momenti, chissà perché, anche l’amichevole “Frigo” torna ad essere un oggetto freddo…), naturalmente i vicini hanno improvvisamente udito una rapida e accorata catechesi su quanto possono essere fastidiose le coincidenze della vita ma dopo qualche istante è cambiato tutto: io le dico <Non ti preoccupare, ci penso io> e lei, calmandosi, va a tavola e me lo lascia fare!

Non conoscendoci devo spiegare perché questo gesto ha una portata storica: la produzione dello yogurt è una cosa sua, personalissima, dalla quale trae soddisfazione e gratificazione, quindi c’è come un confine invisibile ed invalicabile tra il resto del frigo e l’angolo in cui si trova lo yogurt, inoltre nella cura e nella produzione di qualunque alimento vivo, ad esempio anche il pane fatto con il lievito madre, lei torna a rendere vivo e attuale il suo ruolo di madre e custode della vita, quindi è normale che gli oggetti e gli spazi dedicati a queste cose vengano considerati importanti ed personali. Il fatto che mi abbia permesso di rimediare non è stato solo un atto premuroso da parte mia, ma soprattutto un gesto magnifico da parte sua, perché che con questo solo gesto si è nuovamente rivelata nella sua femminilità, che è tenerezza accogliente e contemporaneamente ha confermato il suo sì a me nella mia mascolinità, che è sentimento e trasporto verso di lei. In piccolo, nei gesti quotidiani, si è ricreata la dinamica naturale dell’amore sponsale.

Questo piccolo avvenimento è stato importante, come tanti nella nostra vita insieme, perché ha celebrato il nostro amore e insieme lo ha alimentato. È importante sapere che si possono trovare tante occasioni e tanti posti dove possiamo fare piccoli, meravigliosi gesti d’amore e se certi posti sembrano strani, come un frigo, questo non ci impedisca di farli, nessuno ha mai rischiato di farsi male trasformando un posto strano in un luogo d’amore.

Ranieri e Valeria

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Le parole del satiro giullare ovvero: come trovare un insegnamento nelle situazioni più improbabili

L’aneddoto

Una bella domenica di maggio (naturalmente non era il 2019) partimmo con gli amici per una gita fuori porta: arrivammo a Siena e da lì iniziammo un tragitto con destinazione Castel del Piano, sul Monte Amiata, che percorremmo in gran parte con un caratteristico treno a vapore; arrivati a destinazione trovammo il paese addobbato a festa e noi eravamo pronti a goderci tutto quanto: la gastronomia, l’aria fresca, la splendida giornata di sole (che in quel maggio lì c’era veramente) e i mercatini pieni di curiosità locali.

Lungo le stradine del borgo si susseguivano un’infinità di bancarelle colorate, piene di luccicanti oggetti di artigianato, di salumi, formaggi e di vino locale; da parte nostra non vedevamo l’ora di assaggiare e comprare un po’ tutto quindi eravamo sparpagliati in giro come a caccia, ignorando volontariamente il fatto che quando si gira tra le bancarelle più che cacciatori si è prede.

Valeria camminava curiosando avanti a me di qualche metro, se non ricordo male ero rimasto indietro assaggiando un bel cacio stagionato, quando ecco che da dietro un banco di ninnoli e gingilli spunta uno tipo assurdo: come se Rovazzi si fosse vestito un po’ da Jack Sparrow e un po’ da Bob Marley, impettito come un galletto e sorridente come Pulcinella, reduce probabilmente da un generoso assaggio di vino e chissà che altro. Il fenomeno dunque si porta in mezzo alla strada, si guarda intorno e volgendosi verso Valeria, che sembrava camminare da sola, esclama «Lo sai che hai degli occhi bellissimi?»

Nei sei secondi successivi sono successe un po’ di cose: ho inspirato e irrigidito ogni muscolo, guardando la schiena di Jack-Rovazzi-Marley come un boscaiolo guarda un pioppo secco, Valeria si volta e vede il mezz’uomo in primo piano e me sullo sfondo, considerando che sono 1,90 per 110 Kg direi che è come se sullo sfondo avesse visto Bud Spencer arrabbiato, quindi sorride pensando “Voglio proprio vedere come te la cavi adesso…”. Al che il giullare capisce chissà come che qualcosa non va, si volta lentamente, mi vede, spalanca gli occhi e con una vocina stridula esclama: «Anche tu hai degli occhi bellissimi!!!» e scappa come un ladro. Poi ho espirato, fine dei sei secondi.

La reazione dei primi minuti

Naturalmente ero arrabbiato, anche un po’ con me: avevo quel sentimento infantile che spinge a dimostrare tutta la virilità possibile umiliando l’avversario con una dimostrazione di forza, ma non avevo compiuto nessun “gesto eroico”. Con lui ero arrabbiatissimo e ogni minuto che passava lo ero ancor di più, ripetevo tra me e me: “Ha osato apprezzare gli occhi della mia sposa! Gli occhi!” Pensavo agli occhi di Valeria, così straordinariamente belli, una vera e propria opera d’arte, anzi la più bella di tutte le opere d’arte. Dopotutto l’autore, nostro Signore, non si può superare, hai voglia a disegnare, scolpire o dipingere, i suoi occhi non si possono copiare. Ma la cosa peggiore è che il balordo si era permesso di apprezzarli senza conoscerli, non li aveva mai visti addormentarsi, desiderare, pregare, ridere o piangere, non li aveva visti quando lei era diventata madre, non c’era quando in quegli occhi ho visto spegnersi l’amore per me (Dio non voglia che li riveda mai più così) e quando di nuovo mi dicevano “ti amo!”, ma soprattutto solo io al mondo avevo visto quegli occhi quando, un passo prima di entrare in chiesa, lei mi ha detto «Eccomi, sei davvero sicuro?» e prendendo tutta sé stessa, si donava a me. Una cosa è certa: in quel momento ho visto l’orizzonte più vasto e meraviglioso che un uomo possa vedere, pensare che un pagliaccio qualunque avesse solo pensato di affacciarsi a sbirciare mi mandava in bestia. Dopo un po’ mi era montata una rabbia tale che ero sul punto di tornare indietro, grazie a Dio invece non ho fatto nulla e in fin dei conti la fuga era stata un’umiliazione sufficiente.

Cosa ho capito dopo mooolto tempo

Quando qualcosa ti tocca nell’orgoglio ci ripensi tante volte, anche a distanza di tempo e se la rabbia dei primi minuti non c’è più continui lo stesso a ripensare all’episodio che ti ha dato tanto fastidio, così anch’io ho avuto tante occasioni per pensare a quello che era successo e mano a mano è venuta fuori una cosa del tutto inaspettata: ho capito che dietro a quelle parole c’era una lezione per me, o meglio, una spiegazione pratica, “basic”, di una lezione che non avevo capito bene.

Una delle lezioni più difficili e affascinanti di padre Raimondo Bardelli sul matrimonio prende a modello le parole di San Paolo per descrivere il sommo vertice dell’amore coniugale nel sacramento: “Non sono più io che vivo, ma tu vivi in me!” e devo dire che sebbene affascinato da quest’immagine ho sempre pensato di non avere abbastanza amore per raggiungere questa incredibile comunione d’amore. Non ho mai dubitato dell’opera che Dio ha compiuto nella nostra vita, regalandoci tutti gli aiuti e le qualità soprannaturali adatte a raggiungere il più perfetto amore sponsale, però di fronte a quell’immagine mi son sempre chiesto “ma come ci posso arrivare?”.

Ed ecco una spiegazione, che era arrivata nel modo più improbabile: un giorno mi son chiesto: “Come ha fatto a capire che ero dietro di lui? Non era neanche lucido, si è girato e mi ha riconosciuto come marito, poi quella battuta sui miei occhi… ma come ha fatto?, vuoi vedere che l’amore che lega me e Valeria, che ci fa sentire tanto uniti e vicini, è talmente forte che si vede da fuori? Che basta guardare negli occhi dell’uno per riconoscere lo sguardo dell’altra? E come se ognuno fosse un po’ nell’altro!” Allora ho capito e ho ringraziato il Signore perché è certo grazie a Lui che si stava e si sta tuttora realizzando questa fusione d’amore, certo, è un percorso, non ho ancora raggiunto la meta ma se anche un satiro giullare un po’ brillo riesce ad accorgersi di questo vuol dire che sono sulla buona strada e spero che mi sia concesso ancora di accorgermi di quanto l’amore sta realizzandosi in noi.

