La solitudine tra noi …

Come di consueto ci lasceremo provocare dalla Parola, ecco di seguito uno stralcio del Vangelo proposto oggi dalla Liturgia :

Gv 12,24-26 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. […]

Naturalmente le prediche e le riflessioni di tutti gli autori classici che formano il Magistero perenne della Chiesa Cattolica, si concentrano sulla seconda parte della frase, e quindi sul fatto che la morte del chicco è vita abbondante per tanti altri, mettendo in luce come Gesù in realtà stia parlando di sé stesso paragonandosi a questo chicco. Perciò non ci soffermeremo su questo tema che è abbondantemente trattato negli scritti classici così come nelle prediche dei nostri sacerdoti per non sovrapporci ad essi quasi da fare antagonismo, ci soffermeremo invece sulla prima parte della frase.

Avete notato che questo chicco non viene mandato dal mugnaio per divenire farina ( altro tema ricchissimo ) ?

Avete notato inoltre, che questo chicco sembra avere potere decisionale di morire oppure no ? Da quando i chicchi di grano hanno queste facoltà ? A noi non risulta. Noi sappiamo che il contadino semina il chicco di grano, e con i dovuti trattamenti e presupposti, esso dona nuova vita ; viviamo in campagna, ma non abbiamo mai visto i nostri compaesani contadini parlare alle sementi per convincerli a morire così da generare nuove piantine.

Perché allora Gesù sembra attribuire ai chicchi questi poteri ? Ma che tipo di contadini conosceva Gesù ? Forse che in Israele, ai tempi di Gesù, i contadini parlassero alle sementi per convincerli a suicidarsi fosse cosa nota ?

E’ interessante notare come Gesù parli non di un chicco che vuole restare vivo perché la vita è giustamente ritenuta importante, soprattutto se è quella eterna ; ma Gesù parla di un chicco che resta vivo , ma solo.

Già una nota cantante romagnola cantava : ” la solitudine tra noi …. è l’inquietudine di vivere la vita senza te. “, come a dire che la solitudine e l’inquietudine non sono vivere , è meglio morire piuttosto che vivere nella inquietudine di restare senza l’amato/a. La canzone esprime il sentire popolare, e cioè che vivere senza amore non è vivere, praticamente è come sopravvivere ; senza amore e quindi senza donazione di sé, diventeremmo come degli zombie che camminano.

Ed in effetti il chicco che non muore resta vivo ma solo, sempre che possiamo definirlo “restare vivi”, sarebbe meglio parlare di sopravvivenza, quel chicco senza la donazione totale che l’amore richiede diventa come quegli zombie ambulanti. E così succede a noi sposi quando vogliamo trattenere la vita/l’amore solo per noi stessi, quando non c’è il dono totale, diventiamo zombie ambulanti ; sì, forse restiamo in vita, ma che vita è una vita che si nutre della solitudine, della inquietudine ? Possiamo ancora definirla vita ?

Ci capita spesso di vedere coppie che sembrano vive perché si riempiono di cose materiali o riempiono il proprio tempo correndo dietro alle voglie, alle mode del mondo che cangiano continuamente ; ma noi, con “l’occhio clinico” vediamo come tutto ciò sia un tentativo ( fallace ) di riempire un vuoto interiore, sicché avvertono il bisogno di continui nuovi stimoli che il mondo ( che li vuole fagocitati continuamente ) offre per attirarli nella propria rete. E così avviene che, una volta che il surrogato di felicità ha esaurito il proprio effetto, non avendo più nulla da dare di nuovo, viene tostamente sostituito da una altro surrogato e così via… ma gli zombie sanno di essere zombie oppure pensano di essere vivi semplicemente perché camminano ?

Quando invece incontriamo coppie che si donano generosamente l’uno all’altra ed insieme ai figli ed alla Chiesa intera, subito si nota come le mode ed i surrogati di felicità che il mondo offre, su di essi non facciano presa ; sono forse essi estranei a questo mondo ? No, lo vivono, ma non gli appartengono ! Il mondo tenta di offrire loro i soliti surrogati di felicità, ma non riesce a trovare in loro dei clienti perché essi godono già di una vita in pienezza semplicemente vivendo quello che Dio ha riservato loro nel sacramento del matrimonio.

Cari sposi, desiderate essere felici e non sopravvivere come gli zombie ? Seguite gli insegnamenti di Gesù “c’è più gioia nel dare che nel ricevere” … “mi sento sempre triste” …. ti stai donando gratuitamente e completamente come insegna Gesù ?

Desiderate che la vostra coppia sia feconda di nuova vita/amore per molti altri ? Seguite gli insegnamenti di Gesù “se il chicco muore, produce molto frutto” … “non ci sentiamo fecondi” ( da non confondere con la fertilità biologica ) …. state morendo a voi stessi come quel chicco di grano ?

Cari sposi , se non portiamo frutti/fecondità dalla nostra vita sacramentale è colpa di Gesù che non mantiene le promesse fatte oppure siamo noi sposi che non doniamo tutto gratuitamente ?

Coraggio sposi, anche oggi ci è data una nuova opportunità di vita nuova, approfittiamone !

Giorgio e Valentina.

Entrate nel gruppo whatsapp  o Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri Influencer dell’amore – L’ecologia dell’amore – Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui oppure per seguire i nostri podcast cliccate qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...