L’amore dura tre anni?

Oggi voglio condividere un testo dello scrittore francese contemporaneo  Frédéric Beigbeder, tratto dal suo libro “L’amore dura tre anni”. Racconta in modo chiaro e drammatico quella che è la dinamica che tante coppie assumono e subiscono nella loro relazione, che le porta inesorabilmente al fallimento. L’ho voluta condividere perchè trasmette tutta la tristezza e la solitudine che tanti sposi devono affrontare semplicemente perchè non centrano il vero scopo del matrimonio che non è dare valore legalistico e assoluto ai sentimenti, per ottenerne un riconoscimento anche pubblico, ma al contrario dare ai sentimenti un limite, oltre il quale non si possono assecondare, per non cadere nel baratro del fallimento, della precarietà e della irresponsabilità.

Frédéric Beigbeder scrive:

 

La nostra generazione è troppo superficiale per il matrimonio. Ci si sposa come si va al McDonald’s. Poi, si fa zapping. Come vorreste che si restasse tutta la vita con la stessa persona nella società dello zapping generalizzato? In tempi in cui le star, gli uomini politici, le arti, i sessi, le religioni sono più intercambiabili che mai, perché il sentimento amoroso dovrebbe fare eccezione alla schizofrenia generale?

E poi prima di tutto da dove ci viene questa strana ossessione di ingegnarci ad ogni costo per essere felici con una sola persona?

Su 558 tipi di società umane solo il 24% è monogama, la maggior parte della specie animale è poligama.

Il matrimonio è caviale a ogni pasto: un’indigestione di ciò che adorate, fino alla nausea. “Su, prendetene ancora un po’… Come? Non ne potete più? Ma se lo trovavate delizioso poco fa, che vi succede, si può sapere?”. La potenza dell’amore, il suo incredibile potere, doveva terrorizzare la società occidentale a tal punto da farle creare questo sistema mirato a disgustarvi di ciò che amate.

Un ricercatore americano ha recentemente dimostrato che l’infedeltà è biologica. L’infedeltà secondo questo celebre scienziato è una strategia genetica atta a favorire la sopravvivenza della specie.

Immaginatevi la scena. “Amore, non ti ho tradito per un mio piacere personale, l’ho fatto per la sopravvivenza della specie. Tu puoi anche fregartene ma qualcuno deve pur farsi carico di questa sopravvivenza della specie, se credi che io mi diverta..”

Non sono mai soddisfatto, quando una ragazza mi piace voglio innamorarmene, quando ne sono innamorato voglio baciarla, quando l’ho baciata voglio andarci a letto e quando ci sono andato a letto voglio vivere con lei in un appartamento ammobiliato, quando vivo con lei in un appartamento ammobiliato voglio sposarla, quando l’ho sposata incontro un’altra ragazza che mi piace.

L’uomo è un animale insoddisfatto, esitante tra diverse frustrazioni, se le donne volessero giocare d’astuzia li negherebbero per farsi correre dietro tutta la vita. L’unica domanda in amore è: A partire da quando si comincia a mentire? Siete sempre così felici di rientrare a casa e trovare la stessa persona che vi aspetta? Quando dite ti amo lo pensate sempre? Ci sarà per forza è fatale un momento in cui per voi sarà uno sforzo, in cui i vostri ti amo non avranno più lo stesso sapore. Per me lo scatto è stata la rasatura, mi rasavo tutte le sere per non pungere Annie baciandola di notte e poi una sera lei dormiva già, ero uscito senza di lei fino all’alba, tipico genere di comportamento ignobile che ci si permette con la scusa del matrimonio, non mi sono rasato, pensavo che non fosse grave perché lei non se ne sarebbe accorta, invece significava semplicemente che non l’amavo più.

Leggendo questa breve ma molto interessante riflessione, mi è tornata in mente una ricerca di qualche tempo fa dove Gleeden.com, il sito leader degli incontri extraconiugali, ha condotto uno studio insieme all’istituto IPSOS su un campione di 803 italiani di età compresa tra i 18 e i 65 anni per meglio capire il loro comportamento  e fedeltà nella loro relazione affettiva (non esclusivamente matrimoniale). I risultati sono sorprendenti (almeno per me). Il 15% degli italiani tradisce entro i primi mesi della relazione. Al primo anno sono già il 20% fino ad arrivare a uno su tre entro il quinto anno. Altro dato interessante è la differenza di comportamento tra uomo e donna. L’uomo parte più fedele della donna, almeno per i primi tempi, per poi raggiungere e superare la donna nei primi anni di matrimonio. La donna è meno fedele all’inizio per poi, una volta consolidato il rapporto raggiungere una maggior fedeltà dell’uomo, fino a quando dopo circa cinque anni, torna a tradire.

Perchè tutti questi tradimenti? Perchè non si riesce a trovare gioia e anche piacere sessuale all’interno della coppia? Non voglio parlare di sacramento ma semplicemente di relazione affettiva umana. Semplicemente non si è capaci di amare. I ragazzi di oggi conoscono tutto e molto precocemente sul sesso, e ne fanno esperienza. Ma sono esperienze felici e soddisfacenti? Spesso no. Dove imparano i ragazzi quello che sanno sul sesso e sulla relazione affettiva? Imparano dagli amici e soprattutto dalla pornografia, sempre più fruibile in modo anonimo e semplice, dove si beve un modo completamente sbagliato di vivere queste esperienze. L’uomo non impara a vivere quel gesto con la giusta profondità e senza conoscere le giuste dinamiche che guidano il cuore femminile e che caratterizzano il corpo femminile. L’uomo, istruito dalla pornografia non è capace di trasmettere amore ma fa spesso sentire la donna usata e alla fine anche insoddisfatta.  La coppia, così facendo, pian piano corrompe la propria intesa affettiva e sessuale. Trasponendo questa modalità e stile di relazione sessuale nella famiglia, dove ci si ritrova a vivere le fatiche di un’ordinarietà fatta di lavoro, impegno e presto anche figli, è in agguato il deserto sessuale. La donna non sentendosi corteggiata ma usata si nega sempre più spesso e l’uomo vive con frustrazione e disagio questa situazione non comprendendone il motivo. Deserto affettivo e sessuale, d’improvviso i sentimenti spariscono e rimane la gabbia di una situazione che non piace più, che anzi spesso diventa un inferno, pieno di ferite date e ricevute e di sofferenze latenti che avvelenano il rapporto. Da questa situazione al ricercare fuori dalla coppia quello che si è perso, il passo è breve. Noi genitori, se abbiamo capito tutto questo e  cerchiamo tra di noi di vivere la sessualità all’interno di un corteggiamento continuo, fatto di attenzioni e tenerezze, se abbiamo compreso come mantenere sempre viva la nostra relazione sessuale, e se riteniamo fondamentale la felicità dei nostri figli, insegniamo loro cosa significa amare, cosa significa nutrire un rapporto, cosa significa l’amplesso fisico (naturalmente tutto in proporzione all’età del bambino). Non lasciamo questo importante fattore della formazione della persona umana, alla scuola pornografica. Non lasciamo che ci venga scippata l’occasione di insegnare qualcosa di bello ai nostri figli. Solo se recuperiamo la bellezza della sessualità umana, fatta di rispetto, di tenerezza, di dialogo, di conoscenza del proprio corpo e di quello del coniuge, possiamo salvare i matrimoni. E’ inutile parlare di sacramento se lo stesso non si fonda sull’amore umano degli sposi. La Grazia del  matrimonio non è una magia, ma è una realtà soprannaturale che trascende l’amore degli sposi che va vissuto in modo autentico e pieno.

Antonio e Luisa.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...