Tre fili per un mistero grande

La mistagogia è una modalità sempre più utilizzata e riscoperta nell’ambito della pastorale e dell’evangelizzazione. Siamo persone sempre meno avvezze a comprendere concetti astratti e abbiamo bisogno di vedere qualcosa di concreto, un’immagine, un video o un esperimento per riuscire a comprendere le realtà della fede che non sono visibili e palpabili. Il matrimonio non fa eccezione. Come spiegare, allora, l’unione sponsale e il sacramento del matrimonio? Mi sono venuti in aiuto Emanuele e Luisa Bocchi. Domenica scorsa, durante l’incontro mensile del nostro gruppo di Intercomunione, Luisa ci ha proposto un piccolo lavoro da eseguire. Non ne capivo il motivo. Dovevamo intrecciare tre fili di lana. Uno blu, uno rosa e uno dorato. Alla fine legare tutto molto stretto. Lo abbiamo fatto, insieme, io e la mia sposa, e abbiamo capito. E’ bastato esaminare per un attimo quanto ottenuto. C’era un unico grande filo, unito ma distinto. Non si poteva sciogliere se non con il rischio di rompere uno o più fili. Era uno, ma si potevano distinguere benissimo i tre fili diversi che lo componevano. Cosa significa? Con il matrimonio si diventa uno, si è saldati in modo indissolubile e per sempre. Si diventa uno, ma mantenendo la propria identità distinta. Gli sposi sono immagine di Dio anche per questa caratteristica. Uno e trino verrebbe infatti da dire. Cercare di rompere questa unione porta inevitabilmente alla distruzione stessa della persona e di Dio in noi. Infatti il filo d’oro è Dio. Ci si sposa in tre ci insegna la Chiesa ed è proprio così. Dio è parte attiva del matrimonio.  C’è un’altra evidenza che salta all’occhio. Quando si intrecciano i tre fili tra loro, ne sono visibili esternamente soltanto due, in modo alternato, l’altro c’è, ma resta interno e nascosto allo sguardo. Ci sono parti in cui sono visibili il blu e il rosa e altre in cui uno dei due colori scompare e si vede il filo d’oro. Cosa possiamo capire? Per me è chiaro. Ci sono periodi in cui la coppia è in Grazia di Dio e vive un matrimonio santo. In quei momenti Dio abita la coppia nella profondità della relazione. La coppia mostrandosi unita nel maschile e femminile mostra Dio, ci dice chi è Dio e come ama Dio. La coppia è profezia dell’amore di Dio. Non sempre è così. A volte la coppia è in sofferenza. In quei momenti non è visibile la bellezza dell’unione sponsale. Il blu o il rosa mancano, sono nascosti. C’è però la Grazia, la Grazia sacramentale. Un aiuto dello Spirito Santo che permette agli sposi di non perdersi. Dio tiene la coppia legata quando sembra umanamente impossibile.

Vi rendete conto quante cose si possono comprendere con solo tre fili di lana? Soprattutto avete compreso un po’ meglio la grandezza del sacramento che lega gli sposi in Cristo?

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...