Posso amarlo/a senza chiedere nulla solo se mi sento amato/a da Dio.

Amare senza condizioni. Quante volte ne ho parlato nei miei articoli. Quante volte ho scritto che l’amore, quello sponsale in modo particolare, necessita della gratuità, della fedeltà e di non porre nessuna condizione per essere autentico. L’ultima volta, come accade spesso, ho trovato un commento critico rispetto a questo tipo di riflessione. Come si fa ad amare così senza per questo smettere di amare se stessi? Come posso accettare determinati comportamenti da parte del coniuge senza venir meno all’amore che debbo avere e conservare per me stesso/a? E’ un’obiezione sicuramente legittima e che mi ha provocato nel cercare di rispondere. La mia risposta non poteva essere troppo breve e sintetica e per questo ho deciso di dedicarle un articolo specifico. Sicuramente la Chiesa ci insegna due atteggiamenti che sembrano essere in contrasto tra di loro.

Noi sposi siamo chiamati ad amare il nostro coniuge come Gesù ha amato la sua Chiesa, cioè ognuno di noi. Noi siamo profezia dell’amore di Dio. Immagine dell’amore di Cristo. Lo siamo non per dovere, ma per Grazia. Cristo che vive il suo vertice d’amore terreno per ognuno di noi non mentre scambia parole e gesti di affetto con i suoi discepoli, ma mentre muore sulla croce abbandonato da quasi tutte le persone che avevano manifestato amore per lui. Non sono rimaste che poche donne e l’apostolo Giovanni sotto la sua croce. Questo è il modello di amore cristiano. Non l’amore romantico, ma l’amore di sacrificio. Non significa sperare di vivere la croce, ma significa non far dipendere la mia volontà di amare da nessuno. Significa tenere fede ad una promessa. Essere fedeli all’amore sempre. Se l’altro non mi da nulla perchè devo amarlo? Se l’altro mi tradisce? Avete ragione, non lo metto in dubbio. L’altro/a non è perfetto e magari, concedetemi il francesismo, è proprio uno/a stronzo/a. Quindi cosa vogliamo fare? Piangerci addosso o cogliere questa occasione per svoltare? Per fare quel salto di qualità che ci può rendere veri cristiani, cioè imitatori di Cristo. Non significa accogliere la sofferenza come dono di Dio. Se l’altro/a è uno/a stronzo/a non è Dio ad averlo fatto/a stronzo/a, ma una sua mancanza, fragilità, peccato, ferita, chiamatela come vi pare. L’amore solo se reciproco non è un concetto di amore cristiano. Per quello non serve un sacramento e non serve la morte di Cristo in croce. Se condizionate il vostro amare l’altro all’amore che ricevete in cambio non state amando davvero. State semplicemente usandovi a vicenda. Il contrario di amore è commercio. E’ dare un valore al vostro amare. Vi riempite vicendevolmente il vuoto del vostro cuore. Il vuoto affettivo e il vuoto sessuale. Siete voi al centro. Sono io al centro. Perchè anche io non mi pongo come maestro, ma come uomo che vive in questo mondo con tutte le sue fragilità e difficoltà.

