Senza sacramenti? Riscopriamo il matrimonio.

Oggi mi riallaccio al discorso iniziato ieri. Siamo senza sacramenti ormai dall’inizio della Quaresima. Alcuni di noi hanno fatto in tempo a prendere le ceneri, altri come noi in Lombardia no. E’ un tempo di prova sicuramente. Un tempo che va vissuto senza disperarsi. Però siamo senza sacramenti! Come fare? Proprio in questo periodo che ne avremmo più bisogno. Nessuna polemica verso i nostri Vescovi che hanno preso questa decisione. Anzi in questi giorni sto facendo esperienza della grande fede dei nostri pastori che cercano mille modi per stare vicino al gregge. Ho ascoltato suppliche meravigliose cariche di autentica fede da parte del nostro vescovo. Sto riscoprendo dei sacerdoti meravigliosi. Nessuna polemica quindi, ma una grande opportunità. Abbiamo l’occasione, noi laici sposati, di riscoprire il nostro sacramento. Il nostro padre spirituale padre Raimondo ci diceva sempre che avrebbe voluto vedere la stessa devozione che gli sposi hanno davanti al Santissimo Sacramento anche nella loro vita quotidiana. Perchè non c’è differenza. L’ostia consacrata contiene la presenza reale di Cristo esattamente come la contiene la coppia di sposi. Noi siamo sacramento perenne esattamente come l’Eucarestia. L’ostia e il vino consacrati  contengono Gesù fino a quando non vengono consumati. Così gli sposi. Fino a quando sono vivi entrambi la loro relazione è tabernacolo di Gesù. Gesù ha posto la sua tenda nella relazione degli sposi. Lo sappiamo noi? Ne siamo consapevoli? Lo sapete che mettervi in ginocchio uno di fronte all’altro e pregare equivale a fare adorazione? Non ci credete? Il nostro vescovo Mons. Beschi durante un incontro con gli sposi fece esattamente questo gesto. Si inginocchiò davanti a loro per evidenziare come nella loro relazione sponsale ci fosse la reale presenza di Gesù.  Il nostro amore di sposi è quindi tabernacolo di Dio. Matrimonio ed Eucarestia sono molto simili proprio per questo. Entrambi hanno in sè Gesù vivo, concreto e reale, anche se con modalità diverse. Quel luogo dove l’io esce dal sè per trovare un tu col quale fondersi in una nuova realtà che è una duità che diventa trinità in virtù dell’amore che gli unisce. Due persone diverse e distinte che unite dall’amore divengono un’unica realtà. L’immagine umana più simile a Dio. Quel luogo che troppo spesso è sporcato e dissacrato dal nostro egoismo e dai nostri peccati. Quel luogo dove Dio ha posto la sua tenda per incontrarci, sostenerci, amarci e riempirci di Lui è troppo spesso calpestato e ignorato dagli sposi. La nostra relazione, luogo dove dimora Dio, dovrebbe essere curata e nutrita con tutte la nostra volontà e impegno per renderlo luogo degno, per quanto possibile.  Ecco abbiamo questa grande opportunità. Sfruttiamo queste settimane senza sacramenti per riscoprire il nostro matrimonio. Matrimonio che è sacramento e non vale meno degli altri. Impegniamoci a fondo per viverlo in pienezza nella cura e tenerezza reciproca e la nostra casa sarà piena della presenza di Gesù.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Per acquistare il libro Sposi sacerdoti dell’amore cliccate qui

Per acquistare il libro L’ecologia dell’amore cliccate qui

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...