Quando la pasta scuoce …

Il mese di Gennaio ci ha riservato la gioia di contemplare le meraviglie della creazione del Padre in alcuni giorni in cui il cielo era sereno, l’aria tersa, i monti pieni di neve, le notti stellate e illuminate dalla luna piena; tranquilli non lavoriamo per nessuna agenzia meteorologica , però in questi giorni (almeno così qui a Brescia) è come se il Signore ci incoraggiasse ad andare avanti nel cammino di santità con entusiasmo attraverso il linguaggio della natura che ci circonda.

Ogni tanto il buon Padre risveglia in noi lo stupore del creato come nessun altro sa fare ; un po’ per destarci dall’intorpidimento del mondo ; un po’ per ritrovare il tempo di guardare un tramonto in una vita caratterizzata dalla frenesia del tutto e subito ; un po’ per consolarci nel cammino arduo della vita.

Ammirando spesso la tavolozza dei colori del cielo di questo Gennaio, non possiamo non pensare a come saranno più belli, più vividi e più splendenti i colori del Paradiso ; contemporaneamente il Signore ci parla attraverso la sua Parola proclamata solennemente nella Liturgia eucaristica che in questo tempo è ricca di incoraggiamenti e consolazioni…. come il salmo 36 nella Santa Messa di venerdì scorso 29 Gennaio.

Confida nel Signore e fa’ il bene: abiterai la terra e vi pascolerai con sicurezza. Cerca la gioia nel Signore:
esaudirà i desideri del tuo cuore. Affida al Signore la tua via, confida in lui ed egli agirà : farà brillare come luce la tua giustizia, il tuo diritto come il mezzogiorno. Il Signore rende sicuri i passi dell’uomo e si compiace della sua via. Se egli cade, non rimane a terra, perché il Signore sostiene la sua mano. La salvezza dei giusti viene dal Signore : nel tempo dell’angoscia è loro fortezza. Il Signore li aiuta e li libera,
li libera dai malvagi e li salva, perché in lui si sono rifugiati.

Come non commuoversi di fronte a tanta premura nei nostri confronti…. come non affidarsi ad un Dio che promette tanto e che poi mantiene sempre superando di gran lunga le nostre più ottimistiche aspettative ?

Tante coppie di sposi non confidano nel Signore e poi si lamentano, si sentono sfiduciate, abbandonate, sole e si intristiscono sempre più in una voragine che le risucchia dal di dentro….. ma senza il Signore Gesù non possiamo pretendere una vita ricca….. un santo sposo e papà bresciano , Beato Giuseppe Tovini diceva : << Senza la fede i nostri figli non saranno mai ricchi, ma con la fede non saranno mai poveri ! >>…… parole sante….. è proprio il caso di dirlo !

Ma questa realtà vale anche per noi sposi…. con la fede non saremo mai poveri . Il Salmo dice di confidare nel Signore e di fare il bene senza disgiungere le due azioni.…. sì perchè il cristiano, o meglio, il giusto (per dirla come il salmista) non si salva per le proprie azioni, ma per la grazia di Cristo.

E’ inutile fare e disfare mille cose nella nostra giornata senza confidare nel Signore.... è inutile smacchiare le camicie, è inutile andare al lavoro, è inutile accompagnare i figli a scuola, è inutile preparare la cena, è inutile cambiare i pannolini, è inutile fare i regali floreali alle spose, è inutile lavare l’auto della moglie, è inutile pagare le tasse universitarie ai figli, ecc…. è inutile, cioè non è utile, già, ma utile per cosa ?

Tutte queste ( e le altre non citate ) azioni devono avere una utilità per la nostra conversione, devono essere utili per la nostra eterna salvezza, devono cioè giovare alla salvezza della mia anima e di quella del mio coniuge, devono farci vivere come il giusto descritto nel Salmo sopracitato….. farà brillare come luce la nostra giustizia, rende sicuri i nostri passi, se cadiamo non restiamo a terra perchè il Signore sostiene la nostra mano, Egli ci aiuta, ci libera e ci salva dai malvagi perchè ? Perchè ci siamo rifugiati in Lui.

Sposi belli, Gesù è il Verbo di Dio, Gesù è proprio quella Parola di Dio, la Parola del Salmo che è diventata carne, Gesù rende reale e viva la promessa del Padre raccontata in questo magnifico Salmo.

Qualcuno di voi si starà infine chiedendo cosa c’entra il titolo con questo articolo…… quando noi facciamo tutto quello che dobbiamo fare nella nostra giornata di uomini, donne, sposi, genitori, figli, nonni, lavoratori, vicini di casa, catechisti, ma….. non confidiamo nel Signore, diventiamo come la pasta che sta troppo in cottura e diventa scotta, immangiabile e indigeribile, non è gustosa e non riesci neanche ad infilzarla perchè si sfalda appena vede la forchetta !

Coraggio sposi, dobbiamo far diventare il nostro matrimonio come una succulente pasta cotta al dente, giusta per essere gustata dagli altri e infine da Gesù.

Giorgio e Valentina.

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp 

Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri Influencer dell’amore – L’ecologia dell’amore – Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...