La quaresima non è tristezza ma elevazione.

La quaresima non l’avevo mai capita bene. A cosa serve digiunare, rinunciare a quello che piace. Per cosa? Per chi? Poi diciamolo senza falsi pudori,. per molti il fioretto quaresimale è solo un rito senza una valenza significativa. Diventa un modo per cercar di smettere di fumare o di perdere qualche chilo. Nulla di più di questo, che seppur lodevole, non ci cambia veramente, e non ci prepara ad accogliere il sacrificio di Cristo sulla croce e la sua vittoria sulla morte nella resurrezione. Anche io la pensavo così, la quaresima, per me, era solo questo. Poi incontro Luisa ci fidanziamo e partecipo con lei a un corso per fidanzati. Non un corso normale, che solitamente serve a poco, ma uno di quelli che non ti lasciano uguale, di quelli che ti cambiano la vita. Era tenuto da un frate cappuccino, padre Raimondo Bardelli. Un fratone gigantesco, con due braccia e due mani da contadino, che ci hanno accolto in un abbraccio paterno bellissimo. Padre Raimondo ci ha parlato di tante cose, ma voglio soffermarmi sul cammino di quaresima. La quaresima serve ed è utilissima. Come tutte le “proposte” della Chiesa non è qualcosa che ci viene imposto per frustrarci e provocarci sofferenza, ma per crescere nella gioia e nella pace. Padre Raimondo ci ha mostrato come noi giovani dell’epoca (primi anni 2000) non eravamo educati a gestire le nostre pulsioni, i nostri istinti e le nostre voglie. Non eravamo capaci di controllarci, e di scegliere il buono, che solitamente va costruito e sudato, ma soltanto il piacere immediato. Volevamo tutto e subito. Non importa se era un cibo o una donna. Non eravamo capaci per questo di aprirci all’altro, ma solo di usarlo. Così non eravamo capaci di costruire una relazione sana basata sull’amore, ma solo di usarci. La quaresima è diventata mezzo per educarci e aiutarci a gestire i nostri istinti. Educarsi a non cibarsi di tutto e subito, ad avere giorni di digiuno e giorni in cui si mangia solo pane, mi è servito e tanto. Sembra stupido ma è così. Educare il proprio controllo non è solo rinuncia, ma è crescita. Significa non essere schiavo. Significa allentare quelle catene che impediscono di farsi dono per l’altro e di accogliere le sue esigenze senza imporre le proprie. Attraverso quella quaresima perpetua che è la castità, veramente si riesce a liberarsi di tanti laccetti e zavorre che non permettono di spiccare il volo di fare il salto di qualità. La quaresima, come già scritto, non è quindi un momento triste, ma di elevazione personale attraverso la fatica, questo si. Fatica che non è sempre rinunciare a qualcosa, ma può anche essere l’opposto. Sempre padre Raimondo, che ha seguito migliaia di coppie. ci raccontava spesso un aneddoto. Una delle sue coppie, sposata da alcuni anni, viveva il deserto sessuale. Per i soliti motivi quali lo stress, le tante cose da fare, il lavoro e così via, si erano persi di vista. Lui li ha accolti e loro hanno proposto, come fioretto quaresimale, di astenersi dai rapporti. Padre Raimondo li ha guardati con quel sua sguardo severo, ma sempre amorevole e ha risposto: Astenervi? Quale fatica sarebbe per voi? Il fioretto che vi assegno è di iniziare a ritrovare la vostra intimità, di impegnarvi per questo e non di astenervi, ma anzi di cercare di avere più rapporti sessuali tra di voi.

Alla fine ci disse che ebbero ben 4 rapporti in 40 giorni, ma fu comunque l’inizio di una ritrovata intesa.

Anche questo può costare fatica per alcuni, ma la quaresima è questo, farsi piccoli per liberare il nostro cuore dall’io per far spazio a Dio e con Lui a tutte le persone che ci stanno vicino, primo/a fra tutti il nostro sposo o la nostra sposa.

Antonio e Luisa.

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Per acquistare il libro Sposi sacerdoti dell’amore cliccate qui

Per acquistare il libro L’ecologia dell’amore cliccate qui

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Riscoprirsi una meraviglia!

Sono le 19 di un venerdì di settembre, siamo a Riccò di Fornovo presso villa S.Maria, arrivano tante famiglie, arrivano tante coppie, ognuna con il suo bagaglio di sofferenza, con i suoi pesi e le sue difficoltà. Ognuna alla ricerca della bellezza, di riscoprirsi una meraviglia. Arrivano da Genova, Milano, Torino, Ascoli e da tante altre città della nostra Italia. Alcuni arrivano attratti dal titolo del seminario: Come sigillo sul cuore. Altri attratti da un libro che hanno letto: L’ecologia dell’amore (Antonio e Luisa De Rosa – Tau Editrice), che hanno trovato diverso da tutti gli altri per il modo molto chiaro ed esplicito con cui gli autori raccontano l’intimità fisica. Altri ancora arrivano attratti dal programma del corso: si affronteranno temi difficili ma fondamentali come la sessualità nel matrimonio. E’ un seminario voluto da Viviana e Federico Grignaffini dell’ufficio famiglia e organizzato da Intercomunione delle Famiglie in collaborazione con l’ufficio famiglia stesso della diocesi di Parma. Intercomunione è una piccola realtà associativa, nata da una decina d’anni, già presente in diverse regioni italiane, nata dall’intuizione di un frate emiliano, padre Raimondo Bardelli, che ha lavorato tanti anni anche a Parma. Si comincia la sera stessa. Il programma è serrato, si deve finire entro il pomeriggio della domenica, non c’è tempo da perdere. Nei tre giorni si prega, si ascolta, si condivide. Senza moralismi si affronta tutto. Si affronta la chiamata all’amore di ogni persona. Si comprende come essa sia la risposta a una nostalgia profonda che ogni persona ha nel suo cuore. La nostalgia di un amore pieno, fedele, indissolubile e fecondo. Un amore che chiede tutto ma che dà anche tutto. Fino ad arrivare lì dove ci sono le sofferenze più grandi e dove è difficile trovare un aiuto, spesso anche solo parlarne. Luisa, un medico ginecologo, racconta il rapporto intimo degli sposi da ogni prospettiva: medica, biologica, fisiologica, psicologica e, non ultima, spirituale. Ed ecco che le ferite affiorano. Tantissime coppie sono ferite proprio nelle loro relazioni carnali. La Chiesa propone tantissimi percorsi dove approfondire la parte più spirituale del matrimonio, ma pochi dove si affronta l’amore nella sua dimensione più naturale e carnale. Dove si parla di preliminari e di amplesso. In modo chiaro senza filtri. Non si può costruire un matrimonio dal tetto. Bisogna iniziare dalle fondamenta. Da come ci si ama nel corpo. Lo dice anche, con parole diverse, Papa Francesco in Amoris Laetitia. C’è stato un momento in cui gli sposi partecipanti hanno davvero aperto il cuore l’uno all’altra: durante l’adorazione alla fine del secondo giorno. Un’adorazione guidata dove hanno saputo guardarsi con occhi nuovi e perdonarsi per il male che si sono vicendevolmente procurato. Il loro sguardo si è illuminato, le barriere erano cadute, erano pronti a ricominciare con convinzione perchè riuscivano a intravedere di nuovo la loro bellezza costitutiva. Erano belli e si vedevano belli. Quando è giunta l’ora di tornare a casa c’è stato un ultimo momento dove ogni coppia ha raccontato le proprie impressioni su quanto sperimentato in quel week end. Tante lacrime e tanto desiderio di ringraziare Dio. La sessualità è un dono meraviglioso di Dio, ci ha voluto maschi e femmine perchè potessimo amarci nella nostra differenza e complementarietà. Amarci come esseri umani, non come angeli. Amarci attraverso il corpo che diventa luogo dell’amore e liturgia sacra degli sposi. Solo riscoprendo, o scoprendo per la prima volta, come attraverso il corpo, attraverso la tenerezza, attraverso la corte continua e attraverso l’amplesso, ci si possa davvero amare in pienezza, gli sposi potranno finalmente abbandonarsi l’uno all’altra e al progetto di Dio su di loro e sulla loro famiglia. Possono diventare profezia e immagine dell’amore di Dio.

Vi aspettiamo ai prossimi corsi!

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie