La lucerna del corpo è l’occhio

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non accumulatevi tesori sulla terra, dove tignola e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano;
accumulatevi invece tesori nel cielo, dove né tignola né ruggine consumano, e dove ladri non scassinano e non rubano.
Perché là dov’è il tuo tesoro, sarà anche il tuo cuore.
La lucerna del corpo è l’occhio; se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sarà nella luce;
ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!»

Il Vangelo di domani ci riguarda più di quello che possiamo pensare. Ci riguarda come sposi e come persone. Parte tutto dallo sguardo! Siamo capaci di amare? C’è una cartina tornasole che può dircelo: il nostro sguardo. Se vogliamo essere sposi capaci di amare la nostra sposa dobbiamo purificare il nostro sguardo. Sarò più chiaro: dobbiamo smetterla con la pornografia. La dipendenza da pornografia è una vera e propria patologia che impedisce una vita normale. Quella però è solo la punta dell’iceberg. Le statistiche sono impietose. E’ appena uscito il Rapporto Censis-Bayer sui nuovi comportamenti sessuali degli italiani In Italia i consumatori abituali. Le abitudini sessuali degli italiani sono descritte in modo molto preciso. Per questo la situazione delineata è ancora più scoraggiante. Aleteia  ha pubblicato un articolo molto interessante al riguardo. Vi riporto solo uno stralcio.

La pornografia si è ormai affrancata dalla sfera del proibito, dello scandaloso, della perversione, per diventare protagonista di una serie di pratiche molto diffuse nella sessualità quotidiana, anche delle coppie stabili, grazie alla facilità dell’accesso on-line, gratuito e di massa. Il 61,2 % dei 18-40enni fruisce di video porno in solitaria, il 25,2 % li guarda in coppia, il 31,2% riceve immagini pornografiche da una persona specifica,il 25,9% invia immagini porno

Capite che povertà? Vi confesso con vergogna che da ragazzo ne ho fatto largo uso anche io. Ho sperimentato nella mia vita come questa pratica possa davvero inquinare lo sguardo. Ho dovuto fare fatica e pian piano recuperare la mia purezza. L’ho fatto per la mia sposa e l’ho fatto per me. Perchè? Fruire dei contenuti hard, è evidente, non può consentirmi uno sguardo di meraviglia verso la mia sposa, ma uno sguardo che vuole usare e prendere.  Nel mio fidanzamento con Luisa ho rischiato più volte di rovinare tutto e perderla proprio per il mio sguardo, e di conseguenza per il mio atteggiamento con lei,  incapace di rispettare il suo desiderio di castità. Avevo lo sguardo del ladro, non del re. Uno sguardo che poi nel matrimonio diventa ancora più decisivo. Lo sguardo del re è uno sguardo di meraviglia, è uno sguardo carico di Eros, ma non solo, è uno sguardo che permette alla sua sposa di sentirsi bella, la più bella, e che permette all’amata di sentirsi a proprio agio davanti al proprio sposo anche se denudata, perchè lo sguardo non viola la sensibilità della stessa facendola sentire aggredita, ma, al contrario, ne esalta la femminilità e accresce in lei il desiderio di incontrare il proprio sposo sempre più profondamente con tutto il suo corpo e tutta la sua anima. Lo sguardo prepara la donna all’unione totale con lo sposo. La Chiesa non nega con moralismo l’eros e la corporeità degli sposi, ma li esalta in un contesto di purezza e verità che nulla hanno di volgare e pornografico.

L’uomo, attraverso uno sguardo casto ed erotico nello stesso tempo, non si limita a guardare un corpo, ma il suo sguardo vorrebbe penetrare nell’anima della donna in profondità, per realizzare un’esperienza di bellezza e stupore.

Uno sguardo casto permette tutto questo e, solo purificando il nostro sguardo da pornografia diretta o indiretta, riusciremo a guardare con gli occhi del re la nostra donna e farla sentire bella e femminile e non solo un oggetto di piacere.

Uno sguardo inquinato viola la donna e, presto o tardi, rovinerà uno dei momenti più intensi e belli del matrimonio, l’amplesso fisico, limitando tutto a un superficiale piacere fisico. Non riuscendo a vedere oltre il corpo, gli sposi non riusciranno a vivere quella esperienza di bellezza e di pienezza che  non solo è possibile, ma è da ricercare.

Cosa vogliamo essere per nostra moglie, il re che la fa sentire preziosa e desiderata o il ladro che viola la sua intimità per soddisfare le proprie voglie?

Se riconoscete di avere questo problema e volete recuperare una pienezza e una verità meravigliose nella vostra vita non perdete tempo,  contattate i nostri cari amici dell’associazione Puri di Cuore. Vi aiuteranno ad uscirne e a vivere finalmente nella gioia il matrimonio e l’amplesso fisico.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...