La famiglia è la ricchezza

Il 2016 è finito. Cosa mi resta di questo anno? Gioia, rabbia, rassegnazione, rinascita, dolore, meraviglia, speranza, forza e malattia. Ogni persona, e io non faccio eccezione, sperimenta tutto questo nel corso di un anno. Avere una famiglia è poter condividere tutto. Condividere le cose belle e quelle brutte. Ogni gioia condivisa è più vera, ogni successo ha più senso. Ogni momento, anche il più semplice, vissuto in famiglia ha un calore davvero bello che dà sostanza al giorno. La famiglia permette di moltiplicare la gioia e di dividere il carico della sofferenza e del dolore. Un anno volato via in un attimo, tanto sono state le cose da fare, ma mai sprecato. Un anno meraviglioso e di meraviglia. La meraviglia di vedere i propri figli fiorire giorno dopo giorno, la meraviglia dei loro sorrisi, domande, pianti, delusioni e successi. La meraviglia di vederli diventare grandi e sempre meno bisognosi della nostra guida, ma non del nostro sostegno. Per finire un altro anno di matrimonio, un altro anno che ci ha reso ancora più uno, ancora più l’uno per l’altra e l’uno nell’altra. Lei, che continua a dirmi che un giorno mi stancherò, che sta diventando vecchia ed io, invece,  che non mi stanco mai e mi  sembra sempre più bella e io sempre meno meritevole di tanto.  Nel Cantico dei Cantici si dice che l’amore è forte come la morte ed è proprio così. Non mi stanco mai perchè l’amore è meraviglia, l’amore è bellezza, l’amore è verità. L’amore è più forte della morte perchè supera la morte che abbiamo tutti dentro, la morte del peccato e del vuoto, del non senso e della banalità. Il suo amore, con tutte le imperfezioni e le povertà che tutti abbiamo, mi ha mostrato l’Amore, l’amore della mia sposa  mi ha mostrato il volto dello sposo, di Gesù. Sento spesso dire che il matrimonio è la tomba dell’amore. Non è così, l’amore cresce, cresce giorno dopo giorno. Non smette mai di crescere. Se non cresce decresce. L’amore non è mai fermo, ma sempre mutevole. Più sarò capace di amare la mia sposa e più sarà anche il 2017 un anno non sprecato ma vissuto appieno. Grazie Dio per questo 2016 e ti affido la mia vita e la mia famiglia per l’anno appena iniziato.Dio fammi capace di sedurla per 365 volte, una per ogni giorno; Dio fammi capace di sceglierla per 365 volte, una per ogni giorno; Dio fammi capace di amarla sempre più, ogni giorno più del precedente e meno del successivo.

Se non condivido la tua vita, la mia si complica.

Se non ti cammino accanto, mi affatico.

Se non ti comprendo, mi confondo.

Se ti ferisco, mi sento lacerato.

Se ti escludo, perdo le mie radici.

Se ti trascuro, mi sento ingiusto.

Se non percorro la tua strada, smarrisco la mia.

Ti ascolto e mi ritrovo più saggio.

Ti ringrazio e divento più ricco.

Ti parlo e guarisco le mie ferite.

Ho fiducia in te e cresce la mia speranza.

Ti accarezzo e mi sento appagato.

Mi consegno a te e mi sento protetto.

Ti stimo e sento di valere.

Ti guardo con purezza e comprendo ciò che è sacro.

Ti sono fedele e mi sento genitore affidabile.

Cerco la tua anima e trovo la mia.

Cerco di essere più degno per te e mi sento degno di Dio.

Prego per te e Dio mi sorride.

(di autore sconosciuto)

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...