Come dono….un problema !

Rieccoci qui per continuare la riflessione sul silenzio di Dio. (per l’articolo precedente https://matrimoniocristiano.org/2020/09/08/pronto-ce-qualcuno/)

Continuiamo a lasciarci guidare dal Salmo 94 << Venite, cantiamo al Signore, acclamiamo la roccia della nostra salvezza. Accostiamoci a lui per rendergli grazie, a lui acclamiamo con canti di gioia. Entrate: prostràti, adoriamo, in ginocchio davanti al Signore che ci ha fatti. È lui il nostro Dio e noi il popolo del suo pascolo, il gregge che egli conduce. Se ascoltaste oggi la sua voce! «Non indurite il cuore come a Merìba, come nel giorno di Massa nel deserto, dove mi tentarono i vostri padri: mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere».

Continuiamo ad analizzare la sequenza dei verbi che precedono il verbo “ascoltare”. Dopo il “venite” precisato nell’articolo di settimana scorsa, cominciamo oggi con i verbi “cantiamo” e “acclamiamo”. Ma perché il salmista ci invita a rispettare questa sequenza ? Quando uno ha un problema, non sarebbe più logico pregare Dio per ottenere aiuto o la soluzione del problema ? Noi, abituati al “tutto e subito” fatichiamo ad entrare in questa logica… c’è un problema…. pochi click e troviamo la soluzione …. e invece… no!

A Dio piace un rapporto d’amore con l’uomo. Si potrebbe pensare che Dio sia un tipo difficile…. ma in fondo in fondo siamo così anche noi. Non è forse vero che non ci piace il fatto che il nostro coniuge ci cerchi solo quando ha bisogno di qualcosa da noi ? Non sarebbe meglio che ci cercasse per il solo gusto di godere della nostra presenza ? E poi, solo poi, dentro questo rapporto d’amore ci sta che ci chieda un aiuto, altrimenti non lo considereremmo un rapporto d’amore, ma ci sentiremmo sfruttati se non peggio ?

Non ci dovrebbe, dunque, meravigliare che il Salmo ci inviti a cantare ed acclamare a Dio, già….. poiché il nostro problema, per quanto grande sia, non è mai più importante della gloria, dell’onore, della lode che dobbiamo tributare a Dio, che è il Re dei Re. Ma per capire ciò dobbiamo immaginare che questo giorno in cui ci si presenta il problema davanti, potrebbe essere il nostro ultimo giorno in questa vita, e il nostro problema, per quanto grande e grave, rimane una realtà caduca, cioè legata a questo mondo. Se non è un problema che ha a che fare con l’eterna salvezza, non è mai così grosso da costringerci a non cantare ed acclamare al Re dei Re. Vi siete mai chiesti come mai anche nelle Sante Messe delle esequie, in cui tutti (compresi noi magari) i presenti sono in lacrime di tristezza, la Chiesa continuamente canta le lodi a Dio Padre ?…. insieme cantiamo Santo, santo, santo…….. ecc…….. ogni onore e gloria per tutti i secoli dei secoli …..ecc….. Perché ? Ma la morte della persona cara non è considerata un problema grave dalla Chiesa ? Certo che è un problema, ma la Chiesa ci educa ad avere uno sguardo che va al di là di questo mondo in cui ancora militiamo.

Perchè dal Paradiso le cose di questo mondo prendono un’altra prospettiva. E allora che fare quando si presenta un problema ? Cantare ed acclamare alla roccia della nostra salvezza. Ma se provvede ai passeri che non lavorano, non seminano e non mietono, non dovrebbe forse provvedere a due sposi che lo amano e cantano le sue lodi sia nella gioia che nel pianto ?

Coraggio sposi… pregate insieme per questo problema, pregate con questo stile: Signore, Padre buono, che tanto ci hai amati da donarci il tuo Figlio per la nostra salvezza, ti lodiamo perché ci hai regalato questo “problema” che ci aiuta a capire che la nostra vita è nelle tue mani, che senza di Te non possiamo far nulla, che ci ricorda quanto siamo fragili e quanto sei immenso Tu che non ci fai mancare la tua vicinanza, la tua grazia, il tuo sostegno, acclamiamo a Te che sei la nostra roccia, il nostro rifugio sicuro contro ogni nemico.

Provare per credere.

Giorgio e Valentina.

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp 

Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri L’ecologia dell’amore o Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui

6 Pensieri su &Idquo;Come dono….un problema !

  1. Grazie di aver condiviso con noi i vostri pensieri, siete una delle tante conferme che Dio mi va dando nel mio cammino di risalita incontro a Lui . Io sto sperimentando quello che voi dite , ed e’ vero sia nell’abbraccio che nel guardarsi, nell’accogliere l’altro nel fare tutti i gesti che vorremmo ricevere dall’altro.. E’ bellissimo, sorprendente, una scoperta nuova ogni giorno che passa, tra la sua lode ,il lavoro a casa (che non manca mai).

    "Mi piace"

  2. Pingback: Come nel tostapane ! | Matrimonio Cristiano

  3. Pingback: Baffi di Nutella !! | Matrimonio Cristiano

  4. Pingback: Più di una foglia ! | Matrimonio Cristiano

  5. Pingback: Cor lapis | Matrimonio Cristiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...