Con gli occhi dei bambini

tt

Penso alle feste di questi mesi freddi d’inverno, al Natale appena passato, al nuovo anno che si presenta sulla soglia, all’Epifania che ancora ci attende. Immagino le nostre case, le nostre tavole, i giardini decorati e le finestre illuminate per accogliere amici e parenti.

Sono infinite e tutte diverse le famiglie, le coppie e anche chi è solo ad aver brindato, festeggiato e ringraziato durante le Feste. Il periodo ideale per vivere il riposo dal lavoro e la vicinanza ai propri cari, serena e spoglia di impegni. Questo per chi può ed è nella condizione di poter essere a casa, nel proprio Paese.

Si tratta di uno sguardo che tuttavia si posa sempre ad “altezza adulta”, rivolto ai grandi e al mondo di chi bambino più non lo è. Credo che pensare al Natale e alle famiglie significa anche saper guardare secondo un’altra prospettiva. Non solo per riempire la mente e le mani con tutto ciò che materialmente è necessario, ma non sufficiente, nella vita dei nostri piccoli. Loro che in questi giorni avranno scartato i regali, decorato l’albero e preparato il presepe per la notte che ha portato la vera Luce nel mondo. Quelle piccole manine e quei cuori infantili circondati molto spesso da tanto affetto, a volte sanno essere per noi grandi un mistero insondabile. Non così totalmente lieti come vorremmo credere e così totalmente fragili e vulnerabili.

Leggere alcune poesie che i bambini e le bambine sanno comporre può essere un valido aiuto per disincantare lo sguardo e porsi alla giusta altezza. Senza il timore che questo comporti il vizio o la debolezza genitoriale. Si legge in “Ma dove sono le parole?”, una raccolta di poesie scritte dai bambini delle periferie multietniche di Milano, che cos’è l’addio?. Sara, italiana, di 9 anni prova a rispondere:

La sua pelle ruvida è scomparsa

la rete che ci separa è trasparente,

profumata,

di un colore verde,

che certe volte sembra blu.

Il nostro addio è elastico,

forse un giorno ci ritroveremo.

Addio.

Quanta bellezza e sapienza, unite alla malinconia e al dolore che nei piccoli rischiano di essere schiacciati perché inopportuni o troppo scomodanti e spiazzanti. Penso che qui si giochi una partita decisiva nell’essere famiglia di sposi e genitori che devono provare a scegliere, ogni giorno, quale sguardo riversare e manifestare lì dove più conta. Non solo tra colleghi, amici e nei gruppi di volontariato ma nella cura sollecita dei propri figli. Ingenui, dolci e sfidanti nello stesso tempo. Con il loro repertorio unico di bambini che crescono e imparano con grande curiosità.

Leggendo ancora le loro parole non si può che restarne ammirati. Sempre in “Ma dove sono le parole?”, Christian 10 anni filippino scrive questa poesia per “i grandi”:

Grazie per la sedia

ed avermi dato una casa,

io sono piccolo, ma dentro

sono gigante che è sbocciato

da una briciola.

A Betlemme – la casa del pane – una briciola, una piccola vita, fu l’inizio di una nuova gigantesca rivoluzione che puntò dritta al cuore dell’uomo. Oggi i bambini sono ancora quella stessa rivoluzione che si rivolge ai cuori, a volte stanchi e spenti, di noi adulti. Amare con tenerezza i nostri piccoli, non sempre così sereni, può essere davvero quel miracolo capace di modellare la nostra vita perché sia feconda e vera.

Federica

* Le poesie sono tratte da “Ma dove sono le parole?” di C.L. Candiani e A. Cirolla edito da Effigie edizioni, Milano 2015 – pagg 92 e 111.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...