Consumare è portare a compimento

Caro Piergiorgio le statistiche sembrano dirci che il matrimonio logora la relazione anche in ambito sessuale. Infatti uno studio tedesco ha evidenziato come nelle coppie osservate ci sia stata una crescita nella vita sessuale durante il primo anno di relazione per poi decrescere progressivamente sia in termini di soddisfazione che di frequenza. Noi sappiamo bene che non è il matrimonio la causa di questa dinamica negativa ma c’è dell’altro. Cosa succede quindi alle coppie che vivono una relazione matrimoniale? Cosa possono fare per evitare questo allontanamento intimo che poi di conseguenza porta problemi nella relazione tutta?

Antonio, ti ringrazio prima di tutto per questa domanda che mi permette di andare dritto al cuore della sessualità all’interno della coppia di sposi. Il desiderio sessuale, come è noto, è governato da un ormone, dal testosterone, che è presente in misura maggiore nell’uomo rispetto alla donna. Per questo c’è differenza tra uomo e donna nel desiderio sessuale. Nella donna ha più un andamento ciclico mentre nell’uomo è sempre fisso e costante. Noi uomini (uomo e donna) siamo fatti a somiglianza di Dio e io rifiuto l’idea che siamo soltanto la risposta ad uno stimolo ormonale. Non posso credere che la sessualità umana sia governata solo da quello. Cosa c’è quindi oltre lo stimolo ormonale? Cosa rappresenta l’incontro carnale di una coppia di sposi? Ci viene in aiuto la Chiesa che dice che il matrimonio va consumato. Sappiamo bene che consumare un matrimonio presuppone che avvenga un’unione fisica tra gli sposi. La coppia diventa una carne sola. Attenzione ora. Questo consumare non deve essere inteso con l’etimologia cumsumere che significa appunto portare a logorio ma con l’etimologia cumsummare che vuol dire portare a compimento, condurre allo scopo. E’ questo il vero significato che la Chiesa vuole dare al verbo consumare. La sessualità all’interno di una coppia di sposi porta a compimento il matrimonio stesso. Il dono reciproco e totale di due sposi è la consumazione del matrimonio, ovvero è la realizzazione del matrimonio. Se gli sposi hanno questa consapevolezza il tempo che passa non fa che aumentare la loro donazione reciproca. Mi rifiuto di pensare che la sessualità all’interno della coppia sia solo un soddisfacimento dei propri bisogni ed istinti. Penso invece che la sessualità all’interno del matrimonio sia la ricchezza più grande che la coppia di sposi possa avere. Perchè dico la ricchezza più grande? Voi siete maestri in questo. Nel vostro libro lo avete spiegato molto bene. E’ come se ogni volta che la coppia si unisce nella carne si ripete il sacramento del matrimonio. Solo se c’è questa coscienza la sessualità migliora con il passare del tempo. Perchè l’amore vissuto negli anni crea negli sposi una consapevolezza maggiore e un desiderio maggiore di essere uno. Solo con questa consapevolezza anche la corporeità assume una piena e completa soddisfazione. Questa è la cosa più bella. Il tempo passa e la coppia si trova sempre più unita. Lo sposo e la sposa diventano sempre più capaci di donarsi l’un l’altra. Ed è per questo che con il passare degli anni una coppia che veramente vive la sessualità come un dono reciproco e totale migliora ogni volta la propria sessualità.

Ogni coppia quindi come fa a non perdersi sessualmente? Deve tornare a quello che è il significato autentico del dono carnale reciproco. Il desiderio di donarsi reciprocamente, aprendosi alla vita, realizzando così questa unione “l’incarnazione” del mistero della Santissima Trinità. Questa è la grandezza che ci ha lasciato san Giovanni Paolo II con la Teologia del corpo.

La sessualità nel matrimonio non è un luogo dove ripulire un gesto che di per sè è sporco, ma è l’essenza stessa del matrimonio. L’essenza sacramentale del matrimonio risiede nell’incontro sessuale degli sposi.

Bisogna recuperare questa consapevolezza. Nel mio lavoro mi accorgo di tante coppie cristiane che non hanno minimamente idea di questa realtà. Recuperando questa bellezza non si cadrà nella monotonia, nella quotidianità e nella ricerca di altro.

Antonio e Luisa con Piergiorgio

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...