Zero Passi – La nostra esperienza in casa famiglia

Oggi abbiamo pensato di rispondere a delle domande che ci sono arrivate in questo periodo riguardanti i nostri giovani e l’ esperienza che abbiamo avuto nelle case famiglia Simpatia e L’ albero. Spesso ci scrivete che provate una sana invidia verso di noi, perché abbiamo trovato la nostra strada o comunque la nostra vocazione specifica all’interno del matrimonio. Beh indubbiamente arrivare dove siamo arrivati non è stata certo una passeggiata romantica al chiaro di luna, ci sono stati giorni di estrema sofferenza, quella che ti toglie anche l’aria da respirare.

Noi, prima ancora di sposarci quando eravamo fidanzati, già avevamo in mente l’idea di avere un figlio nostro e uno adottato o in affidamento, quindi è stato un passo quasi naturale per noi giungere in casa famiglia Simpatia, una casa di accoglienza per ragazzi qui di Roma. L’esperienza in casa famiglia, c’è da premettere, è un’esperienza a cui si deve arrivare ben consapevoli che il ragazzo o la ragazza che vi verrà affidato ha la propria storia personale. Probabilmente ha anche qualche parente prossimo con cui imparare a relazionarsi e, ricordate sempre, che la famiglia originaria va sempre rispettata. Si diventa un faro per l’intero nucleo familiare e non solo per il ragazzo.

La nostra avventura è iniziata quattro anni fa, ed è stata una strada veramente in salita. Per iniziare ci è stata affidata una femmina, mentre io prediligo i maschi. A differenza di mio marito non avevo nulla in comune con questa ragazza, neanche una serie su Netflix. Questa ragazza si chiama Alice ed è arrivata da noi dopo un iter lungo con lo psicologo della casa famiglia che ci ha seguito per affidarci il ragazzo più adatto. Alice entrò nelle nostre vite come un temporale estivo, inaspettatamente. Mi sono sempre chiesta, anche scherzando con lo psicologo, come mai dopo tutte quelle sedute alla fine ci era stata assegnata proprio colei che dista anni luce caratterialmente da me. Io e lei siamo come il giorno e la notte, nel vero senso della parola. Lei, come buona parte dei giovani, tende a vivere la notte a rimanere sveglia, e io invece ovviamente la notte ad una certa ora mi addormento.

È stato faticoso entrare in relazione con lei, non solo per le sue ferite da sanare, ma perchè abbiamo dovuto entrare in relazione anche con la madre, figura che giustamente vedeva, almeno all’inizio, me e Andrea come un pericolo, come qualcuno che voleva rubare l’amore della figlia. Non è stato così, anzi il nostro ruolo primario è stato quello di creare un legame sano fra di madre e figlia. Quello di aprire entrambe alla bellezza della vita comunitaria.

Sono stati anni particolari, c’è stata la pandemia che ha reso ancora più difficile l’instaurarsi di un legame. Per la sicurezza e i protocolli sanitari ovviamente noi non potevamo accedere in casa famiglia quindi avevamo come unico mezzo, per stare accanto ad Alice, il telefono. Grazie a lei abbiamo scoperto ancora di più che non è scontato nella vita avere qualcuno che ti scrive un banale buongiorno o semplicemente ti dice buongiorno o ti chiede come stai. Spesso e volentieri c’è chi ha queste fortune e non se ne rende neanche conto. Frequentare la casa famiglia ti porta ancora di più alla consapevolezza che un figlio è un dono da condividere e accompagnare, non da considerare come una proprietà privata. Noi in questo momento stiamo accompagnando Alice nel suo percorso di autonomia, dove rimani a zero passi da lei, quel giusto spazio per tenderle la mano se ne avrà bisogno. Come quando si attraversa un fiume e bisogna camminare sui sassi per giungere all’altra sponda.

Entrare in relazione con i giovani, noi personalmente nel nostro cuore non sentiamo la differenza tra Alice e gli altri ragazzi dell’oratorio, è qualcosa di unico, che non ha prezzo, è la cosa più bella che ci poteva capitare, quindi osate anche voi e non abbiate paura o timore. Alcune volte è vero che ci sono giornate in cui ti senti di aver parlato al vento, giorni in cui ci saranno quei contrasti in cui fai fatica a non pensare ma chi me l ha fatto fare, giorni in cui prepari la tavola e spariscono senza neanche avvisare, giorni in cui ti scrive vi devo parlare è successa una cosa, giorni in cui dovrai mettergli in tasca quel ritaglio di sole nei momenti di tristezza per quel fidanzato idolatrato che ( fortunatamente) l’ha lasciata.

I giovani hanno bisogno di coppie come punti di riferimento per la vita. Hanno bisogno di qualcuno che sia lì ad ascoltare i loro sogni, i loro dubbi, di condividere insieme una semplice pizza margherita. Fatevi avanti e se ne avete voglia vi aspettiamo il prossimo anno in vacanza con noi. A presto!

Vi aspettiamo se volete sul nostro canale Telegram, la pagina Facebook Abramo e Sara e a grande richiesta si è aggiunto il canale WhatsApp.

Simona e Andrea

Per seguire il blog matrimoniocristiano sui social

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...