Dio, il tessitore della nostra vita.

Certo che la Bibbia è un libro straordinario. Si è vero, per noi, che siamo cristiani, è il libro sacro ed è normale che lo riteniamo straordinario. Credo però di poter dire che per chiunque lo prenda in mano, e riesca a leggerlo andando oltre uno sguardo superficiale, si possa aprire un mondo affascinante. Anche per chi non crede. Certo bisogna andare oltre. Per andare oltre servono gli strumenti. Alcuni mesi fa ho avuto la fortuna di incontrare e conoscere fr. Andrea Valori. Fr. Andrea è un religioso della Fraternità Francescana di Betania. In questi anni vive nel convento di Roma e sta approfondendo i suoi studi biblici. Ha una grande passione per la Scrittura e guida i pellegrini in Terra Santa. Fr. Andrea è quella persona che davvero ti può aprire lo scrigno della Parola. Padre Andrea riesce a guidarti oltre la superficie. Con lui sono riuscito ad immergermi nella profondita della Bibbia come non avevo ancora sperimentato. Certo ho fatto solo una piccola immersione, neanche tanto in profondità, ma mi è bastata per restare a bocca aperta dalla bellezza che ho intravisto e dalla meraviglia che ho percepito. Padre Andrea ha realizzato un piccolo testo, semplice e accessibile a tutti, dove mette a disposizione dei lettori alcune sue profonde riflessioni. Sono parte degli esercizi spirituali che propone ai pellegrini. Direttamente lì, sui luoghi santi del nostro credo. Lo fa in modo originale. La storia d’Israele è come un intreccio complesso che Dio ha operato lungo tutta la storia. Dio è il più grande e più bravo dei tessitori. Fr. Andrea presenta diverse interessanti riflessioni partendo proprio dai tantissimi e diversi tessuti presenti nelle pagine della Bibbia. Nella quarta di copertina Padre Andrea lo specifica bene:

La vita di ognuno è un panno lacerato da domande e giudizi, da spietate sicurezze e superficiali verità, dove dare tutto per scontato ferisce più di una lama. Dio promette un tessuto forte, lo restituisce trapunto e forgiato dall’intreccio dell’Amore con l’amore. Una donna toccò il Suo mantello e fu guarita. L’Umanità è sanata riconoscendo che è bello essere salvati da Colui che emana potenza tenue e dolce di fronte al Mio dolore sofferente: Gesù Cristo il Figlio del Dio-Tessitore.

Fra Andrea riesce a regalare delle piccole perle partendo da semplici parole. Come la tenda. Confezionata di tessuto, per l’appunto. La tenda è tantissime cose.

Ci troviamo nel deserto della Giordania, nei pressi del golfo di Aqaba, in quella località che oggi è chiamata Wadi Rum e che molto tempo fa ospitò la ripresa del cammino del popolo d’Israele come è narrato da Libro dei Numeri: “Partirono da Ezion-Gheber e si accamparono nel deserto di Sin, cioè a Kades” (Nm 33, 6)

Siamo nel deserto, la notte fa freddo. L’oscurità ci avvolge. Una notte nel deserto è un’esperienza unica, da fare. Adesso possiamo solo immaginarla. La tenda ha tanti e grandi significati per gli abitanti di quella terra. La troviamo fin dall’inizio, dalla Genesi. Fra Andrea esaminando sia la grafia, cioè i caratteri semitici che compongono la parola, sia il contesto e la cultura da cui proviene, ci dà alcuni spunti molto interessanti. Ed ecco che scopro, attraverso il testo, che la parola ebraica originale אוהל (ohel) è formata da una delle consonanti del nome di Dio ה (he). Una lettera associata al femminile che nella cultura del tempo era segno di incompitezza. Non commettiamo l’errore di giudicare con i nostri canoni. Prendiamola così. Quindi la tenda è dove abitavano i patriarchi. Che insegnamento possiamo trarre noi? Che Dio si rende presente proprio quando ci sentiamo precari, insicuri, incompleti e incompiuti. Che la nostra debolezza diventa la nostra forza, la nostra sicurezza. E’ lì che Dio si fa presente.

Dio abita nelle nostre precarietà, nelle steppe fatte di dubbio. Dio lascia che il suo nome sia nominato da chi balbetta ed è costretto a tartagliare lettera per lettera rischiando di essere sommerso dagli scherni, perchè ciò che dice non si capisce. Dio, però, dimora lì, anzi ancora di più: Dio è proprio questa sicurezza nella precarietà insensata della nostra vita

Questo è solo un piccolo passaggio del libro, ma che rende evidente la profondità di comprensione in cui fra Andrea può aiutarci ad entrare. Io l’ho trovato molto liberante e anche emozionante. Credo che sia una lettura adatta a tutti. Non escluvimante per gli sposi, ma gli sposi, leggendo insieme queste pagine, possono riflettere sulla bellezza della loro relazione abitata da Dio. Una tenda per l’appunto. Precaria e soggetta alle folate di vento. Ma proprio per questo ci permette di fare esperienza del Dio vivente. Fare esperienza di essere tabernacolo proprio in quanto sposi uniti da un sacramento.

Qui potete acquistare il libro

Antonio e Luisa.

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Per acquistare il libro Sposi sacerdoti dell’amore cliccate qui

Per acquistare il libro L’ecologia dell’amore cliccate qui

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...