Come passare la palla a Dio

Oggi abbiamo pensato di rispondere alla domanda che ci è stata posta sotto al nostro precedente articolo. Indubbiamente questa è la nostra esperienza personale, ma magari qualcuno può trarre qualche spunto per se stesso. Noi abbiamo imparato a passare la palla a Dio nel momento stesso in cui siamo arrivati alla consapevolezza che Lui è un Maestro nel fare canestro e quindi ci siamo fidati. Durante gli allenamenti di basket c’è un esercizio che consiste nel passarsi la palla ed ad aiutarsi ad andare al tiro, come fosse un gioco a due sotto lo sguardo dell’allenatore. Come lo è nel campo di basket dell’oratorio lo è nella vita. Come allenarsi a giocare nel campo della vita e della coppia? Prima di tutto imparando a pronunciare la parola Padre. Spesso ci si dimentica che abbiamo un Padre che ci rende fratelli tutti, e se sei figlio unico tuo Padre sa bene che hai bisogno di fratelli con cui condividere la tua vita e all’occorrenza te li farà trovare sul tuo campo, nella tua squadra.

In campo si possono trovare avversari molto agguerriti, di quelli pronti a riempirti di gomitate pur di non mandarti a tiro. A noi è successo. Quando ho scoperto di avere una patologia che non solo era incompatibile con una gravidanza, ma comportava determinati cambiamenti nella mia vita ho avuto bisogno di fermarmi. Ho dovuto per forza di cose chiedere un cambio. Mi sono messa in panchina. A nessun marito piace vedere una moglie in panchina, ma è proprio lì che esce il meglio che non ti aspetti da chi hai sposato, anche se lo conosci da quando sei adolescente come io conosco Andrea.

Avere a che fare con una patologia che ti impone di stravolgere le tue piccole e semplici abitudini è stato un qualcosa che mi ha avvicinato molto più di prima alla preghiera. Mi ha consentito di assaporare e di sentire ancora di più dentro me il Tempo di Dio. Non appena ho scoperto la mia malattia, una delle prime cose che ho fatto è stata salire sul treno per Assisi. Lì dove è sepolto Carlo Acutis. Uno dei miei rifugi personali è Assisi, mi piace moltissimo andarci anche da sola. Arrivai lì, con nel cuore la domanda che mi aveva fatto il mio padre spirituale: e dove sta Dio nella tua malattia? Come la stai vivendo con Lui? Io gli risposi: ora non ti so proprio dire dove sta Dio nella mia malattia quando lo trovo te lo dico.

Arrivata alla Chiesa della Spogliazione, mi misi davanti alla tomba di Carlo. Mi piace sostare molto tempo in quel luogo, come quando vado a trovare un amico. Lì ce l’ho fatta, ho scelto di accogliere la patologia che mi è stata diagnosticata. Carlo sapeva che doveva morire e ce lo ricorda proprio lui, in un video (reperibile su Youtube), dove afferma con la pace nel cuore: sono destinato a morire. Ho imparato, dalla storia di Carlo, che Fede e Scienza devono andare sempre a braccetto e che non sono in contrapposizione. Nella nostra famiglia il tema della morte è stato affrontato e vissuto ancora prima che il mondo avesse paura del Covid. La patologia che mi ha colpito all’utero, in abbinamento ad altre patologie, in caso di gravidanza avrebbe comportato proprio questo, non solo un rischio enorme per il bambino, ma anche una probabilità elevata di mio marito di ritrovarsi senza moglie.

Quindi mettersi in panchina e affidare la palla a Dio è stato proprio questo: un passaggio essenziale e cruciale per fare canestro nella nostra vita. Perché si vive per Cristo con Cristo e in Cristo. Sia come singoli che come coppia di sposi. Passare la palla Dio vuol dire non solo affidarsi a Lui ma anche alle persone che ci sono accanto, quegli amici e fratelli fidati che Dio ci dona per rendere più allegra e gioiosa anche la sofferenza. Quante volte ho dovuto chiedere ai ragazzi di venire qui a casa che ero sola e non mi sentivo bene. Mi sono sentita come Lazzaro, quasi morta per tre giorni.

Quante volte ho chiesto loro di accompagnarmi a fare le analisi? Ed è stato proprio in quei momenti che in me c’è stato il passaggio naturale dall’idea fertilità a quella di fecondità. Perché mi sono, ci siamo resi conto, che un legame unico e importante può nascere anche se i bambini e i ragazzi non li abbiamo partoriti noi. Quindi, care coppie, quello che ci sentiamo di consigliarvi è di non chiudervi mai troppo specie nei momenti di dolore, ma di trovare sempre la vostra sentinella del mattino che vi indica la strada per vivere il vostro matrimonio e la vostra vita con Dio in allegria, anche nel tratto di strada dove c’è la malattia. Dio è già con voi da quando vi ha scelti per andare all’altare, solo che spesso gli piace giocare a nascondino. Non lo dimenticate mai. Lui c’è sempre.

E cosa importante, quando ne sentite la necessità e non ve la sentite di recarvi in chiesa, alzate il telefono e fatevi mandare un sacerdote e se lui stesso non può un ministro straordinario dell’Eucarestia. Quel nutrimento non può mancare. A presto.

Simona e Andrea. Vi aspettiamo sempre se volete sul nostro canale Telegram e sulla nostra pagina Facebook Abramo e Sara.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...