F come follia

Con la lettera F non ho dubbi. Le parole chiave sono due: fedeltà e follia.

Sicuramente follia è la meno scontata delle due. Il matrimonio è una vera. follia. Un amore come quello matrimoniale è completamente da folli. Sposarsi è da supereroi o da pazzi. Forse da entrambi. E’ una relazione che ci chiede di dare tutto di noi e per sempre ad un’altra persona. I consacrati nella loro vocazione ripongono se stessi nelle mani di Dio. Sono in una botte di ferro. Certezza di non essere mai traditi dallo sposo. Noi no! Dio, per essere amato, ci chiede di farlo attraverso una persona come noi, fragile, ferita e spesso impreparata e inaffidabile.  Non solo. Come se non bastasse una simile richiesta il matrimonio ci impegna ancora più profondamente. Gli sposi che vivono il matrimonio fino in fondo sono scandalosi. Fanno paura perchè non sono compresi. Sono diversi. La nostra società tende ad emarginarli, isolarli e deriderli. Il matrimonio ci chiede di dare tutto, per sempre e in modo incondizionato. Incondizionato da tutto. Anche dal comportamento del nostro coniuge. La risposta al dolore, alla sofferenza e al tradimento che il nostro coniuge ci può causare con la sua condotta e il suo atteggiamento è amarlo ancora di più.

Quanti si sposano con questa consapevolezza? Molto pochi. Lo sa anche padre Maurizio Botta che ai fidanzati fa un discorso molto semplice. Ecco cosa risponde padre Maurizio ha una domanda postagli dal mensile di apologetica “Il Timone” nel 2014.

Cosa chiede agli sposi?

Indico il crocifisso. “Allora, siete sicuri? Volete amarvi proprio così?”. Questo stesso crocifisso lo ritiro fuori quando la coppia viene a dirmi che c’è la crisi, la difficoltà, io attraverso il crocifisso li riporto a chiedere la grazia del matrimonio, li riporto a quella domanda: ma tu vuoi essere un discepolo di Cristo? Il punto centrale è sempre l’identità di Cristo, e io sono schietto: o Cristo è Dio o Cristo è un matto. Se tu ci credi, e vuoi essere suo discepolo, quando sei in fila per la Comunione, riferendoti al tuo sposo o alla tua sposa devi dire: “Voglio amarlo come lo ami Tu”, quindi significa che credi che quello sia il corpo di Cristo e allora io domando ancora: davvero vuoi amarlo così? Fino a farti mangiare? Questo è il cuore del matrimonio.

Concetto ribadito da una persona ancora più autorevole. Papa Francesco nel 2015 disse:

E questa è la famiglia per cui :”l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto, è una esortazione ai credenti a superare ogni forma di individualismo e di legalismo, che nascondono un gretto egoismo e una paura di aderire all’autentico significato della coppia e della sessualità umana nel progetto di Dio.”

É la “follia della gratuità dell’amore pasquale di Gesù apparirà comprensibile la follia della gratuità di un amore coniugale unico e usque ad mortem.” Ed aggiunge: “Per Dio il matrimonio non è utopia adolescenziale, ma un sogno senza il quale la sua creatura sarà destinata alla solitudine!”

E in effetti l’amore duraturo ed autentico affascina l’uomo di oggi che lo sogna, che “desidera la donazione totale.”

Il Papa dà una lettura che mi permette di arrivare alla conclusione. Alla fine noi aneliamo ad un amore così. Ad essere capaci di amare come Dio in pienezza e eternità. Desideriamo essere amati così. Nonostante noi. Possiamo questo amore nella nostra vita matrimoniale. Sicuramente in modo limitato alla nostra condizione umana, ma sostenuti, fortificati e perfezionati dalla Grazia del sacramento possiamo essere uno scandalo per il mondo. Solo un amore così può dare un senso alla nostra vita e non farci mendicare briciole di amore. Uno scandalo che è lievito, profezia e luce per questo mondo  triste, schiavo di un individualismo esasperato e un egocentrismo malato.

Nel prossimo articolo tratterò la fedeltà che è legata tantissimo alla follia trattata oggi.

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...