Ci specchiamo nello sguardo degli altri.

Chi siamo noi? E’ lo specchio che ci da la consapevolezza di chi siamo?  Lo specchio spesso non ci svela chi siamo ma ci  conferma solo ciò che pensiamo già di essere; alcune volte ci vediamo brutti e impresentabili, altre volte belli. Questa dinamica avviene soprattutto nell’adolescenza, ma non sempre si riesce a superare con il tempo e la maturità. Lo specchio reale riflette quello che è lo specchio interiore. Lo specchio interiore riflette la nostra immagine attraverso gli sguardi delle persone con cui ci relazioniamo. Un neonato sorride quando vede la mamma che lo guarda con dolcezza ed amore, mentre si spaventa se la mamma lo guarda corrucciata. Quando quel bambino si guarderà allo specchio si vedrà con gli occhi della mamma. Per gli adulti vale lo stesso discorso, ma con dinamiche più complesse e condizionate dal nostro vissuto.  E’ importante comprendere quanto questa dinamica ci condizioni nelle nostre relazioni per superarla e per non trasformarla in fonte di sofferenza per le persone che amiamo.

Dio con il suo sguardo d’amore ci salva e ci libera anche da questo. Se sono sicuro che Dio mi ama come un figlio e mi apprezza per come sono, prendendomi con tutti i miei limiti e difetti, non solo mi darà la forza di migliorarmi, ma anche di non condizionare questa consapevolezza dalla considerazione che gli altri hanno di me.

Conoscere questa influenza che noi abbiamo sulle persone che incontriamo ci deve responsabilizzare e farci impegnare a non uccidere. Nel Siracide è scritto: La spada uccide tante persone, ma ne uccide più la lingua che la spada. Io aggiungerei che anche uno sguardo soprattutto di una persona amata può uccidere. Quante volte con nostra moglie, mettiamo su musi, ci guardiamo con freddezza e rabbia perché ci sentiamo offesi e così facendo uccidiamo la persona che più amiamo per questioni non importantissime ma solo per orgoglio ferito. Quante volte il nostro sguardo di meraviglia e di desiderio ha fatto sentire la nostra sposa come la più bella del mondo e quanta forza dà lo sguardo dolce e accogliente di una moglie che fa capire al proprio sposo che è felice di appartenergli.

A volte riflettiamo troppo poco su queste dinamiche, basterebbe veramente un piccolo sforzo per avere tanta pace e amore in più in famiglia ed evitare sofferenze e incomprensioni..

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...