La donna che tu mi hai posta accanto mi ha dato dell’albero

Dopo che Adamo ebbe mangiato dell’albero, il Signore Dio chiamò l’uomo e gli disse: “Dove sei?”.
Rispose: “Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto”.
Riprese: “Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?”.
Rispose l’uomo: “La donna che tu mi hai posta accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato”.
Il Signore Dio disse alla donna: “Che hai fatto?”. Rispose la donna: “Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato”.

Questo passo della Genesi, prima lettura della Santa Messa di oggi mi ha subito colpito per un’evidenza in particolare. Adamo ed Eva hanno perso l’armonia, si sono riconosciuti nudi, bisognosi di proteggersi l’uno dall’altra. Non esiste più quella naturale inclinazione a fidarsi vicendevolmente e di Dio stesso. Non sembrano essere neanche più insieme. Quando il Signore li cerca l’uomo sembra essere solo. Parla al singolare. Non è più coppia. Si è nascosto. Accade spesso anche nelle nostre famiglie. Non necessariamente per gravi situazioni, anche nella vita ordinaria di ogni giorno. Basta poco per rompere quell’armonia, per litigare, per ferire l’altro/a e per allontanarsi. Quanti litigi, quanti silenzi, quante ripicche, quanta sofferenza inutile. Il comportamento di Adamo è quello che spesso abbiamo anche noi. La coscienza rimorde, sa che ha sbagliato. Sa di essersi comportato male, di aver commesso un peccato, ma non lo riconosce. Preferisce scaricare la responsabilità su Eva. E’ stata lei che ha iniziato. E’ stata lei che mi ha provocato. Non devo chiedere scusa. Deve farlo lei. Eva a sua volta si discolpa. Non ammette la sua mancanza. Quando c’è incomprensione nella coppia la responsabilità non è mai di uno solo. E’ facile trovare una responsabilità dell’altro/a. E’ facile rilevare le fragilità e le imperfezioni dell’altro/a. Più difficile, molto più difficile, spostare l’occhio critico dall’altro/a a me stesso. Non importa quanto ha sbagliato la mia sposa. Non importa chi ha generato la lite. Io ho alimentato lo scontro. Io devo chiedere scusa per primo. Non importa se mi costa e se è una ferita al mio orgoglio. E’ la cosa giusta da fare per non perdere quel paradiso terrestre che è la mia relazione sponsale quando c’è amore autentico e armonia. Nulla conta più di questo.

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...