Castità tra ipocrisia e pienezza

Ieri in parrocchia il nostro gruppo famiglie ha proposto un film: Mustang. Un film crudo, che racconta la vicenda di cinque sorelle turche. Abitano in un piccolo paese a mille chilometri da Istanbul. Hanno perso i genitori e sono cresciute dallo zio e dalla nonna. Una cultura islamica conservatrice impone loro uno stile di vita lontano dai loro desideri. Una società che impone matrimoni combinati, moderazione nel vestire e obbligo di verginità e castità prima del matrimonio. La donna deve essere pura, pudica e virtuosa. Solo la donna. Per l’uomo non vale. Questi sono valori importanti anche per noi cristiani e per noi che scriviamo questo blog. La castità non è però quella raccontata nel film. La castità non è quella che esibisce il lenzuolo macchiato di sangue dopo la prima notte. La castità non è quella delle visite per confermare la verginità. Queste cose, che accadono ancora in alcune parti della Turchia, erano normali anche in Italia fino a poche decine di anni fa. Non dappertutto. Non sentiamoci superiori. Nel dibattito susseguente al film sono uscite testimonianze molto significative. Una amica è arrivata a dire che nel collegio dove studiava la sua compagna di stanza aveva rapporti anali con il fidanzato per poter arrivare vergine al matrimonio. Stiamo scherzando? Questa sarebbe la castità? Questa è una poveretta che per una morale ipocrita si trova costretta a fare cose ancora peggiori del rapporto fisico. Il sessantotto per forza ha spazzato tutto questo. Non poteva che essere così. La castità che dovrebbe liberare e consentire ai ragazzi di vivere la sessualità nel modo più vero ed autentico, per colpa nostra, è diventata parola che evoca le catene. La castità è privare della libertà nel sentire comune. Questo ha portato un rifiuto categorico di questa modalità di vivere l’amore. Quando non c’è stata più un’autorità morale che abbia saputo controllare l’aspetto della sessualità la bomba è esplosa. Diamo spesso la responsabilità alla rivoluzione sessuale del sessantotto per tutta l’immoralità che qualifica la nostra società occidentale. Credo che le cause vadano ricercate a monte. La rivoluzione sessuale è una conseguenza inevitabile di questa incapacità di dare conto della morale cristiana. Non abbiamo saputo per secoli raccontare la bellezza della castità, l’abbiamo solo imposta come legge bigotta ed ingiusta. Tutta apparenza. Legge che peraltro valeva solo per la donna e non per l’uomo. Il sessantotto non è una maledizione. Il sessantotto ha solo dato il colpo di grazia a una morale malata e debole, senza una reale consistenza. Non a caso, ma per Grazia, pochi anni prima si era concluso il Concilio Vaticano II. Concilio che ha cercato di rimettere la Chiesa in carreggiata. Questa è l’ora delle famiglie. E’ la nostra ora. Dobbiamo essere capaci di mostrare ai nostri ragazzi la bellezza della vita casta. La bellezza di una relazione fedele. L’importanza di saper aspettare per il rapporto fisico. Perchè sono preziosi. Soltanto chi è disposto a donarsi completamente a loro nel matrimonio indissolubile, merita il dono del loro corpo. Altrimenti sarebbe una persona che più o meno consapevolmente le sta usando. Dobbiamo raccontare e saper mostrare la bellezza. Saper mostrare che la nostra via è più bella e funziona di più. Dobbiamo avere sapienza. La sapienza, come dice la parola stessa, non è solo la conoscenza di qualcosa. E’ soprattutto saper assaporare quella determinata realtà. Ecco, non dobbiamo imporre la castità. E’ una scelta perdente che crea solo infelicità e distanza tra genitori e figli. I figli, non appena ne avranno occasione, infrangeranno quella norma, perchè non la capiscono e non la accettano. Noi genitori saremo credibili se avremo saputo assaporare la castità e mostreremo la gioia che ne scaturisce e la pienezza di una relazione autentica e forte. I nostri figli possono essere impermeabili alle nostre parole, sermoni e sgridate, ma non lo sono di certo al nostro esempio. Chiediamo a Dio la sapienza.

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...