Mi han tolto il mantello: la nostra testimonianza

Mi han trovato le guardie che perlustrano la città;
mi han percosso, mi hanno ferito,
mi han tolto il mantello
le guardie delle mura.
Io vi scongiuro, figlie di Gerusalemme,
se trovate il mio diletto,
che cosa gli racconterete?
Che sono malata d’amore!

Noi abbiamo avuto, a differenza di molti, la possibilità di iniziare il matrimonio con una preparazione solida; entrambi avevamo alle spalle un lungo fidanzamento finito, che ci aveva fatto maturare, entrambi avevamo fatto chiarezza sul fatto che intimamente desideravamo una storia d’amore per tutta la vita, inoltre innamorati persi come eravamo l’uno dell’altra, avevamo capito che volevamo fare il grande passo. A tutto ciò aggiungiamo l’aiuto di padre Raimondo Bardelli, una persona con un’incredibile preparazione e vastissima esperienza, che bilanciando un’indomita volontà e una delicatezza amorevole, seppe mettere in luce le nostre debolezze nascoste e ci permise di confrontarci profondamente su tutto, ma proprio tutto ciò che deve esser chiaro prima del matrimonio, ogni aspetto.

In pratica, facendo il parallelo con il capitolo del cantico, assoldammo molte guardie, ben addestrate e dotate delle armi migliori, il nostro matrimonio, costruito come una fortezza inespugnabile, splendida e luminosa, era in grado di farci sentire sicuri e sereni, non si poteva immaginare che qualcosa potesse minacciarlo.

Forti di questa sicurezza iniziammo la nostra vita insieme con la fresca gioia degli sposini e incontrammo i primi ostacoli solo dopo un paio di anni, cercando di diventare genitori. La nostra prima figlia arrivò dopo molto tempo e nell’attesa fummo messi alla prova. Il fatto che non arrivavano figli semplicemente quando lo si desiderava ci feriva, ci scoprimmo un po’ meno sicuri già in quel momento, ma la conferma del test di gravidanza fu un momento liberatorio, su di noi tornava a splendere il sole e vivemmo la nascita e i primi mesi come ogni coppia: travolti dalla gioia, allarmati di tutto e perennemente assonnati.

L’arrivo del secondo, dopo due anni, ci trovava già più preparati, non avevamo tutte le ansie dei genitori senza esperienza, ma dovevamo gestire la casa, il lavoro, il neonato e far da guida all’altra permettendole di affrontare la sua prima rivoluzione diventando sorella; insomma, gli impegni crescevano e noi facevamo molta fatica (avevamo scoperto un nuovo livello di “perennemente assonnati”) ma la fortezza del nostro matrimonio, nonostante tutto continuava ad essere fieramente solida e, grazie all’arrivo dei figli, ancor più ricca.

Fu l’anno successivo che arrivò la tempesta, quando Valeria, dando concretezza a quelle che per settimane erano stati solo suggerimenti e battute casuali, mi disse di volere un altro figlio, disse che era un desiderio ardente nel suo cuore ma che non poteva realizzarlo se anch’io non provavo lo stesso identico desiderio. La mia risposta fu che avevamo stabilito di avere almeno due figli e ci si era arrivati, che le difficoltà erano molte, che non ero certo di farcela economicamente e altre scuse del genere, in pratica che non avevo lo stesso desiderio. Questo fu il momento in cui si consumò la frattura tra di noi: lei vide trasformarsi il suo sposo in un uno sconosciuto che le mostrava indifferenza, si sentiva tradita dalla persona che fino ad allora l’aveva amata più di ogni altra perché io avevo ucciso quell’ardente desiderio di avere un altro bambino, l’avevo pugnalata al cuore.

