Ritrovate il centro!

Secondo le statistiche sono in forte aumento i divorzi tardivi, quelli che avvengono dopo oltre 20 anni di matrimonio. Perchè questo fenomeno? Secondo la mia esperienza non è difficile comprenderne i motivi. Ci si è persi di vista, non ci si riconosce più, si vive accanto ad un estraneo/a. D’altronde si è vissuto il matrimonio come una piccola biglia che rotola su un piano inclinato. Inclinato in modo impercettibile, ma abbastanza per farla rotolare, senza nessuna spinta se non la gravità. Ed è così che in tanti matrimoni si perde di vista ciò che costituisce l’unione, il fondamento. Si hanno figli e i figli diventano il centro del matrimonio. Ogni attenzione è per loro. Non esiste più la coppia, esistono mamma e papà. Le attenzioni sono tutte per i pargoli e presto anche le soddisfazioni saranno ricercate solo nel ruolo genitoriale. Si vive in casa, insieme, ma non più come coppia, ognuno con il suo ruolo ben definito e costruito intorno ai figli. Abbracci, baci, tenerezze saranno tutte per i figli e non ci sarà più tempo e voglia per dedicarle anche al coniuge. Sempre più distanti e anche sessualmente diventerà un disastro. Non ci si cercherà più e quando uno dei due proverà un approccio otterrà una risposta fredda e distaccata. Di solito colui che soffre maggiormente questo deserto affettivo sessuale è l’uomo che cercherà in altro modo di soddisfarsi sessualmente. Le prostitute possono confermare che la maggior parte dei loro clienti sono uomini sposati con figli. Una tristezza e una povertà incredibili. La donna più facilmente troverà compensazione affettiva nel rapporto materno. Come in un piano inclinato il tempo passa e la biglia continua a scendere sempre più veloce. I pargoli crescono, diventano grandi e se ne vanno di casa. Ed è in quel momento che scoppierà la crisi, che ci si renderà conto di essere rimasti soli, che la persona che abiterà la nostra casa non la conosceremo più e non la vorremo perchè il nostro cuore sarà diventato impermeabile a lui/lei. Non resterà che dividersi e prendere ognuno strade diverse. Ormai senza che ce ne potessimo accorgere la biglia sarà scesa troppo in basso e non ci sarà più possibilità di recupero. Eppure sarebbe bastato poco per interrompere subito quella discesa. Sarebbe bastato mantenere la bussola della propria vita, il centro della propria vita verso l’altro/a, verso colui/colei che Dio ci ha donato per poter imparare ad amare e farci dono. Perchè mantenere la bussola fissa verso il proprio coniuge significa mantenerla indirizzata verso Dio che si è voluto far trovare nella relazione sponsale con quella persona. Attenzioni, tenerezze, baci, abbracci devono essere primariamente per lo sposo e per la sposa e solo dopo, da quell’amore che ne scaturisce, attingere per riempirne anche i nostri figli. I figli sono il frutto del nostro amore non il centro e desiderano essere amati da quell’amore che è relazione dei due sposi e non sostituirsi ad uno di loro.

Antonio e Luisa

 

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Ritrovate il centro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...