Arriviamo quindi al quesito del commento alle mie riflessioni. Come posso amare me stesso/a nell’amare una persona che non mi dimostra rispetto e fedeltà? Amare me stesso è fondamentale. Non significa essere individualista ed egoista, ma essere consapevole del mio valore e della mia bellezza. Questo valore e questa bellezza vengono meno se li “spreco” verso chi non li merita? No! Perchè non dipende dall’altro/a ma dalla certezza di essere amato da Dio che è morto per me, lo avrebbe fatto anche solo per me. Noi sposi siamo come due serbatoi vuoti o pieni a metà. Cerchiamo l’uno nell’altra quella sorgente per riempirci. Così facendo però ci riempiamo di nulla se i nostri serbatoi sono vuoti, oppure prosciughiamo l’altro per riempire il nostro se pieni a metà. Capite che così le cose non funzionano. Nel rito del matrimonio non esiste la parola se. Ognuno dei due sposi fa una promessa solenne: prometto di amarti e onorarti, di esserti fedele sempre. Sempre e non solo fino a quando tu farai altrettanto. Questo è l’amore incondizionato, questo è l’amore di Cristo, questo è l’amore che salva e che illumina. Per questo nel rito è aggiunta la frase: con la Grazia di Dio. Michel Quoist (importante presbitero e scrittore) scriveva: Amare, non è prendere un altro per completarsi, bensì offrirsi ad un altro per completarlo. Questa affermazione va spiegata perchè qui sta tutta la differenza tra chi ama secondo Cristo e chi ama secondo il mondo. Come fare? Attingere all’unico amore che non delude, che non si esaurisce e che è davvero gratuito. Attingere allo Spirito Santo nei sacramenti e alla relazione con Gesù che diventa persona amica e conosciuta. Quindi amare il coniuge che non se lo merita non diventa degradante per il nostro amor proprio, ma al contrario ci unisce sempre più a Cristo e questo ci permette di diventare persone sempre più capaci di amare e di amarsi perchè persone capaci di sentirsi amate da Dio.

Alla fine potrete capire che possiamo amare l’altro senza condizioni e per questo non smettere di amare noi stessi solo se comprendete che il nostro bisogno di amore può essere riempito solo da Gesù. E’ un cammino che anche io sto facendo piano piano con tante difficoltà e resistenze da parte mia. Mi rendo conto però che è l’unica strada per essere felice. Dovete farvi una domanda: chi è al centro della mia vita? Chi o cosa dà senso alla mia vita? Se ciò che dà senso e pace alla vostra vita è l’amore del vostro sposo (o sposa) significa che avete sostituito Dio con lui/lei. Significa che ne avete fatto il vostro idolo. Gli idoli chiedono la vostra vita e non la danno. Solo Dio dà senza chiedere nulla. Vi state illudendo e state sbagliando tutto. Quella persona non potrà mai essere colei sulla quale costruire la vostra felicità, anche solo per il fatto che potete perderla in qualsiasi momento. E’ mortale e finita. Se invece troverete la risposta alla vostra sete di amore e di eternità in Gesù allora il vostro matrimonio diventerà luogo dove restituire quell’amore a Gesù che è presente nell’altro/a e nel matrimonio stesso. Non sarà più l’altro/a a dover riempire il vostro serbatoio perchè sarete attaccati all’acqua corrente dello Spirito Santo che è inesauribile ed infinitamente buona. Allora non avrete bisogno per riempirvi di attingere al serbatoio dell’altro ma sarete pronti a riempirlo del vostro quando l’altro si troverà a secco e non potrà o non vorrà darvi nulla.

Spero di avervi dato una lettura diversa da quella che dà il mondo. Senza la presunzione che voi l’accettiate e la facciate vostra ma sperando che vi provochi una riflessione e vi metta un po’ in crisi. Almeno per me è stato così. Termino con le parole di don Maurizio Botta:

Ai giovani che stanno per sposarsi indico il crocifisso. “Allora, siete sicuri? Volete amarvi proprio così?”. Questo stesso crocifisso lo ritiro fuori quando la coppia viene a dirmi che c’è la crisi, la difficoltà, io attraverso il crocifisso li riporto a chiedere la grazia del matrimonio, li riporto a quella domanda: ma tu vuoi essere un discepolo di Cristo? Il punto centrale è sempre l’identità di Cristo, e io sono schietto: o Cristo è Dio o Cristo è un matto. Se tu ci credi, e vuoi essere suo discepolo, quando sei in fila per la Comunione, riferendoti al tuo sposo o alla tua sposa devi dire: “Voglio amarlo come lo ami Tu”, quindi significa che credi che quello sia il corpo di Cristo e allora io domando ancora: davvero vuoi amarlo così? Fino a farti mangiare? Questo è il cuore del matrimonio.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Per acquistare il libro Sposi sacerdoti dell’amore cliccate qui

Per acquistare il libro L’ecologia dell’amore cliccate qui

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie