L’inferno è dentro di noi, non fuori

Una bellissima storia, molto conosciuta, con la quale spiegare ai nostri figli cosa significa inferno e paradiso. Penso sia di Bruno Ferrero anche se non ne sono sicuro.

Ha il pregio di far comprendere ai bambini che inferno e paradiso non sono un luogo, ma sono piuttosto uno stato. Basta, dire che l’inferno è un luogo di tormenti e di sofferenza. Dio è un Padre buono e lo ha dimostrato quando Gesù è morto in croce per ognuno di noi. Dio ci vorrebbe tutti salvi, ma non può. Dio è onnipotente, ma non ci può salvare tutti. Un ossimoro. Già, perchè l’inferno è una nostra decisione. Una vita che pian piano è scesa verso la corruzione non sopporta l’amore di Dio e lo rifiuta. Questo è l’inferno, non sopportare la presenza di Dio e, di conseguenza, la presenza delle altre persone. Ecco la storia:

Un sant’uomo ebbe un giorno da conversare con Dio e gli chiese:

Signore, mi piacerebbe sapere come sono il Paradiso e l’Inferno“.

Dio condusse il sant’uomo verso due porte. Ne aprì una e gli permise di guardare all’interno. C’era una grandissima tavola rotonda. Al centro della tavola si trovava un grandissimo recipiente contenente cibo dal profumo delizioso. Il sant’uomo sentì l’acquolina in bocca.

Le persone sedute attorno al tavolo erano magre, dall’aspetto livido e malato. Avevano tutti l’aria affamata. Avevano dei cucchiai dai manici lunghissimi, attaccati alle loro braccia. Tutti potevano raggiungere il piatto di cibo e raccoglierne un po’, ma poiché il manico del cucchiaio era più lungo del loro braccio non potevano accostare il cibo alla bocca.

Il sant’uomo tremò alla vista della loro miseria e delle loro sofferenze.

Dio disse: “Hai appena visto l’Inferno“.

Dio e l’uomo si diressero verso la seconda porta. Dio l’aprì. La scena che l’uomo vide era identica alla precedente. C’era la grande tavola rotonda ed il recipiente che gli fece venire l’acquolina in bocca. Le persone intorno alla tavola avevano anch’esse i cucchiai dai lunghi manici. Questa volta però erano ben nutrite e conversavano felici tra di loro, sorridendo.

Il sant’uomo disse a Dio: “Non capisco!

È semplice” – rispose Dio – “essi hanno imparato a nutrirsi reciprocamente, gli uni con gli altri. I primi invece pensano solo a loro stessi.

Morale: Inferno e Paradiso sono uguali nella struttura. La differenza la portiamo dentro di noi.

Per concludere riporto l’immagine che mi ha raccontato mia figlia Maria. I bambini a volte riescono a sorprenderci e a vedere più chiaramente di quanto riusciamo a fare noi adulti.

L’inferno è un luogo brutto, rosso, dove c’è sempre la pioggia e le persone sono tristi e si arrabbiano sempre. Non si guardano ma si danno le spalle perché non si sopportano e sono sole.

Il paradiso è bellissimo. C’è sempre il sole tranne qualche volta che nevica per poter giocare con la neve. Tutti si vogliono bene e tutti vogliono bene a Gesù che è lì con loro. Tutti si aiutano, il più grande aiuta il più piccolo, e tutti sono sorridenti. Quando qualcuno prega un santo, tutti pregano insieme a lui per aiutarlo ad aiutare chi lo ha pregato.

E’ come una famiglia.

Per quanto mi riguarda è una delle più belle descrizioni che abbia mai sentito. Maria la mia piccola principessa, oggi mi ha sorpreso e insegnato qualcosa.

Antonio, Luisa e oggi anche Maria.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;L’inferno è dentro di noi, non fuori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...