Lo sguardo ferito: quale bellezza

67405276_2591749850875817_6357828478972198912_n

Mi è capitato in questa calda estate di trovarmi a contatto continuo con la bellezza. In realtà non si trattava quasi mai di bellezze riconosciute, evidenti o epidermiche come direbbe Charlie Brown. Sono stati assaggi di altro che ho desiderato, insieme ad altri, non lasciar cadere nel vuoto.

Prima di tutto ci sono stati i miei bambini e le mie bambine del centro estivo che ho svolto come educatrice. Sorrisi, storie, emozioni, lacrime ma soprattutto vite di famiglie incontrate e sfiorate tra una parola e l’altra. Di paure, sogni, sofferenze, problemi che ci si scambia facendosi coraggio o sentendo che insieme il peso è totalmente differente. E che, se non ha un perchè, ha un come che ti riporta sulla strada per provare a starci dentro. Con tutto.

Poi ci sono stati incontri che le coincidenze (o le Dioincidenze) possono di tanto in tanto scaraventarti addosso, mentre tu stai vivacchiando perchè ti sembra di non averne più per essere cercatore, viandante e mendicante nel mondo. Così mi è successo di imbattermi due volte in un lutto profondo, non intimo, ma che taglia comunque la pelle e che stona nel caldo, nel clima di vacanza e spensieratezza meritata dal ritmo della vita frenetica.

Alla morte siamo sempre impreparati e credo abbia dunque senso il “memento mori” che si scambiavano i monaci quasi come saluto prospettico. La fine, riflettevo, è molto quotidiana come dimensione umana. Accade ogni giorno dentro di noi dovendo lavorare su noi stessi, o come dice Costanza Miriano avendo la necessità di fare un lavoro di cesello. Questo che si amplifica nella coppia, nella famiglia e nei labirinti che nemmeno la bella stagione può mitigare da che la vita continua a pulsare. E purtroppo anche a fermarsi.

Sotto il peso del silenzio del tragico che spaventa e fa arrabbiare, di una rabbia umanissima e sana, trovo che un pezzo dopo l’altro la preghiera riesce a spolpare le crisi in cui naufraghiamo. Benedette crisi perchè etimologicamente crisi significa opportunità cioè una chance di dare una risposta, dirsi presenti e non con l’irreprensibilità della perfezione ma come semplici, umili impasti d’umanità teneramente amata.

Se la bellezza salverà davvero il mondo, sarà anche quella di un volto sereno e sfigurato. Distante dall’elogio della sofferenza gratuita (poi è quasi sempre gratuita) ma dentro le pieghe dei momenti che si presentano e chiedono: e Tu, chi dici che Io sia?

Federica

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...