Dov’è il mio posto?

Dov’è il mio posto? Proprio quello dove sei! Ogni giorno il nostro posto è accanto alle persone che amiamo e a quelle che amiamo meno, anche quelle proprio che non digeriamo. Il nostro posto, la nostra missione è nel quotidiano. Gesù era Dio, il suo posto era il trono dell’Onnipotente, il suo regno il Cielo, eppure ha accettato il suo posto. Ha accettato una grotta e una mangiatoia per nascere, quando lui era un Re e poteva avere tutto; ha accettato di sottostare per trent’anni della sua vita a due genitori, che si meravigliano loro stessi delle sue domande, quando era Lui Padre; ha accettato di essere giudicato, quando Lui era Giudice; ha accettato di essere condannato, deriso e umiliato da un potere effimero, quando Lui era l’Onnipotente. Ha accettato la morte in Croce, quando era Lui il Vincitore della morte.

A volte siamo portati a pensare che forse abbiamo tanti doni, che forse potremo servire ad altro, in altri posti, che le persone che ci circondano non ci meritano, ma il Signore dice che noi serviamo proprio lì dove ci ha messi. Madre Teresa con il suo Amore avrebbe forse fatto tanto bene in tanti posti di potere, ma lei ha servito il Signore proprio lì dove l’ha messa. E così tanti altri santi. Accogliamo con gioia dove Dio ci mette, è lì che dobbiamo mostrare la sua grandezza.

Non cerchiamo cose grandi, quando non siamo grandi nel piccolo. La costruzione della Chiesa è partita da poveri pescatori, da persone che nessuno avrebbe scelto per fondare neanche il comitato di classe. Se siete poveri, ignoranti, peccatori allora Gesù è venuto per fare cose grandi nella vostra Vita.

Se non vi sceglie per posti privilegiati, ma per essere servi ultimi, allora siete nel posto migliore, siete dove Lui è stato duemila anni prima. Se siete derisi e umiliati, se siete osteggiati e traditi, allora gioite ed esultate perché vi sta facendo dono di Se stesso. Se vi scartano, vi mettono da parte, anche nella Chiesa, ricordate che Lui è stato scartato e messo da parte da tutti i più saggi ed eruditi del tempo.

Se un giorno sarete in posti terreni più alti, scendete da essi e ponetevi come ultimi. Un buon capo è colui che gestisce il grande, preoccupandosi del piccolo. E’ colui che cura i dettagli, le relazioni con i piccoli, per poter servire al meglio nelle cose più grandi. Perché la grandezza si nasconderà sempre nei piccoli, negli umili e nei poveri: è in loro che si cela la sapienza di Dio. Lui si è fatto piccolo per mostrare la sua grandezza, povero per mostrare la sua ricchezza, umile per mostrare la sua sapienza.

Se state facendo discernimento, se volete capire Gesù cosa vi chiama ad essere, se la persona al vostro fianco è quella giusta, non è in questo articolo che troverete una risposta! Posso solamente dire che Gesù la strada l’ha già tracciata: “Ama il prossimo come te stesso, e seguimi perché sono la via, la verità e la vita”. Senza accorgervene la strada la starete già percorrendo, e alla fine di questo percorso avrete trovato voi stessi.

Mi è capitato in passato, nei convegni che organizzavo, di perdere l’attenzione per il quotidiano. Le cose che facevo erano belle e sante, però perdevo i dettagli. Invece nell’ultimo anno ho riscoperto quella attenzione per le piccole cose: un sorriso mentre guido nel traffico, l’ascoltare un amico, l’attenzione per le piccole problematiche di coppia (le donne hanno il potere della moltiplicazione… anche dei problemi), la preziosità dei silenzi, l’accorgermi delle tante “carezze di Dio” durante la giornata. Ed è qui che pian piano Dio mi sta dando il dono di riconoscerlo (perché non si smette mai di conoscerlo nuovamente). Non so dove vado, ma so che sarà Lui a guidarmi, se avrò l’attenzione di ascoltarlo e di vederlo nelle cose di tutti i giorni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...