Ascoltarla è prendersi cura di lei.

C’è un vizio che noi maschi non sappiamo di avere, ma che può dare parecchio fastidio alla nostra sposa. Crediamo di poter risolvere tutti i suoi problemi. Crediamo di avere una lucidità di analisi, un pragmatismo, una concretezza e una elasticità che le donne non hanno. Oddio, sull’elasticità e la concretezza spesso è così, ma non è questo il punto. Il punto è un altro. La nostra sposa ci pone diverse questioni e problemi, che noi possiamo ritenere più o meno importanti. La maggior parte delle volte le consideriamo inezie, diciamo la verità. Non è neanche questo il punto. Il punto è che noi non ascoltiamo. Anzi ascoltiamo il minimo necessario per credere di aver capito il problema e poi cerchiamo una soluzione. Una volta trovata la diciamo e se non la troviamo ci disinteressiamo di quanto nostra moglie ci sta dicendo troncando la discussione o facendo finta di ascoltare, ma pensando ad altro, magari alla formazione della nostra squadra del fantacalcio. In ogni caso non la soddisfiamo, anche quando proponiamo una soluzione. Perché spesso non è quello che vuole. E’ quello che vorremmo noi quando abbiamo un problema, ma non lei, non la donna. Lei vuole prima di tutto essere ascoltata. Per lei è fondamentale, la fa sentire preziosa ed importante. L’aiuta a scaricarsi del problema condividendolo con noi. La cosa bella è che non devo quasi mai trovare la soluzione. La ascolto, le rispondo ogni tanto, in modo da farle capire che sto seguendo, e alla fine trova lei la soluzione. Luisa dice sempre che il mio atteggiamento che più la fa sentire amata è proprio questo: che la ascolto tanto. Più di tante altre cose. Tante volte Luisa mi ha detto: di questa cosa ne parlo solo con te. All’inizio pensavo: che rompimento di scatole. Sempre le solite cose! Ogni tanto potresti anche dirle a qualcun’altro. Oggi no, oggi lo considero un privilegio. Lei mi considera importante. Lei vuole aprirsi senza maschere con me. E’ una cosa meravigliosa. Ci ho messo un po’ a capirlo, e anche ora Luisa ogni tanto mi mette alla prova, chiedendomi di ripetere quello che ha appena detto. Forse è deformazione professionale, essendo lei un’insegnante, ma credo che sia più nella natura della donna in quanto tale. Sono diventato bravissimo, non mi coglie mai impreparato. Con il tempo ho imparato ad ascoltarla pensando ad altro. No, scherzo naturalmente. Ho imparato che per lei è importante e che se le voglio bene, ascoltarla è il minimo che posso fare. Altrimenti di che amore stiamo parlando? C’è un solo caso che la mossa migliore è fuggire o cambiare subito discorso: quando mi chiede se quel vestito la fa grassa. E’ un trabocchetto senza uscita. Qualsiasi risposta sarebbe sbagliata. Quindi meglio fuggire spostando l’attenzione su come stia bene con quella pettinatura o sul fatto che siamo in estate e quindi fa caldo. Un’ultima riflessione. Ascoltare vostra moglie è un afrodisiaco perfetto. Credetemi. Non avrà più mal di testa alla sera. Già perchè sentendosi accolta e amata avrà desiderio di donarsi a sua volta. Spesso non è lei che non ha desiderio, siamo noi uomini che non sappiamo accenderlo. Il suo desiderio passa anche dall’ascolto che noi le offriamo.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...