La tentazione non va ascoltata!

Il Papa, durante la sua omelia a Santa Marta, ha affrontato il tema delle tentazioni. Ecco un breve passaggio di ciò che ha detto:

Il diavolo circuisce con il dialogo Le tentazioni portano a nasconderci dal Signore, rimanendo con la nostra “colpa”, col nostro ”peccato”, con la nostra “corruzione”. Partendo dall’odierna prima lettura dal Libro della Genesi, Papa Francesco si sofferma sulla tentazione di Adamo ed Eva, poi su quella di Gesù nel deserto. È il diavolo – spiega – che “si fa vedere in forma di serpente”: è “attraente” e con la sua astuzia cerca di “ingannare”, è “specialista” in questo, è il “padre della menzogna”, è un “bugiardo”. Sa quindi come ingannare e come “truffare” la gente. Lo fa con Eva: la fa “sentire bene”, spiega il Papa, e così comincia il “dialogo” e “passo dopo passo” Satana la porta dove vuole lui. Con Gesù è diverso, per il diavolo “finisce male”, ricorda Francesco. “Cerca di dialogare” con Cristo, perché “quando il diavolo circuisce una persona lo fa con il dialogo”: tenta di ingannarlo, ma Gesù non cede. Quindi il diavolo si rivela per quello che è, ma Gesù dà una risposta “che non è sua”, è quella della Parola di Dio, perché “col diavolo non si può dialogare”: si finisce come Adamo ed Eva, “nudi”:“Il diavolo è un mal pagatore, non paga bene! E’ un truffatore! Ti promette tutto e ti lascia nudo. Anche Gesù è finito nudo ma sulla croce, per obbedienza al Padre, un’altra strada. Il serpente, il diavolo è astuto: non si può dialogare col diavolo. Tutti noi sappiamo cosa sono le tentazioni, tutti sappiamo, perché tutti ne abbiamo. Tante tentazioni di vanità, di superbia, di cupidigia, di avarizia… Tante”.  (tratto da Avvenire).

E’ sorprendente come ci si ritrovi in queste parole. Almeno io ci sono dentro completamente. Se mi guardo indietro, nella mia vita matrimoniale, molte volte mi sono fatto raggirare da Satana. E avviene proprio come lo ha spiegato papa Francesco. Si inizia con poco, basta un torto presunto o reale ricevuto, una mancanza di attenzione, un tono di voce sbagliato. Con me Satana non faceva troppa fatica. Incominciavo quel dialogo interno sempre più o meno uguale: non mi considera abbastanza, perché non capisce che ne ho bisogno, non apprezza tutto quello che faccio, mi dà troppo per scontato, non si merita tutte le mie attenzioni, pretende troppo da me, lo sapeva che ero così e mille altri motivi. Tutte questi pensieri negativi se li tieni dentro ti intossicano. Bisogna avere la forza e la determinazione di buttarli fuori, per non lasciare spazio al diavolo che vuole dividere. Bisogna avere l’intelligenza e la capacità di non pretendere che l’altro/a capisca tutto ma parlarne in un dialogo franco e costruttivo. Può capitare di litigare, non tutti riescono a mantenere sempre il controllo e non è detto che sia sempre un male, ma non bisogna tenersi dentro la frustrazione e l’insoddisfazione. La preghiera è decisiva in questo. La preghiera non è una magia ma permette di spostare l’attenzione dal divisore, il diavolo, a colui che ci ha unito indissolubilmente, Gesù. La preghiera permette di tornare all’origine, di ricordare che quella persona che ti ha ferito, ti è stata donata da Dio perché in te potesse trovare un compagno di viaggio e che potesse accoglierla con tutte le sue fragilità. La preghiera ti offre un orizzonte non solo orizzontale ma ti permette di alzare gli occhi al cielo e di comprendere quanto piccola sia quella situazione che sta rischiando di rompere qualcosa nella relazione, in confronto alla bellezza di una vita insieme vissuta alla luce dell’eterno di Dio. La preghiera ti mostra la strada, ti cancella la nebbia che non permette di vedere l’unica via possibile che è quella del perdono. La preghiera rimette le cose al loro posto e davvero permette di cancellare il male subito e di aprire il cuore al perdono, rendendo quella situazione, di piccola o grande sofferenza, un’occasione per amare ancora di più e crescere nella relazione.

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...