Quello che Dio dice di me … Quella è la verità

Una trilogia sicuramente non basta per documentare l’inspiegabile della fede in un evento che, indistintamente, ha cambiato di fatto la storia dell’umanità: la risurrezione del Signore Gesù.

No, poche righe non bastano, non bastano neanche per spiegare cosa c’è dietro un cuore ferito, nelle parole di qualcuno che soffre, nell’amore non amato e nell’amore amato da una carne e un sangue che si fanno carezza, parola rassicurante e sostegno inamovibile. Anche Giovanni alla fine del suo vangelo scrive: “Vi sono ancora molte altre cose compiute da Gesù che, se fossero scritte una per una, penso che il mondo stesso non basterebbe a contenere i libri che si dovrebbero scrivere”. Gv 21,15

Già, il mondo non basta per contenere la storia di Cristo, ma il mondo è anche troppo minuto per contenere il vissuto di ciascuno di noi, perciò, ogni vissuto è così prezioso.

C’è però forse un cuore, una vita, una donna che può aiutarci a riassumere l’uno e il molteplice ed è l’apostola degli apostoli, colei che la Chiesa canta nel victimae paschali, implorandola di dirci cosa ha visto con gli occhi delle sue lacrime e cosa ha sentito con l’ascolto delle parole del maestro: “ Dic nobis Maria quid vidisti in via?

Maria di Magdala.

Questa figura evangelica ci fa capire quanto quello che dicono gli altri, quando ci equivocano con etichette, sia compromettente per la nostra identità. Fin dall’antichità è stata associata, forse per omonimia, a Maria di Betania, poi confusa con l’adultera o la prostituta e, anche oggi, una certa cinematografia la sovrappone a colei che fu consegnata dai capi del popolo al giudizio legiferante del Signore Gesù.

Ma cosa dicono i vangeli di Maria di Magdala?

Lc 8,2 è molto chiaro: Maria di Magdala era semplicemente una donna guarita, una donna dalla quale erano usciti sette spiriti cattivi. Già l’identità di questa celebre testimone del Risorto inizia a scremarsi da ogni contaminazione, per darci la sua vera profondità e ricchezza! I demoni erano sette. Sette era il numero della sazietà, tanto che il giorno in cui Dio trova la Sua pienezza nel vedere la creazione, decidendo di godersi il Suo riposo, la Sua sazietà, è proprio il settimo giorno. Questo può significare che in quella donna abitava non la creazione, ma la distruzione, non la sazietà, ma la fame, non il riposo, ma l’ansia di non essere amata.

Il numero sette è anche importante per un altro fatto. In ebraico il “settimo” è “shbi’im” e ha la stessa radice del verbo giurare/promettere ni-sheba’”. Da questo possiamo desumere la grande guarigione operata dal Signore Gesù, la Sua opera di salvezza in Maria: le ha ridonato una promessa, le ha dato un’altra volta la dignità di “giurare” su se stessa, cioè di credere in se stessa, di dirsi che è bella, che è forte e fragile, di essere sicura perché ha fatto tutto il possibile e anche l’impossibile. Questa è la guarigione del NOI, che passa attraverso la salvezza dell’IO, un IO su cui nessuno può mettere le mani, di cui nessuno ha il diritto di usurpare la dignità, perché quei sette demoni sono stati spazzati via facendo posto ai sette doni dello Spirito di Dio.

La Maddalena, però, dovrà affrontare un ultimo nemico, un’ultima prova, davanti a quel sepolcro vuoto, in quel mattino freddo e desolato delle stradine tortuose di una Gerusalemme che dorme mentre dovrebbe essere sveglia.

Maria piange! Piange perché ciò che rimaneva del suo Signore non c’è più! Ma è lo stesso Signore che le fa quella domanda liberante e sanante: “Perché piangi?” La donna risponde con la voce di tutte le donne che avrebbero voluto fare di più e non ce l’hanno fatta o che hanno dato tutto, ma quel tutto non è bastato. Maria sembra essere tornata nell’insicurezza di chi si crede sola e incompiuta, ma Gesù la chiama per nome e le rifà quella promessa, le rifà quel giuramento: “Non piangere, perché tu sei la mia sazietà, la mia gioia. Tu sei il mio giuramento. Io so che tu mi ami.” In quel momento Maria risorge, perché non c’è forza più grande che sapere e sentirsi dire da chi amiamo che sa che l’amiamo con tutto il cuore.

Questo è il vangelo, questo è l’annuncio che la Chiesa ha bisogno di sentirsi dire dalla Maddalena: Lui ti ama e Lui sa che lo ami.

Che il Signore risorto aiuti ogni IO ad essere apostolo per sé e nel NOI di questo strepitoso annuncio.

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...