L’amore è un sentimento?

Oggi condivido una riflessione non mia ma di Agostino Tommaselli. Una persona con cui credo di avere molto in comune per quanto concerne l’idea di vocazione matrimoniale e di cammino e amore sponsale.  Cliccate qui per visitare il suo sito

Ecco cosa scive Agostino:

Molti anni fa, quando ero ancora un adolescente, pensavo – in maniera forse un po’ ingenua – che parlare  dell’amore uomo-donna significasse parlare esclusivamente dei sentimenti. Che in un rapporto d’amore ci fosse altro – oltre ai sentimenti – lo capivo da me, ma non credevo che potesse avere una qualche rilevanza, non tanto quanto i sentimenti, per lo meno… Ero anche convinto, come molti, che una relazione d’amore potesse dirsi conclusa allorquando veniva a mancare il sentimento. Il ragionamento che facevo era più o meno questo: niente sentimento, niente amore. Semplice e inoppugnabile.

Amare, nella mia visione giovanile, voleva dire provare un sentimento. E quando la Chiesa invitava i futuri coniugi a promettersi eterno amore, li stava invitando a promettersi “sentimenti d’amore” per tutti i giorni della loro vita. La questione, messa in questi termini, mi sembrava perfino logica. Del resto, cos’altro – più del sentimento – poteva contraddistinguere l’amore?

Col passare del tempo, tuttavia, cominciai a guardare all’amore con occhi diversi. Osservando i miei genitori, ad esempio, mi sembrava di capire che anche per loro il concetto di amore – da quel lontano “sì” – doveva aver subito una qualche evoluzione, facendosi via via più autentico e profondo sotto i colpi di una vita che, pur di educare (all’amore), insieme alle gioie non aveva risparmiato loro sofferenze e sacrifici…

Nel corso degli anni, poi, anche attraverso l’esempio di tante altre famiglie e coppie di sposi che ebbi modo di incontrare, rimodulai sempre di più l’idea che mi ero fatto dell’amore. Lentamente cominciai a intuire che l’amore non era soltanto un sentimento, no. E che anzi, il sentimento era forse la parte meno importante. In me iniziò a maturare l’idea che l’amore si fondasse su qualcosa di molto più concreto e profondo di quanto non fosse un sentimento, qualcosa di molto più stabile e tangibile. E la cosa mi fu evidente quando conobbi persone letteralmente capaci di spendersi – consumarsi, oserei dire – per il bene dell’amato, capaci di superare tutte le logiche del mondo pur di tenere fede a una promessa fatta molto tempo prima; persone tradite e offese, umiliate – a volte -, che continuavano ad amare nonostante tutto, in una maniera terribilmente concreta; persone capaci di un amore così grande che non mi sembrava possibile.

Ma c’è di più. Tutte queste persone mi davano l’impressione di amare anche con i sentimenti. Ma era evidente che se questi – i sentimenti – fossero venuti meno o avessero subito una qualche flessione, la cosa non avrebbe, di per sé, né diminuito né sminuito la realtà del loro amore. L’amore che queste persone vivevano si percepiva dai loro gesti, dalle azioni, dalla fedeltà alla quotidianità del loro vivere, lì dove la vita li aveva “inchiodati”. E il loro modo di amare – l’unico possibile, forse – era del tutto gratuito. Perché l’amore (quello “vero”) è questo che è – lo capii più tardi: un dono totale e gratuito di sé, che seppure venisse rifiutato, seppure fosse calpestato e offeso, continuerebbe a essere quello che è: un dono totale e gratuito di sé, offerto per il bene e la felicità della persona amata.

Un giorno, trascorsa l’adolescenza, quasi per caso mi imbattei in un libro straordinario: si trattava del Diario di santa Faustina Kowalska, la santa che aveva fatto conoscere al mondo la divina misericordia. Lessi quel libro tutto d’un fiato, e dentro vi scovai una frase illuminante:

L’amore non è fatto di parole, né di sentimenti, ma di azioni. È un atto della volontà, è un dono, cioè una donazione.

Con quella frase – in un colpo solo – santa Faustina rivoluzionò per sempre l’idea che mi ero fatto dei sentimenti e dell’amore. Ma non solo. In un’epoca come la nostra, dominata da ipocrisie e falsi miti, leggendo quella frase compresi pure che l’amore doveva essere difeso dagli attacchi violenti di una società sempre più ideologizzata; una difesa – sia chiaro – della quale siamo tutti responsabili, poiché la verità è un obbligo morale dinanzi al quale nessuno dovrebbe sottrarsi…

Ecco spiegato, quindi, il perché di questo libro (L’amore non è un sentimento): per indagare l’amore nella speranza di poterlo mostrare nella sua dimensione più autentica, in tutta la sua accecante bellezza. Un progetto ambizioso – è vero -, ma chi di noi non “ambisce” a realizzarsi nell’amore?


Agostino Tommaselli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...