Domenica e famiglia, un connubio possibile / 4

Certamente una preparazione che comincia dall’uscio di casa è insufficiente, ma avremo modo di approfondire più avanti quest’aspetto. Oggi vogliamo dare un piccolo aiuto a quei coniugi e/o genitori che desiderano vivere la S. Messa domenicale in compagnia del proprio consorte e/o dei figli. Non scambiate queste poche righe come la ricetta perfetta ed infallibile per “convincere” gli altri a frequentare la Messa domenicale, sono semplicemente alcune considerazioni che hanno lo scopo di offrire una prospettiva diversa dalla solita pappardella del “perché non vieni anche tu ?” oppure quella trita e ritrita del “me l’avevi promesso” : i ricatti affettivi combinano guai nella relazione coniugale figuriamoci nella vita spirituale in cui la relazione in gioco è quella con Dio e la vita eterna.

Dobbiamo sempre tenere presente che i santi ci insegnano che “Dio non si impone, ma si propone” . E questa frase ha una doppia valenza : cioè va considerata in prima persona, dove il soggetto è Dio stesso, ma vale anche nella seconda accezione, in cui Dio è il complemento oggetto. Qualche altro santo ebbe a sintetizzare questo concetto in una felice espressione : Dio è discreto !

La storia stessa è testimone di questo modus operandi di Dio : fin dagli inizi con i nostri progenitori, poi con i patriarchi della fede, via via fino all’Incarnazione di Gesù, la Sua Passione e fino ai nostri giorni, è un continuo tentativo di Dio di trovare posto nella vita degli uomini da Lui amati così tanto da morire per essi. Assomiglia ad un innamorato che continua a far la corte alla sua amata, una corte discreta, tenera, delicata ma allo stesso tempo risoluta, tenace e perseverante. Un esempio ? Che clamore ha provocato la nascita di Gesù ? Non è forse vero che tutti i giorni nascono bambini ? Ed infatti la notizia è passata inosservata alla maggior parte degli uomini, era considerato da tanti semplicemente il figlio di un falegname ….. ecco la discrezione di Dio che non si impone.

Già, ma perché Dio non si impone e non vuole imporsi ? Non è che Dio sia strano , siamo fatti così anche noi ( toh…che coincidenza ! ). Possiamo imporre all’altro/a di ricambiare i nostri sentimenti amorosi ? Se ci amasse solo perché costretto/a , ci sentiremmo davvero amati ? Ed un rapporto così potremmo definirlo autentico rapporto d’amore ?

Evidentemente no…. ma se è così tra noi, perché a Dio piacerebbe avere dei burattini già programmati nel ricambiare il suo amore ? Dio non ha bisogno del nostro amore per sentirsi più desiderato o realizzato, ma ha bisogno che la nostra risposta sia libera per poter riempire il nostro cuore di tutto il Suo amore ; e lo spazio lo decidiamo noi, non esistono misure standard del cuore, ogni cuore decide quanto spazio fare a Dio.

Se cominciassimo a rapportarci coi nostri famigliari un po’ allergici alla Messa con queste riflessioni tenute sempre vive dentro di noi, forse qualcosa si smuoverebbe…. ne siamo sicuri, perché il primo cuore a cambiare sarebbe il nostro. Siamo sicuri che Dio ha una voglia matta di riversare il Suo amore nel cuore del nostro coniuge, ma….. ha assegnato a noi il compito di fare le Sue veci, di fare la corte al cuore dell’amato/a per Suo conto, quella corte discreta, tenera e delicata, ma anche risoluta, tenace e perseverante.

Una strategia vincente può essere quella di far venire l’acquolina in bocca a chi non è stato a Messa. Come fare ? Bisogna chiedere al nostro Angelo Custode ( o altri aiuti dal Cielo ) che ci aiuti a trovare una frase bella della predica, un aneddoto curioso accaduto fuori sul sagrato, oppure di incontrare una persona che manda i saluti per il coniuge rimasto a casa,…. insomma se chiediamo aiuto al Cielo non tarderà la risposta, cosicché da tornare a casa con qualcosa di bello da raccontare a chi è rimasto a casa…… sai che ho visto quel tuo vecchio amico con la moglie ? ti manda i suoi saluti , ti avrebbe incontrato volentieri….. pensa che quella mia amica mi raccontava che le è successo così e così…. il parroco chiede se potresti dare una mano con questa iniziativa…. la chiesa era bellissima stamattina, con quei fiori, quelle tende, e poi… un raggio di sole illuminava proprio quel quadro, quella statua… eccetera….. insomma far nascere il desiderio di venire la prossima Domenica fosse anche solo per non perdersi quelle belle esperienze di vita, di incontri, di amicizie, di risate (dopo Messa quelle).

A volte succede che Valentina e le figlie partecipino ad un evento religioso senza di me , a causa dei miei turni lavorativi : può essere una processione, talvolta un Rosario o adorazione comunitari, un convegno con quel bravo predicatore, una S. Messa particolare per onorare un santo, oppure un mini-pellegrinaggio ad un santuario vicino, una confessione per lucrare l’indulgenza particolare nel tal giorno. In ogni caso, quando le rivedo, è un tripudio di gioia ed entusiasmo, vengo letteralmente sommerso/bombardato dalle parole ( che alle 4 femmine di casa non mancano mai ) per descrivere l’evento e trasmettermi le sensazioni/emozioni che hanno provato, per raccontarmi aneddoti (spesso esilaranti) o incontri con persone perse di vista da un po’…. insomma, alla fine mi dispiace di non esser stato presente all’incontro perché mi son perso questo o quello di bello.

E’ questa la strategia che possiamo sviluppare con i nostri coniugi/famigliari un po’ ostici alla Messa. Innanzitutto dobbiamo tornare dalla Messa domenicale con quella gioia, con quell’entusiasmo, con quella rinnovata voglia di vivere, che è contagiosa.

Con Dio, infatti, tutto è più bello, senza Dio niente diventa bello ; infatti Dostoevskij fa dire ad un suo personaggio :

La Bellezza salverà il mondo !

E chi è più bello di Dio stesso ? Chi ci vede, dovrebbe chiederci : ma dove trovi tutta questa energia di vita ? tutto questo entusiasmo ? come fai a vedere tutto bello ? cosa vi danno a Messa, un’energizzante ?

Coraggio sposi, alla S. Messa domenicale ci aspetta non un vip, non una star internazionale, non il Capo di Stato in persona, ma addirittura il Re dei Re, ed ha un messaggio personale per ognuno di noi.

Giorgio e Valentina.

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp 

Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri Influencer dell’amore – L’ecologia dell’amore – Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...