Non la riconosco più!

Ogni tanto dovremmo porci la domanda: quanto conosco la persona che ho accanto, la persona che condivide la vita con me? Non è una domanda banale e non è banale neanche la risposta. Io dopo vent’anni di matrimonio dovrei rispondere si senza pensarci troppo. Eppure non è scontato che sia così.

La Luisa che ho accanto oggi è molto diversa da quella che sposai nel giugno del 2002. La Luisa che ho accanto è cambiata moltissimo, è cambiata fisicamente ma è cambiata nel modo di relazionarsi con me, è cambiata in alcune sue convinzioni, è cambiata nei desideri e nelle esigenze. E’ cambiata in alcune sue sensibilità. Insomma non è la stessa persona che ho sposato.

E’ normale che sia così, non voglio farne un problema. Può però diventare un problema quando smettiamo di osservarci, quando smettiamo di ascoltarci, quando smettiamo di prestare attenzione alle conseguenze sull’altro di ciò che facciamo o diciamo. Smettiamo perchè pensiamo erroneamente di sapere già tutto dell’altro. Che brutto quando l’altro non ci provoca mai meraviglia e stupore. Che bello invece quando ci lasciamo stupire anche dopo tanti anni di matrimonio.

L’altro è davvero un mistero che ci si svela giorno dopo giorno, ma che giorno dopo giorno cambia e non resta mai lo stesso. Cambia lui/lei e di conseguenza cambia la nostra relazione che va ricalibrata. Cambiamenti continui seppur impercettibili, ma che alla lunga diventano molto evidenti. Io, oggi che ho 46 anni, sono molto diverso da vent’anni fa e così mia moglie. Per questo è bello scoprire la mia nuova Luisa, giorno per giorno, per questo è importante farlo, per non trovarmi poi in casa con una sconosciuta.

Succede sempre più spesso che tante coppie saltano dopo venti e più anni di matrimonio. Perchè saltano? Perchè i due hanno fatto per anni i genitori, non si sono più guardati veramente, si sono dati per scontati, e poi, andati via i figli, si sono scoperti due sconosciuti. Non si riconoscevano più. Non avevano più nulla da dirsi. Ne conosco di queste storie. Alcune anche personalmente, persone che ci hanno contattato in questi anni di nostra presenza sui social.

Cosa fare? La risposta è sempre la stessa! Prendetevi tempo per voi. Tempo di qualità per parlare, ma non delle solite programmazioni e organizzazioni familiari, parlate di voi, di quello che vi piace, di quello che vi fa soffrire, delle preoccupazioni, delle gioie e dell’amore che vi lega. E’ importante dirvi quanto vi volete bene. Va certamente dimostrato ma è bellissimo anche sentirselo dire. Non perdete occasione di farlo. Fate almeno una volta al mese qualcosa che vi piace, fatelo voi da soli, senza nessun altro, senza neanche i figli. Riscopritevi sposi novelli ogni tanto, rinnovate il vostro essere sposi. Un week end romantico in hotel o in una SPA. Non è tempo buttato ma investito per ciò che più conta, la vostra vocazione. Fate una cenetta in intimità o anche solo la colazione al bar seduti al tavolino. Trovate insomma il vostro modo per contemplare ciò che siete.

Per me è bellissimo scoprire la mia Luisa, sempre la stessa ma sempre nuova. Scopritelo anche voi e il vostro matrimonio sarà più bello e più pieno!

Antonio e Luisa

Per acquistare i nostri libri Influencer dell’amore – L’ecologia dell’amore – Sposi sacerdoti dell’amore – Sposi profeti dell’amore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...