Così a causa di quella ferita che le era arrivata tanto in profondità, il suo cuore ferito reagì e come strategia di sopravvivenza si chiuse diventando freddo, molto freddo. Lei cambiò così tanto che non la riconoscevo più, così come io ero cambiato per lei, lei lo era per me e anch’io vidi lei trasformarsi in una sconosciuta.

Ci trovammo all’improvviso fuori dalla fortezza, soli e disorientati, scoprimmo molto dolorosamente quanto ci mancasse ogni gesto d’affetto, imparammo che anche il più semplice e banale “ciao” detto nella fretta quotidiana, se chi lo dice ti ama, è un tesoro. Noi non avevamo più neanche quello, eravamo mendicanti, continuavamo la vita di tutti giorni nascondendo tutto ai bambini e questo ci feriva ancor di più perché i gesti affettuosi verso i figli erano in bella mostra davanti ai nostri cuori assetati. Le guardie stavano facendo il loro lavoro.

L’aiuto arrivò all’improvviso e dall’alto, quando una sera Valeria chiese agli amici del gruppo di Rinnovamento di pregare su di lei per tutta questa situazione angosciosa che ormai ci tormentava da settimane. Uno dei fratelli lesse un passo tratto dal Vangelo di Matteo “Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me” e qui non esagero se dico che in lei avvenne un miracolo: ispirata da queste parole di Gesù capì, anzi ricordò che se vuoi veramente essere seguace del Cristo il suo amore per lui deve essere più grande di ogni altro, anche dell’ardente desiderio di avere un figlio e non solo capì questo, ma ricordò che Dio ha creato per gli sposi una via riservata ed esclusiva per realizzare questo amore: farsi amare attraverso il coniuge! Quindi in quel momento specialissimo donato a lei (e a me) Valeria visse un vero rinnovamento nello Spirito e sanata dal soccorso divino della Grazia sacramentale rinacque come sposa e il suo cuore si riaccese d’amore.

Quando tornò a casa mi bastò sentire il saluto per capire, quel semplice, banale ma benedettissimo “ciao” che detto così mi sembrò un coro angelico, così corsi ai suoi occhi dove trovai la più dolce conferma, ci abbracciammo stretti piangendo e dicendoci “Ti amo!” come meglio non si può dire. Quella notte ci addormentammo con una profonda pace nel cuore, un nuovo dono che arricchiva ancor di più il nostro matrimonio.

Successivamente la nostra vita è proseguita incontrando molti altri ostacoli, come tutti abbiamo avuto periodi sereni e felici alternati a momenti di angoscia e difficoltà, ma non siamo più stati così lontani tra di noi. Il Signore ci ha sempre amati e condotti ad amarlo attraverso il nostro coniuge in ogni momento, buono o cattivo, anzi, è stato nei momenti peggiori che ci siamo stretti ancor di più l’uno all’altra.

Ah! Dimenticavo: la nuova effusione d’amore di quel momento era troppo forte perché prima o poi non desse nuovi frutti, così dopo un po’ è arrivata un’altra piccola ospite, un’altra volta ci era stato fatto dono di una vita da custodire e poco importò che dovessimo tornare al “perennemente assonnati”, la nostra fortezza era solida, splendida e una volta ancora più ricca di gioia.

Ranieri e Valeria

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

I due vampiri (sciocchi)

Ci sono state occasioni in cui mi sono trovato spiazzato, dove ho capito che anche dopo anni di corsi, insegnamenti e riflessioni in cui avevo chiarito ogni dubbio sulla sessualità e sulla sua meravigliosa bellezza, addirittura anche dopo averla vissuta in pienezza, non potevo ancora ritenermi al sicuro da errori e questo mi ha sorpreso e imbarazzato.

Immaginiamo la situazione: sto parlando con un amico, un collega o anche un conoscente simpatico e la conversazione prende l’argomento sesso. È una di quelle volte in cui non spuntano fuori volgarità (succede raramente purtroppo) capita invece che si parli con intelligenza e rispetto, quindi si apprezzano le considerazioni dell’altro e si crea una certa confidenza, sentendosi liberi di parlare.

La magia finisce quando il confidente, magari tentando di darsi l’aria della persona navigata, enuncia quale legge universale ed inconfutabile che «beh, ovviamente… due persone adulte e consenzienti sono libere di fare ciò che gli pare!», enunciato che arriva subito dopo qualche nefandezza esplicita o dopo qualche pettegolezzo in cui altri hanno compiuto qualche violazione di sane regole morali. Cosa mi dà fastidio? In primo luogo l’insinuazione implicita che anch’io possa pensarla così, l’amicone infatti crede di lusingarti, facendoti capire che secondo lui anche tu sei una persona “navigata” ma soprattutto il fatto che questa “legge” possa essere considerata un pilastro della logica, come si può essere in disaccordo? Questo è il momento in cui mi verrebbe da prenderlo a sberle urlando «Ma che hai nel cervello!?» poi però penso che anche lui è umano, pieno di difetti e se magari qualcuno lo aiuta si accorge di quanto sbaglia e torna ad avere la testa a posto.

In genere chi enuncia questo “teorema degli adulti consenzienti” pretende che ciò sia accettato senza riserve, che tu accetti come evento legittimo e degno di rispetto qualunque gesto o qualunque comportamento i due mettano in pratica, anche il più scabroso, dopotutto i due sono d’accordo, quindi a nulla possono valere regole etiche, morali, né tanto meno religiose: i due sono d’accordo, questo basta. Qui però la questione non sta nella religione, nell’etica, né nella morale o nel personale disgusto che a questo punto si dovrebbe soffocare, il problema è nella trappola mentale in cui il “navigato” e i due adulti consenzienti sono caduti, scadendo in una povertà umana profondissima, trappola in cui è facilissimo cadere perché sembra legittimante: il consenso.

Il consenso da solo è pura illusione, ognuno dei due infatti non acconsente ad un progetto comune di amore, o perfino di desiderio, al contrario guarda solo a sé stesso, il consenso scambiato con l’altro serve solo a sbloccare l’accesso al proprio piacere, ma il piacere dell’altro in quel momento non fa parte dei propri piani, può anche non esistere. Io voglio il piacere, tu acconsenti e questo mi dà pieno diritto, quindi io prendo. Questo è il dialogo, o meglio il monologo che però detto in due illude di avere qualcosa in comune.

Prima o poi mi capiterà qualcuno con un po’ di spirito al quale possa rispondere: «Certo! Come due vampiri che si mordono nel collo a vicenda facendo a gara a chi succhia di più!» è questa infatti l’immagine che mi viene in mente: due illusi, concentrati così tanto su sé stessi e su quanto prendono da non accorgersi di quanto gli viene sottratto, ignorando volontariamente il fatto di soffrire e di valer poco per l’altro, al quale preme solo di sé.

Certo che se trovassi uno che non scappa dopo una battuta così allora insisterei: «A te non è mai successo? Hai mai avuto una storia che ti ha fatto sentire un po’ ladro? O sprecato? Che però racconti agli amici come se ci fosse da vantarsi? Ma come ti senti davvero a ripensarci?» sono certo che mi risponderebbe di sì, una storia così ce l’hanno un po’ tutti, forse allora inizierebbe a sospettare che si era ingannato e magari rifletterebbe su tante storie che gli sono state raccontate, a capire perché erano finite.

Questo già sarebbe molto buono, ma per convincerlo davvero dovrei raccontargli quanto di bello c’è nella mia storia: di quanto ho atteso imparando a conoscere sempre di più colei che sarebbe diventata mia moglie, imparando un linguaggio di sentimento, tenerezza, dolcezza che è ancora preziosissimo. Dovrei dirgli che io e lei ci incontriamo donandoci, regalandoci l’uno all’altra, cercando di accendere con delicatezza e rispetto il piacere del coniuge e non il proprio, compiacendosi già nel vedere la gioia della persona amata. Dovrei dirgli che solo in questo modo si può riceve dall’altro un piacere che sorprende sempre, che è travolgente, inebriante e che è davvero frutto di una volontà condivisa quindi veramente legittimo, anzi leale, è l’amore sponsale.

