Liberi con Dio o schiavi con l’io

Sento spesso dire che tra due sposi e due conviventi non c’è alcuna differenza.  Sento dire che i matrimoni non durano e che è meglio convivere, perché la convivenza basa la sua esistenza sull’amore e non su un obbligo contrattuale come quello matrimoniale. Ma quale amore? L’amore insegnato e vissuto da Gesù oppure l’amore da soap opera dei nostri tempi dove tutto si riduce a sentimento e passione erotica? Tutto nella nostra società sta diventando fluido. Addirittura ciò che siamo è fluido. Vogliono insegnarci che non siamo uomo e donna, ma siamo ciò che ci percepiamo e, quindi, nell’arco dell’esistenza possiamo cambiare più volte il nostro genere, scegliendo tra decine di possibilità. Il sentire è il padrone della nostra vita. Abbiamo cancellato Dio e lo abbiamo sostituito con l’io. L’io più bieco ed egoista che mette al centro della propria vita i desideri, i sentimenti e le pulsioni, e l’altro/a viene preso e lasciato in funzione di questa dinamica perversa.

Diventiamo schiavi e infelici. Non ne paghiamo le conseguenze solo noi, condannandoci a una vita schiava di noi stessi, che non si apre, che non diventa dono e che quindi non ci realizza. Condanniamo i nostri figli a pagare il tributo più alto, perché la nostra felicità viene prima di tutto, anche se con questo feriamo profondamente le persone che più ci amano. La psicologia moderna questo insegna: se noi saremo felici, saremo capaci di rendere felici anche chi ci circonda. Quante bugie che ci raccontiamo e ci raccontano.

Solo rimettendo Dio al centro, tutto cambierà e saremo capaci di non vedere il nostro rapporto di coppia come una realtà che ruota attorno ai nostri bisogni e che è in nostro possesso e che possiamo disfarcene quando non è più utile, ma come una realtà che ci libera da noi stessi, che ci permette di aprirci all’altro e ai suoi bisogni, che non è in nostro possesso, ma, al contrario, che ci permette di donarci totalmente e liberamente alla nostra sposa e al nostro sposo.

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...