Siete una meraviglia! Dovete solo crederci

Siamo di ritorno da un incontro durato tre giorni. Un incontro dove, con altre ventitre coppie, abbiamo approfondito il nostro essere profeti dell’amore. Essere cioè capaci di mostrare lo stesso amore di Gesù. San Giovanni Paolo II ha sintetizzato il profetismo degli sposi benissimo:

La famiglia è lo specchio in cui Dio si guarda e vede i due miracoli più grandi che ha fatto: donare la vita e donare l’amore.

La nostra missione di sposi passa quindi attraverso la vita di tutti i giorni. Una vita fatta di relazione, di lavoro, per chi li ha di figli. Una vita arricchita dalla presenza dell’altro, ma a volte anche appesantita da una relazione che non sempre ci permette di condurre la nostra barca sotto il sole caldo e con il mare calmo. Il nostro viaggio può trasformarsi in una navigazione in acque tempestose e difficili. Il matrimonio è questo e la nostra missione consiste proprio nel mostrare l’amore di Dio in ogni circostanza. Non sempre è facile, ma è sempre possibile, grazie allo Spirito Santo che abita il nostro matrimonio.

Perchè ho iniziato con questa premessa? Perchè da questo corso c’è una consapevolezza che mi porto a casa, più di altre bellissime cose che ci siamo detti e di cui abbiamo fatto esperienza. Cercherò di raccontarvela. Una persona al tavolo con noi, già durante la prima sera, a cena, ha domandato: perchè restiamo stupiti della bellezza delle coppie qui presenti e invece facciamo fatica a vedere la nostra coppia come altrettanto bella? Una domanda intelligente e interessante. In quel momento ho dato la mia opinione, come hanno fatto altri presenti, ma poi quella domanda mi è rimasta dentro come un seme. Probabilmente Gesù mi voleva provocare proprio su questo.

La risposta mi è arrivata verso la fine del corso. Una coppia ci ha chiesto un colloquio. Una coppia carica di fatica, di un passato con le famiglie di origine, di incomprensioni, di ferite che si sono inferti vicendevolmente, di muri posti nella relazione intima e quindi con l’aggravante di essere incapaci a donarsi nel corpo. Insomma una coppia fragile e imperfetta. Una coppia nella sofferenza. Eppure io più li ascoltavo, ma soprattutto più li guardavo e più ammiravo in loro una bellezza grande. Una bellezza che loro non riuscivano a scorgere. Una bellezza lì pronta a diventare luce per tanti. E mi è arrivata anche la risposta alla domanda della prima sera.

Loro non vedevano altro che i loro problemi. Loro erano sintonizzati sulla fatica della loro relazione, sui loro litigi, sulle loro miserie, sulla loro incapacità. Insomma vedevano la relazione dall’interno della loro coppia e della loro storia. Da quella prospettiva non riuscivano ad avere uno sguardo d’insieme. Io, da persona esterna, avevo una visuale diversa più ampia, vedevo l’orizzonte della loro storia. Cosa vedevo? Non mi hanno colpito le loro difficoltà e le loro miserie. In quelle non c’è nulla di straordinario. Anche io e Luisa abbiamo le nostre. Diverse ma comunque miserie. Ciò che mi ha colpito è altro. Vedevo lo sguardo di due persone molto consapevoli delle loro fragilità e dei loro limiti, ma altrettanto determinate a dare tutto per quella relazione. Altrettanto determinate a provare, almeno provare, a perdonarsi e ricominciare. Due persone disposte ad inginocchiarsi davanti a Gesù per offrire le loro sofferenze e per chiedere il Suo aiuto.

Loro erano concentrati sulla fatica io vedevo già il risultato di quella fatica. Lo vedevo e mi commuovevo. Loro, che si vedevano così piccoli e così brutti rispetto ad altre coppie, erano bellissimi, almeno ai miei occhi. Lì sono io che mi sono sentito piccolo davanti a loro, perchè non ho mai dovuto affrontare fatiche grandi come le loro. Loro sono stati profeti per me, perchè mi hanno dato conferma che ce la si può sempre fare. Sono venuti per farsi aiutare e in realtà sono loro che mi hanno dato tanto.

Coraggio, carissimi sposi che vedete la vostra famiglia così imperfetta e piena di limiti in confronto ad altre. Voi siete già una meraviglia. Ciò non significa che non fate e farete fatica o che la vostra relazione sarà sempre caratterizzata da concordia e complicità. Voi siete bellissimi perchè nonostante la fatica e i litigi siete capaci di perdonarvi e di ricominciare. Certo, alla fine a quella coppia abbiamo poi dato dei consigli pratici, ma sono sicuro che la loro volontà e la loro fede li hanno già salvati.

Voglio concludere con le parole che fra Cristoforo rivolge a Renzo e Lucia ne I promessi sposi. Due innamorati che finalmente dopo tutte le peripezie sono pronti a sposarsi. E’ una vera benedizione che il frate rivolge a Renzo e Lucia e con loro alla coppia che abbiamo ascoltato durante il corso e con loro a tutte le coppie del mondo:

Seguì a dirle (a Lucia ndr) il cappuccino: chiedete di nuovo al Signore le grazie che Gli chiedevate, per essere una moglie santa; e confidate che ve le concederà più abbondanti, dopo tanti guai. E tu, – disse voltandosi verso Renzo, – ricordati, figliuolo, che se la Chiesa ti rende questa compagna, non lo fa per procurarti una consolazione temporale e mondana, la quale, se anche potesse essere intera, e senza mistura di alcun dispiacere, dovrebbe finire in un gran dolore, al momento di lasciarvi; ma lo fa per avviare tutti e due sulla strada della consolazione che non avrà fine. Amatevi come compagni di viaggio, con questo pensiero d’avere a lasciarvi, e con la speranza di ritrovarvi per sempre.

I promessi sposi capitolo XXXVI

Antonio e Luisa

Entrate nel gruppo whatsapp  o Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri Influencer dell’amore – L’ecologia dell’amore – Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui oppure per seguire i nostri podcast cliccate qui

2 Pensieri su &Idquo;Siete una meraviglia! Dovete solo crederci

  1. Grazie Antonio,
    se penso a quanto tengo alla mia famiglia e quante avventure e sfide vinte insieme a mia moglie e a quanti alti e bassi ci sono stati anche io mi sento come quella famiglia piena di fragilità. Eppure mi rendo conto che da tutte le parti, sia da parte di mia moglie, che mia e dei miei figli le difficoltà di relazione non sono mai state causate da mancanza di amore ma da mancanza di riuscire a comunicarlo nel modo che ci avvicinasse invece che ci allontanasse e ci facesse chiudere nelle nostre incomprensioni, nei nostri vittimismi, nelle nostre ferite. Perchè dico questo? Perchè come dici tu quando è accaduto di riuscire a trovare la chiave giusta non sono mancate le lacrime, le dichiarazioni di amore spirituale, sentimentale e fisico! In quei momenti tocchi il cielo con un dito e ringrazi il Signore del paradiso che possiamo vivere anche quaggiù!!
    Serve questo Antonio: aiutare le famiglie a capire che le diversità, le incomprensioni, sono nelle strategie per soddisfare i nostri bisogni reciproci, ma questi sono gli stessi, non solo per la coppia ma per tutti gli uomini, perchè proveniamo dalla mano dello stesso Progettista che ci ha creati così!!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...