Ci si sposa in tre

Proseguendo con la lettura dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia, incontriamo il punto 73.

Il punto 73 mi ha colpito profondamente perché racchiude tutta la realtà e la grandezza del matrimonio sacramento, che non è paragonabile a nessun altro tipo di unione.

Ecco cosa scrive il Papa:

«Il dono reciproco costitutivo del matrimonio sacramentale è radicato nella grazia del battesimo che stabilisce l’alleanza fondamentale di ogni persona con Cristo nella Chiesa. Nella reciproca accoglienza e con la grazia di Cristo i nubendi si promettono dono totale, fedeltà e apertura alla vita, essi riconoscono come elementi costitutivi del matrimonio i doni che Dio offre loro, prendendo sul serio il loro vicendevole impegno, in suo nome e di fronte alla Chiesa. Ora, nella fede è possibile assumere i beni del matrimonio come impegni meglio sostenibili mediante l’aiuto della grazia del sacramento. […] Pertanto, lo sguardo della Chiesa si volge agli sposi come al cuore della famiglia intera che volge anch’essa lo sguardo verso Gesù». Il sacramento non è una “cosa” o una “forza”, perché in realtà Cristo stesso «viene incontro ai coniugi cristiani attraverso il sacramento del matrimonio. Egli rimane con loro, dà loro la forza di seguirlo prendendo su di sé la propria croce, di rialzarsi dopo le loro cadute, di perdonarsi vicendevolmente, di portare gli uni i pesi degli altri». Il matrimonio cristiano è un segno che non solo indica quanto Cristo ha amato la sua Chiesa nell’Alleanza sigillata sulla Croce, ma rende presente tale amore nella comunione degli sposi. Unendosi in una sola carne rappresentano lo sposalizio del Figlio di Dio con la natura umana. Per questo «nelle gioie del loro amore e della loro vita familiare egli concede loro, fin da quaggiù, una pregustazione del banchetto delle nozze dell’Agnello». Benché «l’analogia tra la coppia marito-moglie e quella Cristo-Chiesa» sia una «analogia imperfetta», essa invita ad invocare il Signore perché riversi il suo amore dentro i limiti delle relazioni coniugali.

Vorrei soffermarmi su due aspetti in particolare:

  1. sacramento non è una forza, ma è Gesù che abita la nostra unione;
  2. la magnificenza dei doni di nozze che Dio regala ad ogni coppia nel momento in cui lo Spirito Santo discende sugli sposi.

Il matrimonio non è un sacramento come gli altri, ma è particolare come lo è l’Eucarestia.

Negli altri sacramenti Gesù è presente nel momento in cui c’è il rito sacramentale, quindi, nella confessione durante l’imposizione delle mani da parte del sacerdote, poi permangono gli effetti del sacramento e dell’effusione di Spirito Santo. Il matrimonio è diverso, è come l’Eucarestia, sono sacramenti perenni. Come nell’Eucarestia Gesù è realmente presente nel pane e nel vino fino a quando questi elementi non sono consumati, così nel matrimonio Gesù è realmente presente nell’unione degli sposi fino alla morte di uno dei due. Questo non è indifferente, ma ha un significato immensamente grande: non ci si sposa in due ma in tre. Nel nostro amore dimora perennemente Cristo che non ci abbandona, ma è lì pronto a sostenerci e ad aiutarci in ogni momento della nostra vita. Non solo, ogni qualvolta che viviamo il nostro amore con gesti, parole, atteggiamenti di tenerezza, cura, attenzione (ricordo che il rapporto fisico è il culmine di questi gesti) rinnoviamo e riattualizziamo il nostro sacramento. Come Gesù è morto e risorto una sola volta 2000 anni fa per ognuno di noi e con la Messa rinnoviamo quel sacrificio e Gesù torna presente nell’oggi, così nel matrimonio ci sposiamo una volta sola, ma ogni gesto d’amore e l’amplesso in particolare rinnova e riattualizza il nostro matrimonio.

Continua…..

Antonio e Luisa

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Ci si sposa in tre

  1. Penso, che una vera unione in Cristo continui anche dopo la morte di uno dei coniugi, altrimenti il sacramento si esaurirebbe freddamente su questa terra. “Credo la comunione dei Santi” comprende anche la realtà della vedovanza.

    Liked by 1 persona

    • ne siamo convinti anche noi. Quello che vogliamo dire è che finisce su questa terra ma sicuramente prosegue nell’aldilà in modo diverso visto che potremo immergersi direttamente nell’abbraccio con il solo vero sposo: Gesù Cristo.

      Mi piace

  2. Pingback: Ci si sposa in Tre https://matrimoniocristiano.org/2016/08/14/ci-si-sposa-in-tre/ | La Famiglia, Chiesa domestica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...