Il contrario di amore è commercio

Spesso i miei articoli sono indigesti. Raccontano un amore sponsale grande, ma non certo un amore facile. Paolo VI lo gridava già decenni fa: Il cristianesimo non è facile, ma è felice. Non può appagarsi di giovani mediocri, non può essere vissuto in maniera qualunque; o lo si vive in pienezza, o lo si tradisce!

Se cercate facili giustificazioni e qualcuno che vi dia ragione non avete che da scegliere. Troverete alleati in famiglia, tra gli amici e anche tra alcuni sacerdoti. Troverete moltissime persone che vi daranno ragione e vi diranno che fate bene a non accettare una relazione che non sia totalmente appagante. Non certo io. Quali sono le vostre obiezioni? Lui non si merita niente, lei non è accogliente, lui ha un’altra, lei è fredda, lui non mi capisce, lei mi ha lasciato.

Avrete anche ragione, non lo metto in dubbio. L’altro/a non è perfetto e magari, concedetemi il francesismo, è proprio uno/a stronzo/a. Quindi cosa vogliamo fare? Piangerci addosso o cogliere questa occasione per svoltare? Per fare quel salto di qualità che ci può rendere veri cristiani, cioè imitatori di Cristo. Non significa accogliere la sofferenza come dono di Dio. Se l’altro è uno stronzo non è Dio ad averlo fatto stronzo, ma una sua mancanza, fragilità, peccato, ferita, chiamatela come vi pare. L’amore solo se reciproco non è un concetto di amore cristiano. Per quello non serve un sacramento e non serve la morte di Cristo in Croce. Se condizionate il vostro amare l’altro all’amore che ricevete in cambio non state amando davvero. State semplicemente usandovi a vicenda. Il contrario di amore è commercio. E’ dare un valore al vostro amare. Ne vale la pena? Vi riempite vicendevolmente il vuoto del vostro cuore. Il vuoto affettivo e il vuoto sessuale. Siete voi al centro. Sono io al centro. Perchè anche io non mi pongo come maestro, ma come uomo che vive in questo mondo con tutte le sue fragilità e difficoltà. Cristo ci salva anche da questo. Noi sposi siamo come due serbatoi vuoti o pieni a metà. Cerchiamo l’uno nell’altro quella sorgente per riempirci. Così facendo però ci riempiamo di nulla se i nostri serbatoi sono vuoti, oppure prosciughiamo l’altro per riempire il nostro se pieni a metà. Capite che così le cose non funzionano. Nel rito del matrimonio non esiste la parola se. Ognuno dei due sposi fa una promessa solenne: prometto di amarti e onorarti, di esserti fedele sempre. Sempre e non fino a quando tu farai altrettanto. Questo è l’amore incondizionato, questo è l’amore di Cristo, questo è l’amore che salva e che illumina. Per questo nel rito è aggiunta la frase: con la Grazia di Dio. Michel Quoist (importante presbitero e scrittore) scriveva: Amare, non è prendere un altro per completarsi, bensì offrirsi ad un altro per completarlo. 

Questa affermazione va spiegata  perchè qui sta tutta la differenza tra chi ama secondo Cristo e chi ama secondo il mondo. Come fare? Attingere all’unico amore che non delude, che non si esaurisce e che è davvero gratuito. Attingere allo Spirito Santo nei sacramenti e alla relazione con Gesù che diventa persona amica e conosciuta. Sto facendo una fatica enorme. Vi confesso un mio grande limite. Io credo in Gesù, ma non ho una vera relazione con Lui. Faccio fatica a pregare ad adorarlo, a sentirlo vicino e amico. Il mio padre spirituale mi sta aiutando in questa mia difficoltà perchè senza una vera relazione con Cristo il mio matrimonio non sarà mai libero. Cercherò sempre in mia moglie colei che deve riempire i miei vuoti. Finchè non troverò Dio in una relazione autentica farò di mia moglie il mio dio. All’inizio lo era. Ora con tanta fatica le cose stanno cambiando. Quello che vi voglio dire è che finchè vi lamentate di ciò che vostro marito o vostra moglie non vi dà state sbagliando bersaglio. Non sarò io a darvi corda. Se volete davvero trasformare il vostro matrimonio in qualcosa di diverso dovete cambiare ciò che significa il vostro matrimonio. Dovete farvi una domanda: chi è al centro della mia vita? Chi o cosa dà senso alla mia vita? Se ciò che dà senso e pace alla vostra vita è l’amore del vostro sposo (o sposa) significa che avete sostituito Dio con lui/lei. Significa che ne avete fatto il vostro idolo. Gli idoli chiedono la vostra vita e non la danno. Solo Dio dà senza chiedere nulla. Vi state illudendo e state sbagliando tutto. Quella persona non potrà mai essere colei sulla quale costruire la vostra felicità, anche solo per il fatto che potete perderla in qualsiasi momento. E’ mortale e finita. Se invece troverete la risposta alla vostra sete di amore e di eternità in Gesù allora il vostro matrimonio diventerà luogo dove restituire quell’amore a Gesù che è presente nell’altro e nel matrimonio stesso. Non sarà più l’altro a dover riempire il vostro serbatoio perchè sarete attaccati all’acqua corrente dello Spirito Santo che è inesauribile ed infinitamente buona. Allora non avrete bisogno per riempirvi di attingere al serbatoio dell’altro ma sarete pronti a riempirlo del vostro quando l’altro si troverà a secco e non potrà o non vorrà darvi nulla.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie