Recuperiamo la bellezza dell’amore


E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture: La pietra che i costruttori hanno scartata è diventata testata d’angolo; dal Signore è stato fatto questo ed è mirabile agli occhi nostri?
Perciò io vi dico: vi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che lo farà fruttificare.»

Matteo 21, 42-45

E’ importante contestualizzare il momento. Da un po’ di settimane ci troviamo nel mezzo della disputa tra i sacerdoti, rappresentati dai sadducei e dai capi del popolo, e il rabbinismo, rappresentato tra gli altri dai farisei. I rabbini sono coloro che impegnano la loro vita nello studio e nella trasmissione della Scrittura. Gesù naturalmente veniva associato dai suoi contemporanei a questa seconda categoria. Anche se Gesù non è catalogabile. Gesù sappiamo bene è anche sacerdote. Vive il suo sacerdozio proprio nel dono di se stesso per la nostra salvezza, lo vive nella sua passione e morte in croce. Gesù dai suoi discepoli era chiamato Rabbi, maestro mio. Addentriamoci ora nella parabola di questa domenica. Gesù enuncia la parabola dei vignaioli e di quel figlio del padrone che non viene accolto dai lavoratori della vigna, ma viene ucciso da essi.

Naturalmente Gesù sta parlando di se stesso e di quelle persone, che sono esponenti proprio delle due categorie influenti in quel tempo, che inveiscono contro di lui e tramano per la sua morte. Alla fine del Vangelo Gesù cita un salmo. Esattamente il Salmo 118 dal versetto 22 al 25:

La pietra scartata dai costruttori è divenuta testata d’angolo; ecco l’opera del Signore: una meraviglia ai nostri occhi. Questo è il giorno fatto dal Signore: rallegriamoci ed esultiamo in esso. Dona, Signore, la tua salvezza,
dona, Signore, la vittoria!

In questa riflessione ho deciso di concentrarmi proprio su questo salmo. Aiutato da fra Andrea che mi ha offerto spunti molto interessanti e illuminanti. C’è una contrapposizione forte tra i due attori principali. Ci sono i costruttori e c’è Dio che recupera quanto scartato dai primi per farne la sua meraviglia e la nostra salvezza. I costruttori sono naturalmente immagine dei capi del popolo. Sono coloro che fanno le leggi. Coloro che costruiscono la società secondo il loro metro e i loro valori ( o disvalori), che evidentemente non sono quelli di Dio.

Se contestualizziamo questo salmo ai nostri giorni, i costruttori possono essere anche coloro che hanno definito l’istituto matrimoniale. Lo hanno spogliato, legge dopo legge, di tutta la sua struttura fondante. Il matrimonio è diventato qualcosa di fragile e di instabile. In nome del progresso e della libertà il matrimonio è stato spogliato della sua ricchezza e fortezza. E’ stata cancellata l’indissolubilità, è stata negata l’unicità dell’unione tra un uomo e una donna, anche la fedeltà è diventata qualcosa di poco importante. Un esponente politico della maggioranza l’ha definita un retaggio di una cultura sorpassata e vecchia.

La nostra società ha gettato tutto questo. Abbiamo nel tempo dilapidato un tesoro. Noi abbiamo dentro il desiderio di vivere un amore radicale. Un amore gratuito che duri per sempre e che sia fedele. Un amore solo con quella donna o solo quell’uomo. Non è un retaggio. E’ ciò che desideriamo proprio per come siamo fatti.

Tutte queste leggi sono state introdotte per renderci più liberi e felici, debbo dire che non mi sembra sia andata così. Viviamo in una società dove è sempre più difficile essere felici e dove c’è sempre più solitudine, ansia e mancanza di senso.

Gesù ci dice di recuperare quella pietra scartata dai costruttori e di renderla nostra testata d’angolo. La nostra ricchezza più grande. Solo recuperando il desiderio di un amore che sia davvero radicale e sperimentandolo nel matrimonio, che è l’unione più profonda che ci possa essere tra un uomo e una donna, possiamo ritrovare quella stabilità e quel senso che a tanti purtroppo manca. Solo impegnandoci a fondo nel vivere il nostro matrimonio in tutta la sua pienezza e verità, nella fedeltà, nell’indissolubilità e nell’unicità saremo davvero liberi e felici. Anzi Dio ci dice di più: saremo salvi. E’ la nostra strada per la santità e la gioia.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp 

Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri L’ecologia dell’amore o Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...