Il perdono è una medicina per il cuore!

Ho trattato altre volte della necessità del perdono nel rapporto di coppia. Del perdono come modalità di amare in modo gratuito. Oggi voglio scriverne con una prospettiva diversa. Il perdono come terapia di guarigione. Abbiamo tante ferite e, consapevolmente o no, ne diamo la colpa a qualcuno. Qualcuno che può essere un’altra persona o anche noi stessi. Qualche giorno fa sono andato a trovare Silvia, una mia cara amica, cardiologa, che ha lasciato il lavoro sicuro in ospedale per intraprendere la libera professione. A lei è sempre stato stretto il modo di operare della sanità italiana. I medici che si occupano solo del loro piccolo ambito di competenza senza poter avere una visione d’insieme. Non solo del corpo, ma anche del cuore (divertente detto da una cardiologa) e dello spirito. Ed ecco che ora che è libera può esercitare nel modo che predilige. In questa ottica ha frequentato un corso riconosciuto. Il corso per imparare la terapia del perdono. Non ne avevo mai sentito parlare e incuriosito l’ho incalzata con qualche domanda. Il suo tutor era un frate cappuccino. Chi meglio di loro si intende di perdono? Il corso si basa sulla convinzione che il rancore e il mancato perdono per le ferite più laceranti che conserviamo nel profondo del nostro essere sono causa di sofferenza psicosomatica che si manifesta nel corpo e nella sua fisiologia. Malattie che spesso sono causate da questa incapacità di perdonare. Mi riportava due casi in particolare che voglio condividere. Il primo una signora rumena. Questa signora in gioventù restò incinta. Il padre del bimbo era un ragazzo che si disinteressò completamente del “problema”. Lei portò a termine la gravidanza e lasciò il bambino in ospedale. Successivamente si trasferì in Italia, si sposò, ma non riuscì più ad avere altri figli. Non c’era nessun impedimento organico. Era sana e potenzialmente fertile. Non si era però perdonata. Non riusciva ad accettare di aver potuto abbandonare il suo bambino. Questa ferita era un mattone pesantissimo che le impediva di lasciarsi andare e di aprirsi a una nuova vita. Non credeva di meritare la gioia di un’altro figlio e non se lo concedeva. Durante il corso fece un bellissimo lavoro su di sè. Riuscì finalmente a riconoscere la ferita e quindi seguendo la terapia a perdonarsi. Si era finalmente liberata di quel macigno. Dio era ad attenderla. Ha aspettato che fosse pronta e le ha fatto un regalo bellissimo. Un vero miracolo. Alcune settimane dopo il consolato ha contattato la signora avvisandola che suo figlio la stava cercando per conoscerla. Non può essere solo un caso. Non siete d’accordo?

La seconda testimonianza è ancora più grande. Meravigliosa. Carla (nome di fantasia) ha intrapreso il corso spinta dalla curiosità di conoscere questa nuova terapia. Sembrava che fosse solo curiosità. In realtà era un desiderio inconscio che proveniva dal profondo del suo essere. Molti anni prima era stata abbandonata dal marito che si era sistemato con un’altra donna. Lei non ne ha voluto più sapere nulla. Voleva dimenticare tutto di lui e della sua esperienza piena di ferite e sofferenze. Durante le lezioni, quando ci fu da esercitarsi con la tecnica, lei pensò a tante altre persone, ma non al marito. Più cercava di scrivere il nome di altri e più era bloccata. Riuscì a sbloccarsi solo quando capì che doveva eseguire la terapia sulle ferite causate dal marito. Doveva iniziare un percorso di guarigione su questa sofferenza in particolare. La più distruttiva che aveva dentro. Fece tutto il percorso e finì tutto lì. Almeno sembrava! Poco tempo dopo un cliente del suo negozio scoprì di essere il medico che aveva operato il marito per un brutto tumore. Marito che lei non vedeva da anni. Avevano preso altre strade. La donna conobbe così da quel medico che il marito era rimasto solo e non gli rimanevano che pochi mesi, se non settimane, di vita. Lei decise che era ora di rivederlo, Si presentò all’hospice e quindi con imprevista (non se l’aspettava) naturalezza entrò nella sua camera. Lui ripresosi dallo stupore volle come prima cosa chiederle scusa per tutto il male che le aveva fatto. Lui ormai prossimo alla fine sognava da tempo di poterlo fare. Sembra impossibile, ma lei, tra le lacrime, confidò a Silvia che quegli ultimi due mesi che trascorsero insieme furono i più belli e pieni d’amore della loro vita matrimoniale. Il perdono aveva ricostruito una relazione, Si erano ritrovati, meglio e più di prima.

Perdonare è importante. E’ importante soprattutto per noi stessi, per poter guardare le persone con occhi liberi e il futuro con speranza e leggerezza.

Perdonare fa bene al cuore e al corpo. E’ una medicina formidabile e non ha controindicazioni. Fatene largo uso.

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...