In vasi di creta

Moore-Henry-Family-Group.-1945-1949-bis

Come una nave affronta la tempesta, così la famiglia vive prove e periodi che mettono a rischio il legame che salda e compatta una realtà umana, apparentemente così fragile. Umana perché questa è la natura che contraddistingue il corpo di una famiglia. Fatta di padri che definiscono l’impronta del cammino dei figli. Di madri che custodiscono e valorizzano, ricamando tra la vita e i suoi dolori. Di figli che crescono non sempre certi delle “mappe” che sono state consegnate per decifrare il loro immergersi nella realtà.

Figure umane dunque che si accostano alla sfida del vivere comune, o meglio, insieme in un progetto che si fa flebile di fronte alle minacce. Del mondo, delle crisi (piccole e grandi), dei limiti personali, della costante battaglia tra le proprie ferite e lo sguardo dell’altro che, pur così vicino, può diventare tutt’altro che benedizione.

L’aridità di una famiglia, di una coppia di sposi, di figli traboccanti di domande, chiede innanzitutto di essere fattivamente soccorsa . Perché è nell’essere riconosciuta, curata e trasformata che una sofferenza prende forma e trova sollievo. Nello specifico, si tratta della sinergia tra la Grazia e la disponibilità di ogni uomo e ogni donna a considerare il quotidiano secondo una prospettiva di affidamento costante.

Infatti, non vi è realtà come la famiglia per sperimentare al meglio la fantasia dello Spirito Santo che lavora riscrivendo le nostre storie nella continuità. Dove niente viene buttato, se non l’attaccamento all’uomo vecchio che limita ogni SI’, gratuito e autentico, specialmente tra coloro che cercano di essere Chiesa tra le mura di una casa.

Qui, in questo luogo teologico, che forse non avrà l’apparenza dei monti biblici dove Dio rivolgeva le Sue Parole, accade un lavoro di rifinitura dell’anima dell’uomo, di rivoluzione dei cuori e della ricerca, tra la frenesia e il caos, degli elementi fondanti una famiglia. Come i gesti più concreti, gli sguardi nascosti, la preghiera silenziosa, i perdoni sussurrati, le lacrime sparse, la Provvidenza che nel quotidiano gioca e si mimetizza nell’ordinarietà. Mai banale.

Questa è la vera robustezza di ogni famiglia. Che spezzate le disillusioni e le fantasie riduce all’essenziale il suo fare e i suoi perché. Sempre più scarni fino a che l’unico volto da ricercare sarà quello di essere, in sostanza, ciò che da sposi, genitori, figli, fratelli e sorelle si è chiamati ad essere: icone dell’Amore di Dio. Questa è la famiglia, capace di morire e risorgere, solo facendo memoria dell’unica Via che ci ha assicurato: Io sono con voi tutti i giorni.

 

Federica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...