Se la sofferenza non ha un senso, che senso ha la vita?

La sofferenza non ha senso, è inutile girarci intorno cercando di abbonire qualcosa che di buono non ha nulla. La sofferenza, il dolore, la morte non possono avere un senso, perché noi siamo fatti per la gioia, per la vita! Essendo questa una verità, allora questa vita non è fatta per la gioia e per la vita, perché questa vita porta sofferenza e morte. Una vita, che come dice Vasco Rossi, “un senso non ce l’ha”. E a questo “punto” si potrebbe chiudere l’articolo, se non fosse per un ma…

Se Dio non si fosse fatto carne, non avesse vissuto le nostre stesse sofferenze e non fosse passato per la morte, allora tutta questa nostra vita non avrebbe avuto nessun senso, perché solo un pazzo alienato dalla realtà riuscirebbe a trovarlo. Ma Dio non è rimasto lì, staccato dal mondo, ma è si è fatto uomo, si è fatto carne, ha vissuto i nostri sentimenti di dolore e di tristezza. Ha sofferto per gli amici che l’hanno abbandonato, per gli amici che l’hanno tradito, per i nemici che lo hanno sputato e deriso. Ha sofferto nella carne, nella flagellazione e crocifissione. Ha sofferto vedendo la madre soffrire per lui. Ha sofferto vedendo un mondo votato alla morte e alla sua autodistruzione, nonostante abbia speso gli anni della sua vita a portare quell’Amore, che lui stesso aveva ricevuto dal Padre. Ha sofferto vedendo il suo progetto fallire su una Croce, vedendo il fallimento dei suoi sogni, dei suoi desideri sull’umanità. Come dice Papa Francesco, la Via Crucis è “la storia del fallimento di Dio”.

Ma Dio ha dato senso anche al fallimento, alla morte, perché il seme che non muore, non può portare vita. Ed ecco che dal più grande fallimento della storia, Gesù, attraverso la resurrezione, ha dato senso a qualcosa che mai nessuno uomo era riuscito prima. E’ dal fallimento della Croce, che è nata la Speranza della resurrezione.

La nostra vita nelle sue sofferenze, nel suo dolore, nei suoi fallimenti, nella morte che bussa costantemente alla nostra porta, trova senso solamente in Lui. Trova senso in un Dio che ha tanto amato, da dare la sua vita, liberamente, per i suoi amici.

La sofferenza, che un senso non ce l’ha, trova senso perché è in essa che ci avviciniamo a Dio, è in essa che ci sentiamo parte della sofferenza di Cristo. Immaginate un marito che vede la moglie malata terminale in un letto, la sua sofferenza la possiamo vedere trasformata nei suoi occhi pieni di amore per lei. Il dolore della moglie si trasforma in amore del marito. Che grandezza e che mistero.

Allora ciò che da senso alla vita, alla sofferenza, al dolore e alla morte è proprio l’amore. L’amore non avrà mai fine (dal latino a-mors = senza morte), perché anche quando ci muore qualcuno di caro, l’amore nel nostro cuore per quel caro non cessa. E nessuno a questo mondo potrebbe dire il contrario, nessuno alla morte di un caro potrebbe dire che con lui è cessato anche il nostro amore. Anzi la morte, il distacco, la sofferenza non solo non fa cessare l’amore ma lo rinvigorisce, perché le lacrime, sono la dimostrazione più lampante di quanto abbiamo amato.

Ma se Dio è Amore, allora la nostra vita trova senso in Dio. Cercare Dio, significa cercare l’amore, significa cercare un senso alla vita. Chi trova Dio, non ha trovato colui che mette fine alla sofferenza, al dolore, ma ha trovato colui che ne dona un senso. Quanto è dolce avere Dio per amico durante una sofferenza e una prova della vita. Ho avuto la grazia di poter assaporare l’amore di Dio nella sofferenza, e mai più ho toccato un così grande amore, quanto Dio me ne ha donato in quei momenti.

E’ un mistero a noi stessi, in quei momenti è come se ti trovassi in una guscio di una noce, piegato dalla sofferenza e dal dolore, ma è proprio in quella stretta, quasi mortale, che la noce trova tutto il calore, tutto l’amore necessario per poi rinascere a nuova vita in un albero.

Il mondo vuole trovare tutti i rimedi alla sofferenza, si moltiplicano i corsi che si fanno promotori dell’eliminazione della sofferenza. Ma sono in grado solamente per un certo periodo di alienarti dalla realtà, ma la verità è che dalla realtà non puoi fuggire. Se elimini la sofferenza, elimini la vita, ed eliminare la vita significa arrivare ad una “morte secunda” che va oltre quella del corpo, ed è quella dell’anima. Non scappiamo, cerchiamo, bussiamo, e troveremo l’Amore, troveremo un Padre che ci abbraccerà, ed in quell’abbraccio perderemo noi stessi, per diventare tutt’uno con Lui, tutt’uno con l’Amore che ridona vita, anche nella sofferenza e nella morte.

ℹ Se ti è piaciuto l’articolo, vuoi seguire gli aggiornamenti o acquistare il libro, clicca mi piace alla pagina facebook ➡ MeteoDiCoppia

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...