Quanto costa? Tutto! Se non ti spendi tutto non funziona. Si fa fatica? Certo! Devi renderti attraente per la persona che ami, devi farla sentire amata, devi soffocare ogni moto di egoismo, devi fare i conti con le sue richieste, devi correggere i tuoi errori mettendo da parte ogni orgoglio, devi sopportare tutti i difetti dell’altro e cercare compromessi, questo nella vita ordinaria di tutti i giorni. Però, quando avete fatto ognuno tutto questo per amore dell’altro e cercando il momento atteso vi incontrate, allora il tutto che avrai speso sarà niente in confronto a quello che ricevi: ogni carezza, ogni bacio, ogni gesto sarà un’opera d’arte e tu, immerso in questa sinfonia di bellezza saprai che la tua vita si sta realizzando pienamente.

Mi immagino cosa potrebbe pensare allora l’amico che mi ascolta, che domanda mi farebbe arrivati a questo punto: «Ma a te succede davvero sempre così?», questo mi spiazzerebbe e mi metterebbe in imbarazzo perché dovrei abbassare lo sguardo dicendo «Non è sempre stato così…», perché anche nel matrimonio succede di rivolgere l’attenzione a sé stessi, a ciò che si vuole, ignorando le attese e la sensibilità dell’altro, tornando sull’idea che si ha diritto al piacere. Naturalmente questo ci ritrasforma in quei vampiri sciocchi, che tentano disperatamente di prendere dall’altro ciò che non può essere preso ma che si può solo ricevere in dono, questo ferisce l’altro e sé stessi e naturalmente deturpa quella bellezza tanto sublime che abbiamo messo da parte.

Sarebbe proprio allora che mi verrebbe da prendermi a sberle, ripensando alle volte in cui ho rinunciato a quel paradiso di bellezza che avevo conosciuto per cercare un piacere povero e degradante; poi penso che anche io sono umano, pieno di difetti e se magari Dio mi aiuta, mi accorgo di quanto sbaglio e rimetto la testa a posto.

Ranieri e Valeria

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebookIscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Io sono il mare, lei il cielo!

In camera nostra c’è una foto, una dell’album delle nozze, che fu scelta tra tante per fare l’ingrandimento (era compreso nel prezzo), quindi la selezionammo tra le migliori e alla fine fu eletta “miss album”. Sebbene non sia una di quelle immagini super glamour alle quali ci abituano facebook instagram e via dicendo, si è sempre meritata tutta la mia ammirazione.

Naturalmente ci siamo io e Valeria “sposini” e ci sono anche aspetti buffi, tipo la mia chioma lunga che allora mi sembrava fighissima (ora sembrerei un rocchettaro in pensione) o il fatto che per superare i 35 centimetri di statura che ci separano io sto seduto alla staccionata e lei e quasi in punta di piedi e anche altri dettagli privati che per averli vissuti mi fanno ancora sorridere.

Però mettendo da parte l’umorismo si vedono due sposi innamorati, che si baciano di un bacio vero (fu un vero bacio, io c’ero e posso testimoniare), un promontorio, cespugli selvatici, steccati e sentieri che diradano, insomma non è che tieni una foto in camera per anni se non ti piace, anzi la guardi spesso. Ecco, io l’ho osservata tante volte, tantissime, al punto che alla fine mi sono chiesto: “Perché torno sempre a guardarla? E’ sempre la stessa foto, ci sono sempre le stesse cose e io le ricordo tutte, eppure…”

Eppure nella foto c’era anche qualcosa di importante che non riuscivo da afferrare, qualcosa di significativo che era in perfetta armonia con i due sposi e che contribuiva alla celebrazione delle nozze. Stendo un velo pietoso su quanto tempo che mi ci è voluto, ma non era facile: quello che non riuscivo a vedere era proprio in bella mostra, anzi erano due elementi dominanti nell’inquadratura: il mare e il cielo. Ok, li avevo visti subito s’intende ma questi due elementi, ora che capivo, erano talmente essenziali e rappresentativi per me e Valeria che quell’immagine da allora in poi mi è sembrata quasi un’icona, comunque il mare e il cielo dovevano proprio esser lì e in quel modo.

