Gesù non chiama i capaci…

“Gesù non chiama i capaci ma rende capaci gli incapaci che chiama” disse una volta un saggio sacerdote.

Cari sposi, vorrei approfondire con voi un aspetto presente in questo Vangelo, un qualcosa che tocca profondamente anche la mia vita di sacerdote. Mi ha sempre colpito la reazione di Pietro quando si rende conto che, contraddicendo le più elementari leggi della pesca, ha messo in rete un intero banco di pesci in pieno giorno. Modestamente sono pescatore (domenicale) pure io, benché non usi le reti, e semmai la mia reazione sarebbe stata un sonoro urlo di gioia. Pietro invece pare non ringraziare l’autore della retata ma vorrebbe piuttosto squagliarsela sul più bello.

Che accade? Pietro sta toccando con mano il Mistero di Dio, si rende conto che nella sua vita, così apparentemente ordinaria e tranquilla, è entrato il Santo dei Santi, Dio in persona, e sente quindi la sua indegnità e incapacità. In tutto ciò, come tante altre volte, Pietro è estremamente sincero, vero, trasparente nei suoi modi.

Quante volte, nel mio piccolo, ho fatto la medesima esperienza! Quella di toccare con le mie mani quanto sono piccolo, indegno, meschino, inadatto. Da lì, è scaturita spontanea una gran voglia di mollare tutto: non ne vale la pena, non sono adatto, non fa per me…

Mi consta che questa è anche l’esperienza di voi coniugi. Quando, con il passare degli anni, le fragilità e le mancanze diventano sempre più crude e reali, la reazione è la stessa: ci si vorrebbe allontanare da Dio e magari anche dal proprio consorte. Quella zavorra toglie ogni entusiasmo, spegne le migliori intenzioni, fa dimenticare anche tutto il bene presente e passato. In effetti, il peccato ha come conseguenza proprio l’allontanamento da Dio, il peccato divide, isola, distacca da Chi ci ama.

Che fare?

Ancora una volta è Pietro a darci l’esempio, quello buono però. Nonostante provi tutto questo marasma di sentimenti negativi, comunque fa la cosa giusta: si fida di Gesù.

Anche qui posso dire che è vero per esperienza. Quando il Signore mi ha messo alla prova, ogni atto di fiducia in Lui è stato sempre ampiamente ricompensato, come anche quando ho tentato di appoggiarmi sulle mie false certezze è seguito un flop.

Possiamo pensare, come ci insegna il mainstream, che “chiodo scaccia chiodo” oppure buttarsi sul versante psicologico o, perché no? Su quello di spiritualità “alternative”.

La risposta alla nostra povera fragilità sta sempre nell’atto di abbandono radicale in Dio, l’unico in grado di salvarci. Concludo con un passo della recente Lettera del Santo Padre Francesco agli sposi in occasione dell’anno “Famiglia Amoris Laetitia”: “È importante che insieme teniate lo sguardo fisso su Gesù. Solo così avrete la pace, supererete i conflitti e troverete soluzioni a molti dei vostri problemi. Non perché questi scompariranno, ma perché potrete vederli in un’altra prospettiva. Solo abbandonandovi nelle mani del Signore potrete affrontare ciò che sembra impossibile. La via è quella di riconoscere la fragilità e l’impotenza che sperimentate davanti a tante situazioni che vi circondano, ma nello stesso tempo di avere la certezza che in questo modo la forza di Cristo si manifesta nella vostra debolezza”.

Buon cammino e Dio vi benedica. 

ANTONIO E LUISA

Quante volte ci siamo sentiti come Pietro. Riconoscersi indegni è indispensabile per aprire il cuore a Gesù. Solo riconoscendo quindi la nostra grande fragilità e la nostra ancor più grande infedeltà nei confronti di Gesù saremo capaci di accogliere la Sua Grazia nella nostra storia, anche quando è dolorosa e difficile. Riconoscersi fragili e infedeli è l’unico modo per abbattere le barriere che ci sono tra noi e Lui e anche tra di noi. La FEDE non è altro che questo. Accogliere l’amore di Dio che ci ama per primo. Solo allora smetteremo di fare di testa nostra e saremo pronti a gettare le reti sulla Sua Parola.

Per acquistare i nostri libri Influencer dell’amore – L’ecologia dell’amore – Sposi sacerdoti dell’amore – Sposi profeti dell’amore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...