Il Gattopardo nasconde un inno all’amore (vero)

Chi non ha mai sentito nominare il Gattopardo? Chi tra noi ha qualche anno in più credo abbia ben in mente la bellezza di Angelica, la protagonista femminile, interpretata, nella trasposizione cinematografica, da una meravigliosa e giovane Claudia Cardinale. Il gattopardo è soprattutto però il romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Romanzo uscito nel 1958. Nel testo possiamo imbatterci in alcuni dialoghi che raggiungono livelli davvero alti, di grande profondità. Una profondità di pensiero figlia di una saggezza popolare, più che di una cultura da intellettuale da salotto. Voglio riprendere proprio un passaggio del romanzo perchè nasconde nelle sue pieghe una piccola perla da cogliere e meditare, da soli e in coppia. Una descrizione molto poetica di ciò che siamo e come l’amore abbia delle sue leggi che vanno oltre i nostri impulsi ed istinti.

Quando furono diventati vecchi e inutilmente saggi i loro pensieri ritornavano a quei giorni con rimpianto insistente: erano stati i giorni del desiderio sempre presente perché sempre vinto, dei letti, molti, che si erano offerti e che erano stati respinti, dello stimolo sensuale che appunto perché inibito si era, un attimo, sublimato in rinunzia, cioè in vero amore.

Queste parole sono un pugno nello stomaco verso la nostra società edonista e narcisista. Dove c’è un’idea malsana di verità e di libertà. Dove non abbiamo più freni, non siamo più capaci di controllare i nostri appetiti e non siamo più capaci di fedeltà e di sacrificio. Narcisisti e fragili. Certo non voglio generalizzare, ci sono ancora tanti uomini e tante donne che vivono l’amore cercando di donarsi sinceramente l’uno all’altra, ma non è il pensiro più comune, o comunque non è quello più rappresentativo mediaticamente. Per questo non riusciamo più ad essere felici. Perchè quando si vive tutto in questo modo bulimico poi le relazioni perdono di fascino e il desiderio finisce. Perchè avere tutto senza fatica non ci permette di dare il giusto valore alle cose. Ed è così che la contraccezione ci ha in realtà liberati si, ma liberati dal desiderio. Sono sempre di più le coppie di sposi che dopo pochi anni di matrimonio non fanno più l’amore. Quindi ci si lascia o ci si tradisce. Perchè in realtà non amiamo l’altra persona ma siamo innamorati dell’emozione che proviamo. L’altro/a, quindi, possiamo tranquillamnete cambiarlo quando non fa più al caso nostro.

Rileggete le parole dell’autore. Racconta tutto un altro modo di relazionarsi e di vedere l’altra persona. Che non è mezzo ma è fine del nostro amore. Parole che sono poesia ma soprattutto sono vere: erano stati i giorni del desiderio sempre presente perché sempre vinto. Come non pensare al fidanzamento vissuto nella castità? Il desiderio non finisce ma al contrario si continua ad alimentare proprio perchè non realizzato. Un desiderio che cresce fino al giorno delle nozze quando finalmente nel dono totale ci si può abbandonare anche all’amplesso che è immagine dei due cuori degli sposi fusi in uno. Come il loro corpo che diventa uno. La prima notte di nozze diventa così non qualcosa di già vissuto ma una novità che rappresenta l’inizio di una nuova vita e di un legame indissolubile. E poi: dello stimolo sensuale che appunto perché inibito si era, un attimo, sublimato in rinunzia, cioè in vero amore. Che belle parole per descrivere i metodi naturali. Queste parole si sposano perfettamente anche con l’attesa feconda di chi fa la scelta dei metodi naturali. Quello stimolo, quel desiderio che diventa rinuncia perchè non possiamo accogliere completamente l’altra persona in tutta la sua fecondità e per questo siamo disposti ad attendere quando potremo farlo. Così la rinuncia diventa gesto di vero amore e l’attesa diventa nutrimento per il nostro desiderio di ritrovarci uno.

Per questo la via cristiana, quando vissuta fino in fondo, senza sconti o scorciatoie, di solito permette di conservare l’amore e il desiderio dell’uno verso l’altra. Questa è la libertà vera: saper rinunciare per un bene più grande. Saper rinunciare, perchè no, anche per un piacere più grande.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp 

Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri L’ecologia dell’amore o Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...