Bisogna tornare alle origini.

Due giorni fa il Vangelo riportava la disputa tra i farisei e Gesù sul matrimonio, dopo che il giorno prima  era morto Marco Pannella, strenue combattente, tra le altre sue battaglie, anche per l’approvazione della legge sul divorzio. Non è mia intenzione giudicare o parlare di questa figura comunque determinante nella vita sociale del nostro paese, ma queste due situazioni mi hanno portato a riflettere su quanto sta accadendo in tutto il mondo occidentale.Siamo persone circondate di amici, siamo molto social con mille attività ma non capaci di donarsi e aprirsi veramente, non capaci di essere fino in fondo ciò che siamo agli occhi di Dio. Tutto verte intorno ai nostri bisogni, ai nostri desideri, alla nostra volontà  che è l’unico vero faro della nostra vita, dove non c’è posto per altri se non fino a quando ci sono utili a soddisfare il nostro egoismo. Gesù dice che all’origine non era così, all’origine siamo stati creati per esistere solo in una relazione d’amore, solo amando, cioè donando noi stessi. Per questo la legge sul divorzio è totalmente contraria alla Legge di Dio perché distrugge l’armonia dell’origine, ci abilita a rinnegare ciò che siamo in profondità in nome di una ricerca della felicità basata sull’egoismo. Ci promette la libertà legandoci sempre più a noi stessi e alle nostre emozioni. Ci promette libertà e ci rende schiavi. Ero totalmente dentro questa mentalità, tanto che il matrimonio mi spaventava molto. Solo l’incontro con Gesù, attraverso persone sante  che mi hanno amato  senza condizioni, ha potuto distruggere queste catene e crepare quella pietra che imprigionava il mio cuore. La pietra non si è disintegrata, però, mi è costata tanta fatica e colpo di scalpello dopo l’altro sto liberando il mio cuore. Lo scalpello è la castità vissuta prima e dopo il matrimonio.  Don Antonello Iapicca (un sacerdote missionario che per me sta diventando una voce importante e che ascolto tutti i giorni grazie ai social), commentando il Vangelo del giorno, ha usato un’immagine molto bella che mi ha colpito molto. Dio non ha creato la mia sposa e me disgiuntamente, ma ha creato me pensandomi per la mia sposa e la mia sposa pensandola per me. Ci ha creato come una persona sola, immagine vera di Dio, che incarna il modo di amare maschile e femminile, paterno e materno. Solo nell’unione indissolubile io e la mia sposa siamo perfetti, siamo come Dio ci vuole, siamo aderenti alla nostra realtà corporale e spirituale. Solo in, con e per Luisa io potrò essere felice ed essere nel più profondo ciò che sono e lo stesso vale per la mia sposa. Il divorzio rompe tutto questo, è un peccato gravissimo non perché disubbidiamo a Dio, ma perché tradiamo la nostra essenza, la verità delle origini e ci condanniamo alla continua ricerca della felicità e di quella pienezza che non troveremo mai.

Caro Marco Pannella, mi auguro con tutto il cuore che Gesù ti abbia accolto nel suo abbraccio di sposo, ma non posso dirti grazie per ciò in cui hai creduto e combattuto, hai contribuito a condannare all’infelicità tante persone. Hai venduto schiavitù e tenebra promettendo libertà e gioia.

Le tue leggi ci hanno resi schiavi della nostra “libertà”, pronti ad eliminare ogni situazione che costi fatica e sofferenza. Così ben venga il divorzio, l’aborto e l’eutanasia.

Caro Pannella, Dio ci ha reso liberi, sì, liberi di amare nonostante le difficoltà e le fatiche; liberi di dire il nostro sì sempre. Solo così saremo liberi veramente, liberi come figli di Dio.

Antonio

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...