Tobia e il pesce

image

Inserisci una didascalia

La precedente riflessione sul demone Asmodeo, ha portato alla mia memoria un bel ricordo, quello del corso fatto diversi anni fa, dai frati minori di Assisi, “Fondamenti biblici dell’amore”.
Ricordo perfettamente che mi colpì molto il fatto che Tobia trovò i medicamenti per affrontare Asmodeo, nel pesce che tentò di “divorare il piede del ragazzo” (Tb 6,2). Nelle culture antiche, come anche nella Bibbia, il piede è spesso simbolo dell’organo genitale. Questa vicenda di Tobia ci insegna che la medicina per la relazione sponsale, sta nel pudore e nella custodia della nostra sessualità, soprattutto per noi uomini, ma Tobia nel racconto “appare incauto, superficiale, impaurito” (La lotta tra il demone e l’angelo, Gillini Zattoni, Michelini, p.111), poiché di notte si avvicina ad un fiume pericoloso. Dall’acqua viene il male che ti si scaglia contro, che ti aggredisce dall’esterno, ma anche il male che ti aggredisce dall’interno, in quanto nel momento della paura, fai esperienza di un abisso che ti si spalanca dentro, l’acqua funge da specchio (Il libro di Tobia. Lettura spirituale, P. Stancari, pp. 44-47). Per grazia di Dio, Tobia nello spavento invoca aiuto, e sempre per grazia non è solo, ma c’è l’angelo che gli dice di lottare: “afferra il pesce e non lasciarlo fuggire”(Tb 6,3). La tua vita è nelle tue mani, tu puoi lottare per custodire mente e cuore. Questa lotta non è fine a se stessa, anzi Tobia nel pesce trova nutrimento e medicina per gli altri: “Il ragazzo squartò il pesce, ne tolse fiele, il cuore e il fegato. Arrostì una porzione del pesce e la mangiò; l’altra parte la mise in serbo dopo averla salata.” (Tb 6,5). L’uomo è chiamato a lottare per custodire, a fare sacrifici (sacrum facere) per rendere sacro ciò che fa, è un combattimento in alcuni momenti “solitario, quasi eroico” (La lotta tra il demone e l’angelo, Gillini Zattoni, Michelini, p.113) dal quale nessuno può dispensarci, ma si scoprono in noi stessi risorse che non conoscevamo, doni, forze e talenti elargiti in abbondanza nei sacramenti dallo Spirito Santo. Tobia ricava il cuore, il fegato e il fiele dal pesce perché dal male che noi affrontiamo e vinciamo scaturisce per noi ogni benedizione (cfr. Il libro di Tobia. Lettura spirituale, P. Stancari, pp. 44-47), Tobia scaccia il demone e può sposare Sara, oltre a benedizioni e guarigioni per chi ti sta intorno, il fiele sugli occhi del padre di Sara lo guarisce dalla malattia.
Perché vale la pena lottare per custodire la sessualità e viverla come Dio l’ha pensata? Perché credo fermamente che Dio, nel suo immenso amore, ci abbia fatto un dono meraviglioso, mettendo l’atto della procreazione in cui collaboriamo con la Sua opera creatrice, nel regalo più bello che due sposi possano farsi. Queste semplici riflessioni sono prima di tutto per chi scrive, perché ho sperimentato la sofferenza e l’incapacità alla lotta che tanto male ha portato nella mia famiglia, ma ora testimonio con gioia e gratitudine la misericordia e la grazia di Gesù Cristo nostro Signore e Salvatore, che guarisce e conduce la nostra vita, nonostante i nostri limiti e la nostra povertà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...