Guardare pornografia uccide la tenerezza

Oggi ho la possibilità di offrirvi un articolo, credo, molto interessante. Ringrazio l’amico Piergiorgio Casaccia, medico e sessuologo, che ha trovato il tempo di rispondere ad alcune mie domande. Piergiorgio collabora da tempo con il nostro blog. Si occupa di offrire un servizio di aiuto alle coppie per quanto riguarda l’ambito sessuale. Un ambito in cui le coppie spesso trovano grandi problemi. Qui il link alla pagina con una breve presentazione delle competenze di Piergiorgio e l’indirizzo per mettersi in contatto con lui. Dopo questa breve introduzione partiamo con le domande.

Buongiorno Piergiorgio. Grazie per la tua disponibilità. Tu sei un medico. Hai conseguito un master in sessuologia. Quindi hai una preparazione e una competenza che ti permettono di affrontare la sessualità umana non come un credente comune, ma come un uomo di scienza. La fruizione di materiale pornografico porta a numerose conseguenze negative senza che per forza il fruitore ne diventi dipendente. Una di queste non l’avevo mai presa in considerazione. Tu affermi che molti tuoi pazienti non sono più capaci di vivere l’intimità con la moglie in modo tenero. Che provano piacere solo nel farlo in modo aggressivo. Quasi violento. Puoi dirci qualcosa di più rispetto a questo “frutto malato” della pornografia?

Caro Antonio, l’uomo non è più capace di avere rapporti teneri con la propria donna. Il marito non riesce ad avere più rapporti teneri con la propria moglie. In genere vale per tutti. Questo accade perchè la donna è vista come un oggetto per il proprio appagamento sessuale. Perché ricercare la tenerezza (è il linguaggio dell’amore ndr) quando l’unico scopo è trarre un piacere sessuale? La donna viene usata. Se noti, nei video pornografici la donna non è una persona che ha pensieri o sentimenti. E’ una che ha solo desiderio di fare sesso. Quindi l’uomo la usa per questo. Tra l’altro, è importante metterlo in evidenza, non c’è bisogno di una relazione. Guardando la pornografia questa dinamica è molto evidente. Quindi il sesso è un qualcosa che si può avere in qualsiasi momento e in qualsiasi modo, senza bisogno di relazione. E’ come far ginnastica. Qualcosa di piacevole da fare lì per lì e poi venirne fuori. Qualcosa da consumare. Si dice, non a caso, consumare pornografia. Qualcosa che provoca una tensione, una agitazione, che deve essere consumata nel più breve tempo possibile. Quello è ciò che conta. Non la relazione, non la tenerezza, non l’amore. Questo non accade solo tra i giovani, ma anche tra coppie mature, già formate da tempo. Coppie che hanno nel cuore il desiderio di avere una sessualità normale e bella. Questo però non accade. Nella sessualità non si può mentire. E’ dove il corpo si incontra con il cuore. Se la persona che hai di fronte la vedi come oggetto, si capisce da come la tratti. Se invece vedi in quella persona l’occasione che il Signore ti ha dato per arrivare a Lui, allora cambia tutto. Allora sì che c’è la tenerezza. Allora sì che c’è il dono. Accogli il suo dono e ti dai totalmente a lei. Allora c’è una reciprocità, non c’è soltano uno sfruttamento dell’altro per il soddisfacimento di un impulso sessuale. Questo è quello che io cerco di ricostruire nelle coppie che si affidano a me. Riportare la coppia alla castità. L’uomo deve tornare ad essere virtuoso. Deve tornare a rimettere insieme i pezzi di tutto quello che ha. I pezzi della sua relazione, deve rivedere il suo amore verso quella donna. Deve capire che la sessualità è solo un aspetto della relazione, ma non l’unico. Quando c’è un incontro intimo non si vive solo quell’aspetto ma tutto l’amore. Si vive la tenerezza, la simpatia per l’amata. Si vive anche la dimensione religiosa, che è fondamentale in una coppia.

Antonio e Luisa con Piergiorgio

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Per acquistare il libro Sposi sacerdoti dell’amore cliccate qui

Per acquistare il libro L’ecologia dell’amore cliccate qui

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...