Due metà che si completano o due integrità complementari?

Oggi prendo spunto da una riflessione di Robert Cheaib nel suo libro Il gioco dell’amore. Robert scrive:

Una delle cause di rottura o, almeno, di infelicità delle coppie è l’illusione di completezza. Questa illusione è per forza abbinata e abbonata alla delusione e a un senso perenne di mancanza, semplicemente perchè non esiste all’universo un essere capace di completarti.

Adesso posso leggerla con più serenità, senza sentirmi turbato da queste parole, come invece sarebbe accaduto all’inizio del mio percorso matrimoniale.

E’ stato un percorso di crescita, una maturazione che nel matrimonio mi ha permesso di spostare il centro della mia dipendenza dalla creatura al Creatore, dall’imperfezione alla perfezione e dal finito all’infinito. Attenzione, queste parole non vogliono disprezzare la mia sposa, io la amo e la ammiro profondamente, ma vogliono liberarla da una responsabilità e da un peso che non può sopportare. Se fosse lei a completarmi, non servirebbe il sacramento del matrimonio, basterebbe il nostro amore umano e naturale. All’inizio lei era il mio tutto, anche la mia fede tiepida e fragile dipendeva da lei, dalle sue spinte e dalla sua convinzione. Questo era profondamente ingiusto. Cercare di riempire il mio vuoto, la mia insoddisfazione, la mia ricerca di senso e di infinito, nella mia relazione con lei era fallimentare in partenza. Anche quando le cose andavano nel migliore dei modi e magari non potevo desiderare di più di quello che avevo, c’era sempre un malessere e una sofferenza in fondo al cuore. Quel mometo  non era per sempre, avrei potuto perdere tutto in qualsiasi momento. Non sappiamo cosa ci presenterà il domani, possiamo solo vivere il presente, con la consapevolezza che il presente non dura che un attimo prima di essere già pasasto. Con il trascorrere del tempo,e anche grazie a quella mia dipendenza iniziale, ho però trasformato la mia prospettiva verso di lei. Ho finalmente incontrato Cristo e ho trovato in lui quello che Luisa non avrebbe mai potuto darmi. Ho trovato in lui una prospettiva eterna e infinita che, in definitiva, è ciò a cui il nostro cuore anela, essendo noi creati a immagine e somiglianza di Dio che è eterno ed infinito. Piano piano mi sono liberato della dipendenza dalla mia sposa. Ho liberato anche lei di un peso che alla lunga sarebbe stato insopportabile, o ameno mal sopportato. Solo quando ho trovato la mia completezza in Gesù, salvatore della mia vita, ho potuto donarmi in libertà alla mia sposa. Solo quando ci si dona per arricchire l’altro/a e non per riempire una nostra povertà, allora il matrimonio svolta, diventa una gara a prendersi cura dell’altro/a e a metterlo al centro delle nostre attenzioni. E allora comprendi il miracolo. Attraverso questa liberazione dall’altro/a e questo mettersi al suo servizio, a farsi dono, l’altro/a diviene porta di accesso per incontrare Colui che ti dona la pienezza e la vita. Attraverso lo sposo e la sposa incontriamo Gesù che prima non scorgevamo perchè il nostro sguardo era diretto verso il centro sbagliato, verso appunto la creatura e non il Creatore. La mia sposa mi completa con la sua femminilità e alterità, ma non può e non deve rispondere al mio desiderio di infinito amore. E io se le voglio bene bon devo caricarla di questo fardello. Solo Dio può e aspetta solo un nostro cenno per darci tutto.

Antonio e Luisa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...