In che modo? È soprattutto quello che mi ha fatto capire, è talmente sorprendente che ancora torno a guardare la foto meravigliato: quel giorno la linea dell’orizzonte non c’era! Mare e cielo si fondevano in una sfumatura l’uno nell’altro come a volersi abbracciare, baciare. È allora che mi sono detto: «Siamo noi! Si! Io sono il mare e lei è il cielo!».

Assicurando che in quel momento ero sobrio e che ho solitamente un’indole modesta, quindi evito di andare in giro a paragonarmi alle grandi potenze della natura, vorrei chiarire: io sono tra quei romanticoni che starebbe ore a fissare il cielo, mi affascina e meraviglia sempre in ogni stagione; Valeria invece non può vivere senza il mare, credo abbia una specie di necessità biologica di respirarne il profumo. Mi sono quindi immaginato io e lei in questo quadro allegorico in cui interpretiamo mare e cielo, guardandoci innamorati, desiderosi di toccarci e baciarci e ho scoperto tante somiglianze: come il mare e il cielo sono l’uno solido e l’altro etereo io tendo maggiormente alla fisicità, lei più all’emotività. Come il cielo è imprevedibile nonostante tutte le previsioni del tempo più evolute, anche con lei non ho mai e poi mai la certezza di come mi si mette la giornata (e la cosa mi è sempre piaciuta). Come il mare sia solitamente rilassante con tutte le sue tonalità di blu ma può far paura quando è in tempesta, così è per me che sono sempre pacioso e indulgente, ma che divento “indesiderabile” quando raramente mi arrabbio. Una cosa però è la più azzeccata di tutte: il mare e il cielo non li puoi separare, sono sempre insieme, sia alle Hawaii che ai poli e sebbene siano distinti si toccano sempre all’orizzonte.

Quindi ero lì, contentissimo, che riguardavo la foto con una nuova consapevolezza quando una nuova domanda, senza darmi neanche il tempo di mettermi in posa di autocompiacimento, mi gela: “e LUI dove sta?” Già! Io e Valeria se siamo sposi lo dobbiamo a Dio, che oltre a crearci, a creare lei in modo così meraviglioso, ci ha fatti incontrare e innamorare, ci ha dato come a pochi la grazia di conoscere la grandiosa bellezza alla quale saremmo stati destinati con il sacramento del matrimonio, che attraverso gli insegnamenti amorevoli di Padre Raimondo Bardelli ci si è rivelato in modo cristallino, Lui non poteva mancare nella nostra foto preferita, doveva esserci.

C’era. Era un elemento fondamentale per la foto, anzi, nessuna foto sarebbe possibile se non ci fosse: era la luce! La luce del sole, che illuminava il mare e il cielo donandogli tutti i loro colori, illuminava il promontorio con gli steccati, i sentieri e i cespugli selvatici ma più di tutto illuminava i due sposini che si stavano baciando di un bacio vero. Tutto era al suo posto l’icona era completa.

Cosa potrei dire che non sia già stato detto nelle innumerevoli metafore che identificano la luce con la presenza di Dio? Solamente che quella luce non è mai mancata tra me e Valeria, che ci ha sempre seguito con amore fedele nel nostro cammino, sia nei momenti peggiori, quando noi eravamo cielo grigio e mare gelido e illuminando i nostri difetti ci invitava a correggerli, sia nei momenti gioiosi, quando ci sentivamo belli, splendidi e vertice del creato, arricchiti dei doni dei figli, dei fratelli, della bellezza della natura che ci circondava e della quale facevamo parte.

Adesso, ricordando tutte le volte che ho sentito Dio presente nella nostra vita matrimoniale, mi vengono a mente solo cieli luminosi e se penso a quanto amo e desidero la mia sposa torno a guardare quella foto in cui il mare e il cielo si fondono insieme come se volessero abbracciarsi e baciarsi.

Ranieri e Valeria

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie