San Mattia, ovvero l’apostolo frutto del discernimento

Non sarò certamente io a scrivere la migliore sintesi sul discernimento, tuttavia, la vicenda che oggi ci presenta la Liturgia (At 1,15-17.20-26), nella festa di San Mattia, fa proprio riferimento a questo tema. Come ben sapete, una volta che Gesù è risorto ed asceso al Cielo, avendo Egli eletto 12 persone a seguirlo più da vicino – 12 come le tribù di Israele – pertanto il collegio degli apostoli non poteva restare privo del posto occupato da Giuda Iscariota, quel numero aveva un significato estremamente profondo. Che fare? Chi poteva mai sostituire una persona che era stata chiamata personalmente da Gesù? Con quale autorità fare un gesto del genere in Sua “assenza”? Per tutto ciò gli 11 fecero discernimento.

In questo caso non si trattava esattamente di un discernimento degli spiriti, come lo indica San Paolo in 1Cor 12, 10, cioè capire la differenza tra il bene e il male, ma piuttosto di discernere quale sia la volontà di Dio, cosa ci chiede concretamente il Signore in questa circostanza, come lo indica ancora San Paolo: “discernere qual è la volontà di Dio, ciò che è bene, ciò che gli piace, ciò che è perfetto” (Rom 12, 2).

Un piccolo chiarimento qui ci sta, dato che ad alcuni può sembrare strano che gli 11 avessero adottato un metodo alquanto bizzarro, che sa più di magia che di fede. Questo fatto accadde prima della Pentecoste, cioè del dono pieno e totale della Grazia su di loro. Gli Undici in quel momento agirono come era usanza in Israele in momenti di dubbio e di scelte importanti (cfr. Lev 16,8Num 26,55Gios 18,10Ne 10,34; 11,1Pr 18,18Lc 1,9). Ma con la venuta dello Spirito non fu più necessario ed ora lo vedremo.

A tale riguardo capite bene che il tema del discernimento tocca in pieno la vita degli sposi, la vita ordinaria di due coniugi e di una famiglia è piena di bivi, di situazioni dubbiose o addirittura di “trappole”: cellulare ai figli sì-no? A che età? Rimodelliamo casa con il Bonus 110? Lui ha bisogno della serata-calcetto ma lei non è d’accordo; quando avere il secondo o il terzo figlio? Possibilità di un lavoro meglio remunerato ma più lontano da casa… E si potrebbe continuare così al libitum.

 Esiste un “Manuale delle giovani marmotte” che ti risponda a questi quesiti pratici? Evidentemente no, le risposte vanno cercate sempre nel Signore con la mediazione della Chiesa. È notevole quanto dice al riguardo Papa Francesco:

Per molto tempo abbiamo creduto che solamente insistendo su questioni dottrinali, bioetiche e morali, senza motivare l’apertura alla grazia, avessimo già sostenuto a sufficienza le famiglie, consolidato il vincolo degli sposi e riempito di significato la loro vita insieme. Abbiamo difficoltà a presentare il matrimonio più come un cammino dinamico di crescita e realizzazione che come un peso da sopportare per tutta la vita. Stentiamo anche a dare spazio alla coscienza dei fedeli, che tante volte rispondono quanto meglio possibile al Vangelo in mezzo ai loro limiti e possono portare avanti il loro personale discernimento davanti a situazioni in cui si rompono tutti gli schemi. Siamo chiamati a formare le coscienze, non a pretendere di sostituirle” (Amoris Laetitia, 37).

Della serie… non che le questioni dottrinali, bioetiche o morali siano da buttare, ma che tutto ciò va sapientemente applicato alle situazioni concrete. Si tratta di vedere che il Vangelo sa rispondere ai problemi contingenti a patto che ci si metta nell’ordine di idee di imparare da Esso e non usare solo il “buon senso” o peggio ancora il “secondo me”.

Questo discernimento in coppia è esso stesso un frutto della grazia (1 Cor 12, 10), ed è essenziale per la vita di tutti i giorni. Se ne senti l’importanza e anche l’urgenza, significa che il Signore ti sta chiamando a crescere nell’amore.

Concludo con un invito ad approfondire, perché sarebbe impensabile esaurire il tema in quest’articolo. L’invito ad abbordare seriamente il discernimento in coppia. Sì, ma come? Suggerisco anzitutto di avere un padre spirituale che vi segua assieme; se questi al momento non ci fosse, potrebbe essere di grande aiuto partecipare, quando ci sarà, al seminario “Talità Kum”, organizzato dal Progetto Mistero Grande. Infine, per i più valorosi, risulta molto proficuo fare l’esperienza degli EVO (Esercizi spirituali nella vita ordinaria), come un cammino che approfondisce in modo pratico e concreto per tutti voi che avete famiglia e lavoro.

Buon cammino, care coppie! Che lo Spirito Santo vi accompagni per capire cosa vi chiede ogni giorno e vi dia la forza di realizzarlo.

Padre Luca Frontali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...