Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date.

Nel Vangelo di oggi Gesù afferma qualcosa che non è per nulla scontato:

Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date

Siamo abituati in tutte le nostre relazioni, siano esse economiche, lavorative e anche affettive a dare un valore, un prezzo a ciò che facciamo, al nostro tempo, alle risorse che impieghiamo. Purtroppo questo avviene anche nel matrimonio. Quante volte i matrimoni implodono perchè le persone dichiarano di non sentire più nulla per la persona che hanno sposato?  Cosa significa? Chiaramente è una implicita constatazione che l’impegno e il legame non valgono la fatica che costano. Significa mettere sulla bilancia costi e benefici e, come farebbe qualsiasi imprenditore, decidere di tagliare ciò che è improduttivo, che non ci rende nessun utile e addirittura provoca una perdita. Vi rendete conto di quanto è misero questo modo di concepire la relazione? Significa considerare il coniuge come qualcosa da mantenere, curare e nutrire finchè serve, finchè non diventa un peso per la vita e per il nostro benessere psicofisico. D’altronde la nostra società è una società del profitto che spinge all’individualismo e all’egoismo. Come dice Papa Francesco, è caratterizzata dalla cultura dello scarto e il matrimonio non ne è esente. Nulla di più facile che entrare in questa dinamica e gettare il coniuge senza troppe remore, perchè ciò che conta siamo noi, tutto il mondo gira intorno a noi. Siamo così dentro questa cultura, che quando ci viene offerto qualcosa di gratuito siamo istintivamente portati a diffidare, a cercare di capire dove sia la “fregatura”. Non è forse così? Quando riusciamo ad uscire da questa  maledetta spirale di sofferenza? Quando incontriamo Cristo nella nostra vita. Quel Cristo che ci ama in un modo così autentico e incondizionato, tanto da commuoverci nel profondo. Solo se si fa esperienza di questo perdono saremo liberati dalla cultura dello scarto. Vedremo poco alla volta con gli occhi di Gesù e quando il nostro coniuge sarà in difficoltà, riuscirà a darci poco o magari non sarà in grado di darci nulla e avrà bisogno del nostro sostegno, non tireremo fuori il bilancino per decidere, ma ci doneremo con tutto ciò che abbiamo, perchè Cristo ci ha amato così e ora è il momento di restituire il nostro poco attraverso quell’uomo o quella donna che Dio ci ha messo al fianco e che in quel momento è il bisognoso, il povero, l’afflitto, il malato o il carcerato (schiavo del peccato) che ha bisogno di noi. Questo è l’amore gratuito vissuto, questo è l’amore che promettiamo di vivere durante il rito del matrimonio e questo è l’amore che Dio attraverso la Grazia ci permetterà di realizzare nella nostra vita e nella nostra relazione.  Io l’ho visto incarnato nei miei nonni. Mia nonna che a seguito di una malattia degenerativa ha perso progressivamente la parola, il movimento e la ragione. Gli ultimi tempi non faceva altro che emettere lamenti tutto il giorno. Mio nonno non solo non l’ha avvertita come un peso, ma l’ha curata con una tenerezza e una pazienza che mi hanno toccato profondamente il cuore. Non era da solo, Dio era con lui. Ora è morta ma quegli ultimi tempi resteranno nella mia memoria non solo come un momento di sofferenza e di dolore ma anche riempiti di un amore autentico gratuto e incondizionato. Ho chiesto a Dio di donarmi la forza, nel caso fosse necessario, di essere altrettanto forte, tenero, paziente ed amorevole perchè l’amore se non è così non è amore ma solo un reciproco scambio di interessi.

 

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...