Un grande Mistero

chagall_les_trois_bougies

Leggendo il Cantico dei Cantici mi ha sempre interrogata la ricerca, a tratti tormentata, dei due amanti. In particolare, è curioso il reciproco “mancarsi” dei due. Il tutto avviene in un contesto che include la casa, luogo e dimora domestica, e il buio della città percorsa di notte. L’amata, ad un certo punto, addormentata sente la voce dell’amato che bussa alla sua porta: “Aprimi sorella mia”. In questo frangente, lei sembra ricercare una serie di scuse o giustificazioni per non aprire. “Mi sono indossata la veste; come indossarla di nuovo? Mi sono lavata i piedi; come sporcarli di nuovo?”.  Nel momento della decisione, “mi sono alzata per aprire al mio amato” la scena si capovolge “l’amato mio se n’era andato, era scomparso”. La mancanza la sconvolge così tanto che le precedenti giustificazioni appaiono nulla rispetto a quanto, ora, intuisce di essere disposta ad affrontare per ritrovare l’amato. Leggiamo infatti: “l’ho cercato, ma non l’ho trovato, l’ho chiamato, ma non mi ha risposto. Mi hanno incontrata le guardie che fanno la ronda in città; mi hanno percossa, mi hanno ferita, mi hanno tolto il mantello le guardie delle mura.” Perché è necessario questo inseguirsi? Ed è proprio necessario?

La prima riflessione che mi pare sensata è che risulta evidente, ancora una volta nella Scrittura, la differenza tra il maschile e il femminile. Non divergenti, cioè non rivolti verso direzioni opposte, ma dotati di linguaggio, ritmi e un modo di sentire potremmo dire “straniero” l’uno per l’altra.

Un secondo aspetto che rileggendo il testo mi pare si intrecci,  puntualmente, con la quotidianità che viviamo è il senso del limite e della ferita che contraddistinguono il cuore di ogni uomo e ogni donna. Le scuse, anche con le attenuanti più valide, lasciano filtrare la vera natura dell’uomo. Dotato di una debolezza non miserevole ma con la possibilità di essere ricoperta di misericordia e rivestita di Grazia.

Qui è stupendo ciò che accade, sicuramente, prima nel cuore dell’amata e che poi si concretizza nella sua azione. La conversione le permette di decidersi, con una piena e libera volontà, a mettersi in cammino. Non per un amore generico ma proprio per quell’uomo, con un volto, un nome e una storia precisi.

Forse la ricerca, “il gioco dell’amore” (che differisce dalla seduzione), sta a significare il bisogno di purificare e filtrare la qualità dell’amore. Tuttavia al fianco delle prove, per portare più in profondità il tessuto di un amore, affinché una coppia possa diventare un Noi, occorre il costante riconoscimento di dover essere salvati. Altrimenti detto: avere bisogno della Salvezza.

Solo un figlio o una figlia rinnovati, oserei dire riscattati e redenti, possono desiderare di imitare e chiedere l’Amore sperimentato dal Padre. Il Solo che può accompagnare e rendere, giorno dopo giorno, coniugi e veri sposi.

Federica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...